El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

el misterioso mondo dela musica in scarsela

Ciao a tuti cari i miei polastri e mie bele polastre, ogi el vostro MercaDindio de fiducia ve vol parlar de un regalo che va sai de moda far ogidì ossia el letor de emepitre. “Che diavoleria xe sta roba?” me par za de sentir qualchedun ma gnente paura, altro no xe che un mangianastri ma giusto un fiatin più sofisticado. Del resto, ogi come ogi, sto ordegno lo ga per le man cani e porchi e no sté dirme che no gavè mai visto in giro giovini e meno giovini con do pice cufiete fracade intele orece e i cavi che va a finir dentro la maia o dentro la scarsela come el dotor che ga pena auscultado el malado con el sfigmomam…. Bon insoma quel afar là? In pratica sti cavi va a tacarse a un picio ordegno che no pesa gnente e sta in ogni buso ma el pol tignir dentro zento o dozento canzoni. Eh si, altri tempi iera quei che per portar in giro la musica bisognava ciorse drio el mangiadischi che i li fazeva positamente con la maniza fissa o, in quei più moderni, con el manigo estraibile. Grandi come un borsel, te ghe fracavi dentro el disco in vinil de quarantazinque giri che tigniva una canzon sul lato A una sul lato B e oviamente per cambiar canzon bisognava tirar fora el disco e girarlo de quel’altra parte. Altro che aipod, grande come un dedo, che tien dozento e passa canzoni. In efeti no go mai capì perché i ghe meteva el manigo ai mangiadischi visto che se no i stava fermi sul tavolo el disco saltava. E no go gnanche mai capido perché i fazessi i mangiadischi visto che el stesso botegher che te li vendeva diseva che i rovina i dischi perché fracandoli dentro i se russava su la puntina sgrafandose. Ma questa ormai xe archeologia musicale e dopo i mangiadischi xe stà el bum dei uolkmen, i primi a gaver inganzado le cufiete per le orece. Sti ordegni, grandi come un toco intiero de savon de Marsilia, iera veramente rivoluzionari perchè inveze del disco in vinil se scoltava la casseta: no quela de naranze, la musicasseta che tigniva tante canzoni come el disco de trentatre giri. E me ricordo che i modei novi gaveva anche la possibilità de scoltar tuti do i lati dela casseta senza tirarla fora e voltarla grazie a l’autorevers: che progresso! Finchè dopo tanti ani xe rivadi i zd, e anche per lori xe stà inventado el letor portatile con le scufiete. Ma questi letori ga avudo vita breve perché stava per rivar la vera rivoluzion del secolo: la musica in emepitre! In pratica la musica no xe più un disco, una casseta, un zd e gnanche un superotto (ve ricordè quei cugni de cassete grandi come un mazo de carte de scala quaranta?) ma più semplicemente, o dificilmente dipendi dai punti de vista, la musica xe un fail. E sti strambezi de fail basta meterli su una memoria, intendo dir memoria artificial no memoria de vecio con l’alzhaimer, che xe una roba picia picia che no intriga, no pesa, no sporca ma fa sai casin perchè tuti in giro con ste cufiete ga la manìa de scoltar col volume in piena. Quante volte ve passa vizin un con ste cufiete e sentì anche voi quel che scolta lui? Per no parlar in coriera o in fila in posta. Cussì tuta la gente isolada dal resto del mondo va avanti per la sua strada, fregandose se un vizin te domanda una man per traversar la strada o se drio de ti i se stà patufando per un postegio. Altro che el caro vecio mangiadischi, che forsi rovinava i dischi ma ingrumava la muleria tuta intorno per scoltar el disco e cantar tuti insieme.

Ciao  polastri e polastre, se bechemo la prossima.
 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved