El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

tra tante lingue straniere, anche el furlan in tele scole

Ciao a tuti miei polastri e mie bele polastre, son el vostro Dindio de fiducia e sta volta voio afrontar un problema che a tanti, genitori e fioi, ghe frizi in testa: che lingua foresta far a scola. Come prima roba vien de dir l’inglese perchè xe quela che, in teoria, te permeti de andar per tuto el mondo, la lingua che tuti studia e che, oramai, tuti devi saver anche solo per strucar i botoni de le machinete dele merendine dove xe scrito “push” inveze de “struca”. No saria mal gnanche el cruco che tuto somado xe una vecia lingua nazional triestina e che, oltre che per sto fil de rispeto per “povero nostro Franz defonto”, xe una lingua utile per andar in ferie e per andar a imbriagarse a la “festa de la cesa” meio conossuda come “Oktoberfest”. Con questo voio dir che l’inglese o el cruco ga oramai de esser lingue che bisognassi saver e el vero problema de ogi xe de indovinar un’altra lingua straniera de imparar. L’ungherese, el cinese, el russo, l’arabo xe quele che ogi vien consiliade dei esperti de finanza e de comercio anche se de le nostre parti me par che ghe sia un problema sai più importante: l’insegnamento del furlan in tele scole!!! Adesso mi digo, con tuto el rispeto per i vizini cugini “lanfuri”, el furlan xe una lingua per modo de dir, xe un missmass de parole incomprensibili che par gargarismi, xe sempre solo che stada una “parlada” de casa e in ogni casa ogni furlan parla come che’l vol senza regole. E no stemose dimenticar che in ogni cantòn de la furlania se parla un furlan diverso tanto che no i se capissi gnanche fra de lori! Ma se sa che el furlan xe bravo a bater duro e fin che no’l otien quel che’l vol el bati avanti, e cussì basta andar a farse un giro co’ l’auto fora zità per trovarse davanti ale tabele stradali co’l nome del paese anche per furlan. Come che i se ga insognà de scriver i nomi dei paesi nissun sa dir e noi che el furlan no lo conossemo ne par tuto folkloristico ma un mio amico dindio de Artegna me ga contado che qualchedun se ga insognado de strane regole fisse pe’l dialeto (ops volevo dir per la lingua) furlana spiegandome che vignindo intel suo paese se vedi la tabela con scrito Dartigne quando tuti in paese i lo ga sempre solo che ciamado Artigne!!! “Mah”, ghe go dito mi, “no infastidirte, se sa che le regole xe regole, sopratuto quele de gramatica, e se ti a scola no te ga studià el furlan no te pol saverle ste robe! No te pol pretender de parlan un furlan giusto se no te se ga mai messo davanti a un libro, se no te ga mai scrito do righe ma te ga solo che parlà con tu mare, tu pare, tu nono e tu zia”. Mi che son un dindio de larghe vedute stago pendando de iscriverme a un corso de furlan anche se forsi gavessi prima bisogno de far un corso de triestin, perchè me xe vignudo el dubio che anche el mio dialeto no sia poi propio tanto giusto come che lo parlo e, sopratuto, come che lo scrivo. Spetando quindi che i verzi una bela scola de triestin, no resta che saludarse come che i ne insegna nel unico corso disponibile pe’l momento: mandi mandi e bus a fruss!

Ciao polastri se bechemo la prossima e studiè le lingue che solo savendo le lingue se pol girar tuto el mondo

.
 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved