El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

el giorno de San Nicolò

El sie de dicembre: ogi xe San Nicolò! El giorno più bel del’ano per ogni muleto triestin. Gnanche l’ultimo giorno de scola, l’ultimo giorno de lavor prima dele ferie, el giorno che casca el governo o el giorno che Cannavaro ga alzà la copa del mondo, xe cussì bel come el giorno de San Nicolò. I fioi la sera prima no riva a ciapar sono per l’emozion dela sorpresa e comunque i se indormenza con un fiatin de spago perché xe inquietante el pensier che un omo vecio e s’gionfo con un barba bianca e longa, vegni dentro casa tua de scondòn, el se bevi un bicer de vin, el magni dò biscoti per po’ telar via senza far rumor. I fioi va in paion pensando a come sto povero omo riverà a portarghe el robot atomico che i ghe ga domandado, le putele che se cruzia al pensier che el bon vecio, essendo un omo, el podessi sbaliar bambola ma sia mas’ceti che donete i resta intenti a meditar sui caprici che i pol gaver fato in sti ultimi mesi, su quanto i ga fato rabiar mama e papà, su tute le volte che i ga mandà in remengo la maestra, tuto per paura de trovar carbon al posto dei zogatoli. E cussì pensando, i fioi taca a stricar per esser pronti e freschi za de matina bonora come che no sucedi mai in nissunissimo altro giorno del’ano. El mal xe quando che el sie de dicembre casca de giorno de lavor e bisogna lassar presto i zoghi per corer a scola dove che inveze de scoltar le lezion, i putei scalpita impazienti de tornar a casa per remenarse coi regali novi. ‘Sai pezo xe quel caso dove che la maestra no xe triestina e quindi no la riva a capir sta storia che xe vignudo San Nicolò disconossendolo come quel che porta de note i regali ai fior visto che in tuto el resto del mondo ‘sto lavor ghe competi solo e esclusivamente a Babo Natale. Care siore maestre, permeteme de meterve al corente che noi a Trieste semo sempre dala parte dela ragion, anche quando che semo i unici al mondo a far una roba come, presempio, el capucino espresso che solo de noi xe servido in cichereta mentre ovunque in Italia i te porta un scudelon, stesso discorso val per San Nicolò e ve spiego subito el perché. La legenda disi che una picia de familia povera ma tanto bona e brava, gaveva domandà de gaver un regalo tuto per ela e cussì la gaveva messo el suo zocolo fora de la finestra. La matina in tel zocolo la ga trovà un useleto che, probabilmente, iera cascado da un nido e sicome che quela iera la note de San Nicola, de là xe nata la storia del santo che porta i regali de note ai fioi che se comporta ben. La storia ga girado el mondo cambiando a seconda dei usi e dei costumi ma salvando praticamente solo che a Trieste, l’originalità de base. San Nicola che in inglese se disi Saint Nikolaus altro no xe ogi che Santa Klaus che gira la note de Nadal per l’Europa e l’America fazendose ciamar solo in Italia col nome de Babbo Natale o nei paesi del’est Nono Inverno. Ancora una curiosità che forsi no tuti gaverà notado: mentre Babo Natale ga braghe e capoto rosso e el capel col fez, San Nicolò xe vestido de vescovo con una tunica rossa longa, el gropoloso baston pastorale e la mitra vescovile per capel. Morale dela favola xe che i fioi triestini xe i più fortunadi del mondo quando che i riva a ciapar sia San Nicolò che Babbo Natale, ala facia del consumismo!

E viva San Nicolò!!!

Ciao polastri e polastre, se bechemo la prossima.
 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco el San Nicolò del 2008 su dighelo al Dindio

e

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved