El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

...e anche stà Barcolana xe 'ndada...

Luganighe de cragno, de Viena, de Norimberga, messe in tel pan con la zonta de capuzi, senape e kren xe el prodoto più vendudo ale bancherele de sta ultima Barcolana. Come i ani indrio, anche stò quarantesimo aniversario vignerà ricordado dei triestini più che con la vitoria de Alfa Romeo, con le grandi magnade, le bire a fiumi e el casin fin note fonda come per l'ultimo de l'ano. Tanta popolazion se ga butà sule rive per poder far parte de sta grande festa che ogni ano anima e ghe da lustro ala nostra zità e stò giro, caso più unico che raro, se ga verificado i esodi al contrario: sicome che noi semo bituai a gaver fila per andar fora de Trieste verso l’Istria o versto el Friul, stò giro iera tuto el contrario visto che la fila iera per vignrr de noi. Sloveni, croati, furlani, austriachi e de chissà ‘ndove ancora, tuti in fila per vingir a veder la nostra festa e dopo tuti de novo in fila per tornar a casa sua. Iera talmente tanta de quela gente che no se rivava gnanche a caminar, bisognava ciapar la fila giusta e lassarse portar avanti pian pianin spetando la nova corente co se voleva cambiar direzion. Un mucio de polastri xe vignudi fora de casa in braghete, zavatine, maieta e capelin e se ga missià in mezo a la gente lassandoghe creder a tuti de esser pena smontai de chissà che barcòn e fazendo bela figura sopratuto coi turisti che gaverà pensado che tuti i triestini xe dei veri lupi de mar. Del resto co xe la Barcolana un poco tuti diventemo più esperti e se lassemo andar a parole che de solito no dopremo: difati stemo ben atenti a dir che la barca xe ormegiada inveze che postegiada, se ricordemo che in barca no xe corde ma zime, ghe spieghemo ai fioi che quel tondo no xe un volante ma un timon, che le vele no xe impicade sui pai ma sui alberi e, quei che se vanta de gaver una cultura ancora più grande, se lassa andar in discorsi pieni de parole come skipper, randa, gomena, mezomarinaio ma tuti e po tuti, giovini e veci, vardemo ogni scafo e ogni vela co’l sguardo esperto de chi ga viagià sul mar per longo e per largo. E po’ tante de quele bancherele ga impinido le rive de colori con tuti i sui prodoti più o meno specifici de robe che ga a che far con la vela o in genere col mar. Ma quei polastri che ghe gaveria piasudo ciorse un ricordo de stà regata, una maieta, un capelin, una giaca pe’l vento, se ga inacorto ancora una volta che quel dela vela xe un sport per pochi siori e cussì i ga dovesto ripiegar, senza tanto dispiazer, sula più familiare dele bancherele: quela dele luganighe!

Caio polastri, un saludo a tuti da popa a prua.

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved