El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

andar per vetrine con le babe...

Ciao a tuti miei polastri e mie bele polastre, son el vostro Dindio de fiducia, no un Dindio qualsiasi ma el meo, ossia el MercaDindio.

. “Aiuto, aiuto MercaDindio, son stufo de andar per vetrine con mia moglie, no ghe ne posso più!!!”. Su su dai coraggio polastro, so che xe un sacrificio ma fa contenta la molie. Fin che se xe giovini, pur de star in compagnia de la moroseta gnanche no pesa andarghe drio per vetrine, ma dopo qualche ano el rigeto se fa sentir. Costreto in tuti i casi da la moglie a ‘sta passegiata forzada, xe el polastro che tasi e, mastigandose la lingua, ghe va drio e xe el polastro che tenta de divincolarse inventandose dolori de schena o de pie, nausee da indigestion de mussoli scotai, irinunciabili impegni come la finale del torneo de briscola e tresete in osteria de Pino, insoma tute scuse che de solito no taca e quindi tuti drio de la pollastra a vardar vetrine, con la speranza che no la se sogni anche de comprar quel che la vedi perché una volta le te svodava solo el portafolio, ogi con la moderna tecnologia, una volta svodà el tacuin le riva a farte sanguinar la carta de credito! “Varda Ucio, che bel quel vestito a fiori”, “…ooh varda che bele scarpe co’l taco!”, “…uuuh i ga ancora le giacete con le paiet!” e intanto el polastro, rassegnado e con le man drio la schena, zerca de assecondar la compagna, pensando intanto a chi comprerà in difesa la Triestina o a chi vinzerà el torneo de briscola e tresete in osteria de Pino.  La tragedia nassi quando la pollastra se inacorzi che l’omo xe chissà dove con la testa e alora, pensando che el se anoi, la zerca de renderlo partecipe coinvolgendolo nei sui ragionamenti: “Ucio varda quela cotola, la te piasi? E cossa te par de quela bareta de lana?” Imediatamente dopo la risposta de l’omo nassi sicuro casin perché se el ghe disi che no ghe piasi gnente la se lagna che el xe scorbutico e che no’l iuta, se el disi che xe bel scata subito l’acquisto e la xe altri dolori.

Secondo mi, cari i miei polastri, questo xe un sacrificio che ogni tanto dovemo far ma ben pezo xe quando se camina per andar in qualche posto, tipo del dotor o a cior i fioi de qualche parte, eco alora che la baba riva a fermarse a vardar le vetrine ciapando de sorpresa el povero omo che ga solo smagna de rivar in tempo.

Ma eco cari miei la soluzion del vostro MercaDindio: la prossima volta che la dona ve domanda, anzi ve costringi, a andar con ela per vetrine voi acetè de bon grado, lassè che la vardi quel che la vol e voi anche assecondala su quel che la parla dimostrando possibilmente un zerto interesse. La vendeta parti co ve capita a tiro una vetrina de una qualche botega che a ela no ghe interessa e quindi fevela interessante per voi. Per esempio un negozio de zogatoli, fermeve davanti la vetrina e vardeli con morboso interesse: “Varda Gisela che bele machinine co’l radiocomando, le gavessi sempre volude de picio!”, “Franca andemo veder dentro se i ga i pupoloti novi del Pokemon”, “chissà se xe rivada la nova consol de la Pleistescion?”. E cussì podè far davanti una vetrina de ricambi per auti, de compjuter, de acessori de eletronica, de biciclete e cussì via. Stè pur tranquilli miei cari polastri, che la prossima volta o le va sole o le ciama un’amica.

Ciao polastri e polastre, se bechemo la prossima.
 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved