El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

i novi confini verti

Ciao a tuti cari i miei polastri e mie bele polastre, una question che interessa i triestini xe la nova apertura dele frontiere con la Slovenia e tanti de voi me ga scrito (mercadindio@tuttotrieste.net) per saver cossa che ghe ne penso. Digo subito che me par una roba sai bela se no altro pel fato che podemo moverse senza la prepusniza in scarsela e adiritura se se movemo senza carta de identità nissun dovessi romperne l’anima. Podemo andar a caminar o in bici per tuto el Carso senza pensier de sconfinar, podemo andar a magnar, a balar, in casinò, ale terme, insoma per tuto, senza pensier de far fila e mostrarghe i documenti a dò autorità diverse cola speranza che ogniduna sia de bona voia e no de voia de verzerte l’auto. Tute robe semplici e bele che adesso semo liberi de far ma xe qualcossa de altro che preocupa i triestini ossia che con sta apertura tropi polastri i vadi tropo spesso in tela vizina nazion. La benzina costa de meno, la pizza anche, la bira gnanche a parlar e forsi forsi anche le palacinke. Xe poi pien de pissine e terme che noi gnanche se sognemo e ghe xe i casinò che a casa nostra xe praticamente vietadi. Pareria che anche i quartieri, le casete e le vilete sia meno care che de noi e, fato importantissimo, le tasse xe tanto più basse. Se in Slovenia el paron de un local vol un complesso che ghe soni basta che el lo ciami, el lo paghi e el lo fazi sonar. A Trieste inveze ghe vol l’autorizazion del Comun, ghe vol pagar la Siae e ghe vol sperar che nissun no ciami i Carabinieri perchè la musica disturba. In Italia xe pien de domande su carte bolate, concessioni de gaver e diriti de pagar con el fazile ris’cio che qualche autorità te disi quela fatidica frase che tanto xe de moda a Trieste: no se pol! Quel che mi voio dir con sti semplici e insulsi esempi xe che se voleremo esser in grado de sostegnir la concorenza de quei sgai dei sloveni doveremo esser meno rigidi e se inveze volemo che per la nostra zità sta apertura dei confini sia un vantagio doveremo esser no solo meno rigidi ma adiritura più elastici del astico. Gaverè inteso che una importante dita svedese de mobili componibili voleva verzer a Villesse una filiale? Pareria che autorizazioni, richieste, lungagini burocratiche gabi fato si che i gabi rinuncià per andar a Capodistria. Se anche no fussi vera sta notizia xe comunque de pensarghe. Lassemo star la fiaba de “Trieste capitale dell’Euroregione” che me par che no ghe interessi a nissun visto che adiritura i furlani no ga protestà per gaver Udine come capitale e vedemo de serar la stala prima che tuti i manzi sia filai e i ne lassi a boca verta domandandose “zakai?”.

Ciao polastri e polastre, se bechemo la prossima e bnon domila e oto a tuti.
 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved