El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

...viva le cassiere triestine

“…setantazinque e vintioto…. Carta o bancomat?” Questa xe la frase finale più tipica che se se senti dir in botega co sona l’ora del conto dela spesa. Le cassiere diventa cussì le povere ambasciatrici del crudele destin finale del cliente. Ma gavè mai pensà come xe cambiado nel tempo el lavor dele cassiere? Chi se ricorda quando le casse iera dei cugni pesantissimi che coverzeva tuto el banco? La tastiera iera divisa in unità, diezine, zentinere, miliaia e cussì vanti e le cassiere strucava i botoni per formar el prezo. I botoni restava fracadi zo e finido de bater la girava una maniza sul fianco che fazeva tornar su i botoni dopo gaver scrito i numeri in tel scontrin. E cussì le ‘ndava avanti fin che le passava tuto el conto. Lore le iera svelte ma la cassa iera lenta e rumorosa, fin che un bel giorno xe rivade le prime casse eletroniche col displei luminoso, ossia quel schermeto coi numereti quadrati. I botoni iera più teneri, difati no coreva più strucarli con forza ma bastava tocarli con le punte dei dedi, tanto che la stessa parola “strucar botoni” xe stada cambiada con “digitar”. Ma in sostanza el lavoro dela cassiera iera sempre el stesso, quel de scriver i prezi sula tastiera e passar avanti la spesa e le iera talmente brave che le saveva i prezi tuti a memoria. Le cioleva la roba in man solo per passarghela avanti al cliente che le meteva in borsa e spesso senza gnanche vardar l’eticheta le bateva, ops, le digitava el prezo giusto in cassa. Ghe restava tuto in testa, anche le oferte e i sconti e pur batendo i botoni senza vardarli i erori iera veramente pochi e no capitava proprio tanto spesso de dover tornar a protestar per un scontrin sbalià. Ogi le robe xe inveze sai dieverse, le cassiere no ocori che le sapi a memoria el prezo e gnanche che el sapi strucar botoni perché basta che le passi la roba sora el letor otico e blib, blib, blip, salta fora el conto e lore pronte con la man a spetar che te ghe slonghi le fliche o el bancomat, altro ordegno che le cassiere de ieri gnanche podeva insognarselo. Ben dirè voi con sta maniera no xe praticamente risc’cio che el conto sia sbaliado! AAAh si! Quante volte ne toca tornar indrio perchè no bati el conto e sicome che xe tuto automatizado altra colpa no xe che del compjuter che “no ga ciapà” come che se se senti dir in ste ocasioni. Cussì se te toca tornar indrio perchè xe vignudo fora che te devi spender zento per una roba che sora ga scrito che la costa diese, xe solo che colpa del compjuter e ala povera cassiera che più che de far blip, blip no i ghe lassa altra decision, ve varda con sti ocioni strenzendose in tele spale e pregandove de ‘ndar in direzion a farghe veder.

Ciao polastri se bechemo ogi oto e viva le cassiere de tute le boteghe triestine

!

!

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved