El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

Pasqua de ieri e Pasqua de ogi

Ciao a tuti miei polastri e mie bele polastre, fra poco xe Pasqua e anche stò ano come ogni ano la casca de domenica. Per fortuna che dopo la Pasqua vien la Pasqueta senò nissun se inacorzeria che xe una domenica diversa dele altre. Pasqua xe una festa religiosa ma tanti oramai tendi a dimendicarselo, associando a stò nome el ricordo de una domenica de grandi magnade e de tanti ovi. Per fortuna in familia ghe xe sempre una bona anima che mantien quela vecia e sana usanza de ‘ndar in Cesa la matina de Pasqua coi ovi e con le pinze per farli benedir e portar cussì a casa un poco de spiritualità. Xe sempre comunque bel veder el fermento de lavor che xe in tele case i giorni prima dela domenica, quando le none se meti a piturar i ovi coi fioi. Le buta i ovi in tel acqua calda con l’asedo e le pastiliete de color e le tira fora i ovi de tuti i colori davanti oci spalancai e boche verte de fioi increduli. Dopo vien el zogo più bel, ossia tacarghe de sora i pupoloti de paperi, pulisini, balini e fiori per far de un semplice ovo de galina un ovo speciale. Po’ sula tavola salta fora le pinze e le titole e dopo se pol dir che xe Pasqua. Coi tempi moderni a stè vece usanze nostrane se ga zontà i ovi de ciocolata con la sorpresa dentro e per la felicità de fioi e fabriche de dolci, l’ovo de ciocolata xe diventà el regalo più fazile de far per Pasqua. I fioi de ogi per fortuna sua, pol sperar de trovar bele sorprese dentro i ovi, veri e propri zogatoli, grandi pupoloti, adiritura costruzioni e tuto circondado ta tanta bona ciocolata dele marche miliori. E per i ovi de Pasqua bisogna dir che le fabriche se ga miliorado perchè me ricordo sempre i ovi dei putei de trenta ani fa che, anche se i fazeva za parte de quela generazion de fioi che no doveva lamentarse perchè no i saveva cossa che xe la fame e che no ghe mancava gnente, i ovi de ciocolata gaveva sempre dele sorprese uniche: monade inutili! I fioi spetava come mati la domenica de Pasqua, i vardava del basso verso l’alto del mobile dela cusina quel ovo grande con la carta lustra imaginandose chissà che sorpresa grande che riverà a starghe dentro e quando finalmente l’ovo vigniva verto dentro se trovava un picio scartozeto de nailon ontolado che no se rompeva gnanche col cortelaz del becher, ma una volta finalmente verto te se trovavi per le man un picio portaciave de plastica: quele si che iera sorprese per quei fioi che no gaveva gnanche le ciave per doprarlo.

Ciao polastri se bechemo la prossima e, come che se disi, “boni ovi!”.

 

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved