El Mercadindio de TuttoTrieste.net


rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine

 

La Pasqua dei agnei

Dopo che pantigane, caprioi, sardoni,  cinghiai e adiritura una balena xe saltai ai onori dela cronaca, ghe xe una bestia che ciapa una certa importanza soto Pasqua e, credeme, fossi per ela no ghe interessasi proprio esser cussì importante; stago oviamente parlando del’agnel. Povero, picio, bianco e batufoloso come el bombaso che’l ispira tanta simpatia, altro nol fa che finir in forno per esser presentà sule tole de tuto el mondo. De sicuro tuti i agnei del mondo preferiria esser famosi per altri motivi che no per Pasqua, magari che saria stai i agnei a vignri fora dei boschi per ‘ndar magar in zità, magari che saria stà un agnelin a farse becar che’l nudava in mezo al golfo, che bel che saria stado leger de un agnel che la ga molada sul marciapie e che dopo el xe filà via senza che el paron se cuciassi per tirar su el drek. E inveze no, solo soto Pasqua xe el suo momento, con la strage de bestie che se consuma pe’l mondo. Un poco mi li capisso perchè el stesso problema lo gavemo noi dindi in America co xe la festa del Ringraziamento e credeme che sconderse per no farse ciapar xe veramente un patimento. Ma dato che per forza ghe toca esser i protagonisti pasquali, stò ano i se ga organizà per far si che anche de lori se parli in tun altro momento, come dir “fora stagion”, e per no lassarse magnar, i se ga organizà de darghela prima del tempo ciapandose una qualche epidemia che li ga sterminadi. Oviamente la cronaca umana parlava dela preocupazion dei alevamenti de ovini che se trovava stà morìa proprio soto Pasqua inveze giornai come el Corriere dela Cavra, el Picolo Grege e la Stala, che la vedi soto un altro punto de vista,  parlava de strage epidemica per le campagne tra i amici agnei. Notevole l’impegno de stè bestie che gà rivà guadagnarse le prime pagine co no ghe tocava lore anche se ghe toca esser in prima pagina solo co se parla de disgrazie. Ma tuto questo ghe diolerà sopratuto ale scarsele dela gente che, vista la morìa de ste bestie, se svoderà più del normale per rivar a ciapar quei pochi tochi de agnei sani in circolazion scampai a l’epidemai. Pasqua xe ale porte e quel che xe fato xe fato, quindi posso anche contarve le robe come che le stà. Sto ano i angei me ga domandà a mi come far per scampar ala matanza e la mia idea xe stada quela de sugerirghe de far finta de star mal come che i gavessi ciapado una qualche strana e rara malatia, po una volta passà el veterinario, ghe go dito de farse tuti un giro del brivez per darse una sistemada e dopo un breve corso de cagnesco i se ga messo a far bau bau, cussì inveze  de finir in forno, stò ano i xe finidi tuti a farghe compagnia a babe e fioi come pici, cocoli barboncini.

E con questa bela notizia el MercaDindio ve saluda e ve augura Bona Pasqua e Boni Ovi!

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio

 

 

 

 

"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved