El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

El trauma dele borse co se parti per le ferie

Ciao a tuti polastri e polastre, l’estate xe praticamente ‘ndada, pareria, ma mi spero che tuti, o poco o sai, gavè rivà goderve un poca de pase, de relacs e de tranquilità. Tante parole de afeto me xe rivade per ringraziarme dei utili sugerimenti su come far de una noiosa coda in autostrada una divertente zornada in alegria. Un problema che però tanti polastri se ga trovado difronte e ga dovudo subir impotenti, xe stado la question dei bagagli. Longa o curta che sia la vacanza el tipico polastro altro no fa che butar in machina un sugaman de bagno, do costumi, un per de zavate e un do maiete de ricambio. El tipico sardon barcolan zonterà anche la sdraia e qualchedun altro la maschera e le pine. Ma no ‘cori gaver giardinete o moderni monovulumi con tanto de portapachi che sicuro no ghe sarà posto suficente per meter tute le borse e borsete che se porta in ferie la polastra. Anche in stò caso, longa o curta che sia la vacanza, no pol mancar el fanomatico biuti, quel bauleto con tuti i truchi, creme, ciapini, stuchi e piture indispensabili per la sopravivenza de ogni polastra. Ghe saràà po’ le zavate per la docia, quele per la camera, quele per andar in spiagia e quele per andar in mar. No stemo po’ dimenticar tute le creme: quele per ciapar sol, quela per protegerse dei ragi dala protezion più bassa a quela più alta, quela per idratar la pele e una più delicata per idratar el solo viso e in ultimo la crema per la note. Andando al bagno ogni polastra se porterà drio un intiero atelier de costumi, intieri e do tochi, a righe, a quadri, a fiori e stele, e un bon numero de vestitini, prendisole, canotiere, parei e linzioi per andar e tornar dela spiagia. A tuto questo bisogna anche zontar un poche de borse de bagno, in plastica o in paia, de usar a seconda del abinamento col color del costume del giorno pitosto che con quel del ciapin pei cavei. E fin qua no go ancora parlà de quanti e quai tra vestiti, vestitini, scarpe e zocoleti che ogni polastra riva spartir in do o tre borse per esser sempre in grado de meterse indosso l’abiliamento più adato a l’umor del giorno. Sicome no esisti baul de machina che possi tignir tuta sta roba, tanti polastri se ga trovà difronte la necessità de decider cossa lassar a casa e dopo lunghi tentativi de convinzer la polastra che forsi tanti zocoli o trope cotole no servissi per star via una stimana, el risolvi el problema portando in cantina le pine o la sdraia che el gaveva messo in auto come prima roba per no dimenticarsele. Qualchedun ga sugerido che se no se ga passegeri se pol meter la sdraia sul sedil dedrio ma forsi questi xe quei polastri fortunai che no ga la polastra che se porta in ferie vestiti longhi che no devi mastruzarse e i devi star impicai sul manigo dedrio costingendo anche el sofer a ciapar le curve con delicateza per evitar che i se strapazi lungo el viago.

Mah, cari polastri, per fortuna che una volta che se xe in spiagia fora dei bobi de ogni giorno se se rilassa, perchè la partenza xe un vero stress, pezo che andar a lavorar.

.

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved