El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

...che bei che iera i boteghini

Ciao a tuti miei polastri e mie bele polastre. Ogi ve voio contar una roba che me ga fato ‘sai pensar: la difusion dei grandi centri comerciali. Come saverè i centri comerciali xe grosse struture che ospita una marea de negozi de ogni genere e un mega supermercato che no vendi solo roba de magnar, ma anche frighi, lavatrici, televisori, zogatoli, insoma de tuto e de più. Nel resto del mondo, Friul compreso, stè struture i le ga costruide in periferia dove i ga grandi tereni a disposizion per svilupar in longo e in largo sti fabricati che ga de tignir boteghe e boteghini. De noi sta roba no xe possibilie, primo perchè Trieste no ga periferia, secondo perchè i triestini no ga voia de moverse e andar fora zità per far la spesa a meno che no sia de andar ‘sai lontan el che da un senso de “gita” a tuta la facenda. Cussì xe nato prima el Giulia e dopo le Torri, do centri comerciali in mezo a la zità: caso unico al mondo diria! Prima dei centri comerciali gà ciapà pie i ipermercati, cioè supermercati ancora più super, dove oltre a robe de magnar te trovi anche vestalie e mudande, pignate, cogome e farsore e, de un poco de tempo anche motorini e auti cinesi. Par tuto bel perchè xe comodo trovar tuto quel che ocori in un’unica botega senza andar in giro ma volemo meter l’originalità de tuti quei boteghini che va sparindo? Me ricordo sempre un boteghin de casalinghi in via Giulia dove una cocola veceta stava dentro tuto el giorno in sto negozieto streto e longo dove la gaveva de tuto e tuto siolto senza confezion. La gaveva una fila de scanzie fin soto el plafòn, pien de pignatele, cogome e cicherete tute diverse una de l'altra, la gaveva i filtri de le cogome de tue le misure, siolte e impicade su un ciodo, la gaveva in alto pien de stagnachi de plastica e de lata de tute le largheze e profondità, la gaveva in vetrina sempre qualche coredo de cichere con cogoma e vassoio, robe che adesso se trova solo nele vetrine dei strassarioi. La vecia ga tignudo duro, in barba a tuti i mega-super-iper che ghe cresseva intorno, la vendeva ogni tanto qualche tocheto, la stava là per passarse el tempo più che per el guadagno e quando le forze la ga molada e la ga deciso de serar baraca e buratini, nissun ga ciolto el suo posto perchè quel tipo de negozi no rendi più. Cussì al suo posto ogi se pol verzer solo che quele atività che par render tanto visto che le fiorissi in ogni canton: agenzie imobiliari, rivendite de telefonia, rivendite de abonamenti per televisioni via cavo e via satelite e, se el posto xe più grande, una bela banca che, anche se tuti se lamenta che no xe soldi, le cressi come funghi. Altri tempi!

Ciao polastri, a la prossima!

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved