| Home Istria |



 

Castelvenere (Kaštel)



(foto e servizio di Massimo Barbo)




 

Cenni storici e notizie:

Posto in cima d un irto colle a 123 metri sul livello del mare, il sito di Castelvenere fu sede di un antico castelliere ed alcuni scavi effettuati sul finire del XIX sec. portarono alla luce reperti preistorici ed antiche tombe scavate nella roccia risalenti al VI sec. a.C.

Abitata da popolazioni venete, subì le invasioni celtiche e divennte importante castello romano denominato Castrum Veneris. Il nome del villaggio deriverebbe dalla probabile esistenza di un tempio romano dedicato alla dea Venere o al "Castello della Vena" come veniva chiamato dagli Istri per i quali la "vena" era la roccia a picco. Fu nei secoli conteso tra Buie e Pirano e fu spesso incendiata per la sua posizione strategica che gli permetteva sia di controllare il golfo di Pirano che la strada che da questo portava (e porta) all'interno dell'Istria. Con il crollo della Serenissima nel 1797 il territorio passò al dominio Absburgico e quindi al Regno d'Italia nel 1918. Finita la seconda guerra mondiale il territorio entrò a far parte della Zona B del Territorio Libero di Trieste amministrata dagli jugoslavi e di fatto divenne jugoslava per poi passare alla Repubblica di Croazia nel 1991 in seguito alla disgregazione della federativa.

La sua spettacolare posizione offre al visitatore un panorama eccezionale sulla valle del Dragogna. Castelvenere è stato sempre un piccolo villaggio con pochi abitanti (lo spazio sul colle è veramente limitato) ed oggi conserva molte antiche case in pietra bianca alcune abbandonate e semi crollate, altre ristrutturate e ben conservate. (*)


 

Massimo Barbo - TuttoTrieste.net

 

 

La Chiesa ed il Campanile di San Sabba (1869):

 

Il vecchio villaggio:

/p>

<=

resti della

Torre di Guardia

<=

ruderi della

Casa Furegoni

 

vedute da Castelvenere sulla Valle del Dragogna



Bibliografia:

Dario Alberi, "Istria, stora, arte, cultura", Lint Editoriale Trieste

AA.VV. "Istria, Cherso, Lussino, guida storico artistica", Bruno Fachin Editore Trieste

Fabio Amodeo, "Tutto Istria", Lint Editoriale Trieste

Gaetano Longo (dis.Aldo Bressanutti), "Terra d'Istria", Lint Editoriale Trieste


 

 

(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.

 


 




| Home Istria |