>

El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

Parità dei sessi, disparità dei diriti

Caro MercaDindio, me go sempre domandà se a ti, usel sagio e de mondo, no te fa un poco de impression 'ndar pele sconte con tute quele polastrele col zervel de galina che te ronza torno perchè te son un figo. Vardine a noi omini fortunai inveze, che se la femo sempre con babe studiade, inteletuali e superiori a noi in tuto e per tuto...  Insoma, ti coss' te pensassi se vignissi fora una lege che stabilissi l'ugualianza de diriti e doveri tra polastre e polastri, tra dindi e dindie, tra gali e galine, l'obligo de cova pei mas'ceti e el dirito dele galine a far chichirichìii de matina bonora per romperghe i bobi ala gente che spava - ma po' però dindie, galine e polastrele gavessi per zonta anche sacro dirito ai parchegi preferenziali, al sconto in taxi dopo le diese de sera se no le xe compagnade (ma cossa le 'ndarà po' a far sole per strada a quele ore, me domando mi), ai alimenti e ai fioi in caso de separazion, e tute quele robe là? Insoma, dindio mio, te son d’acordo cola la superiore ugualianza dele babe opur soto soto te rimpianzi anche ti i veci tempi andai de co' le iera creature fragili e delicate de rispetar e proteger inveze che camionisti coi tachi come ogi? Virilmente tuo, Pier Capponi.

Cossa dir, caro el mio Pier, se no che te sfondi una porta za verta o, vardandola con altri oci, te sbati su un muro de goma. Mi tuto somà son un Dindio moderno ma con grande simpatia per i usi e i costumi del “se stava meio co se stava pezo” e co’ digo cussì intendo che xe sempre bel veder un polastro che fa el cavalier con una polastrela, lassandola passar per prima, iutandola a rucar un peso, lassandoghe el posto in filovia. Ma purtropo ogi se vedi sempre de più scene de indiferenza tra zente che no se conossi e gesti de menefreghismo tra amici e coleghi. No xe strano veder una polastra rucar el buiol de l’acqua per el dispenser o el scatolon dela carta per la fotocopiatrice davanti a coleghi polastri che fa finta de no veder e magari, co’ no servi più, i se fa avanti con la mitica frase “te podevi dirme che te davo una man!”. Questo fa tuto parte de quela oramai consolidada abitudine de pararse drio al moto “le voleva la partità…” come se tuti gavessi el dente invelenà per stà superiore uguaglianza dei sessi, come te la ciami ti. Per fortuna, caro el mio Capponi, ghe xe qualche picia regola che ghe va incontro ale polastre, che mi voio sempre veder come quele tenere fie de iutar, e e trovemo cussì che le gà el sconto del tassametro se le lo ciapa dopo le diese de sera semplicemente per tornar a casa dopo un turno de lavor in fabrica, in ospizio o chissà dove senza voler veder per forza la malizia sul fato che de sera le vadi in tassametro de sole. Xe anche vero che qualche volta una lege xe sfavorevole ai polastri in favor de una polastra, come te ga evidenziado ti col discorso dela separazion, ma xe anche vero che per no rivar ala separazion el vero polastro ogni sera che’l torna a casa come prima roba el devi tirarghe un papin ala molie, no ocori che el gabi un motivo, la saverà ben ela perchè la se le ga cucade!

Ciao polastri se bechemo la prossima.

 

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved