El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

Letera de Nadal

Tra tante letere e leterine che me riva de tuti voi, cari polastri e bele polastre, xe sempre chi che me domanda consili su come far qualcossa, su ‘ndove andar per trovar qualcossa altro, su quando tornar indrio, xe altri che me domanda de tratar un qualche argomento che ghe da fastidio de robe che no funziona o che funziona mal, ma xe stada una in particolare, mandada da una certa Ucia, che me ga colpido e che me xe vignudo voia de farvela leger anche a voialtri:

Caro MercaDindio, l’altra matina, come ogni matina, go ciapà la coriera per andar a lavorar e el mio sguardo vardava in tel gnente come al solito, osservando per abitudine i soliti musi de ogni matina, sempre quel col sguardo perso che pensa a chissàcossa, quel altro tuto spetinado che par che’l gabi fato barufa col gato, quel altro in giaca e cravata con la valigeta color cacao, la mula col zaineto e le cufiete, la baba col muso longo fin pertera che par sempre che la gabi trovà de dir con qualchedun, insoma le solite  face de persone come tante. Ma fra tuta stà gente me go inacorto de  un figuro: iera un prete, sentà in un postisin solitario, con la sua tonica scura che’l vardava fora dela finerstra. El stava la tranquilo per le sue e me pareva come che el borbotassi fra se e se… solo dopo me son inacorta che’l stava pregando tignindo in man un rosario. De primo impulso me xe vignudo de rider pensando che el se stia portando avanti col lavor ma a un zerto momento, vardandolo cussì tranquilo e beato, me son come sentida pervasa da un senso de benessere nel veder el viso lisso e solare de stò omo de cesa che’l gaveva un’espression rassicurante e go pensà a come lui sfruta el tempo “perso” per far el viagio in coriera fazendo una roba bela come pregar. I altri inveze intenti a vardarse intorno senza un scop o,a scoltar musica che martela i sentimenti o a parlar forte col telefonin contando tuta una serie de monade che a nissun ghe interessa ma che ghe toca scoltar a tuti, insoma tuti intenti a no far gnente come mi del resto, e che de pregar no ne xe mai vignudo in mente senò quele do domeniche a l’ano che ‘ndemo in cesa. Devo dir che mes un poco vergognada perché tuti se scondemo drio el tanto de far a casa e sul lavor che no se ga tempo per la religion e la me son dita che bel che saria se ‘desso se metessimo tuti a pregar con lui. No ocori sai se tuti insieme fazessimo un picio coreto silenzioso recitando un Ave Maria e un Padre Nostro in quei vinti minuti de viagio, forsi che ne iutassi a partir col pie giusto la giornata, a vardar con serenità i impegni che se ga davanti, insoma in una parola, a sentirse tuti un poco meio. E cussì son rivada ala mia fermata, imaginandome una coriera piena de gente che in armonia disi dò preghiere e vardando le stele de lampadine impizade lungo le strade me son aviada al lavor senza gnanche sentir el bisogno, irinunciabile de ogni matina, de passar a ciorme un cafè prima de scominziar!”

Cara Ucia, a stò punto mi no posso che zontar un semplice ma caloroso BON NADAL A TUTI!

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved