El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

pize de tute le qualità, ma no semo mai contenti...

Ciao a tuti miei polastri e mie bele polastre, sè tuti cussì cocoli che me mandè i vostri saludi e le vostre bele parole per meil (mercadindio@tuttotrieste.net) che ve inviteria tuti a mangar fora una sera. Sicome sè in tanti no posso permeterme chissà che zena de lusso a base de pesse ma dovessivo contentarve de una semplice piza. Anche se, bisogna dir, ogi la piza xe diventada un lusso visti i prezi confrontai con le paghe e con quel che val stò dindio de Euro, ma la pizeria xe sempre e comunque el pasto preferì dela muleria per star in compagnia, dei veceti per cavarse una sodisfazion de gola, de chi ga de magnar in furia durante la pausa de lavor e anche de mi che, pur essendo un dindio, no sbecolo solo formenton. Ogi in pizeria te verzi el quaderno del menù e te se trovi una lista de pize talmente longa che co te son rivà in fondo no te se ricordi più gnente de tuto quel che te ga leto de sora. Piza cole polpete, cole cagoie, col ananasso, cole luganighe de cragno o le globasse carsoline, cola pana, coi sparisi, coi mussoli, coi simisi, col radicio de Coloncovez, coi tampagni e le saibe, xe tuti i ingredienti dele pize coi nomi più strambi. Tuti in tavola legi con interesse stà longa lista e ognidun ordina ogni volta la solita piza classica che se xe ‘bituai a magnar: margherita, quatro stagioni, parsuto e funghi, capriciosa e romana. Ma quel che me fa diventar mato xe come la gente no se sapi contentar no rivando mai a trovar la piza giusta tra tute quele proposte dal local, xe sempre qualcossa de zontar o de cavar via: “una prossuto e funghi ma al posto dei funghi la me meti i articiochi”, “una capriciosa ma senza formaio”, “una tirolese ma con dopia razion de spek” o la meio che go inteso “una margherita senza pomidoro e formaio”…. come dir pan brustolà. La piza xe sempre la piza, chi la ghe piasi morbida chi crocante, chi alta e tenera chi bassa e dura, chi poco cusinada e chi brustolada, chi con solo un poco de pomodoro chi cariga de ogni ben de Dio, insoma a ognidun el suo gusto anche se no rivo capir che gusto sadico che se prova a ordinar quela piza che i doveria cavar via in base ai acordi de Ginevra: la “tacchinella”!!!

Ciao polastri se bechemo la prossima se no finisso anche mi a fete sora una piza!

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved