El Mercadindio de TuttoTrieste.net





rubrica de consigli e proposte, una risposta per ogni tua question, la soluzion de tuti i tui problemi, l’analisi completa dei fati e dei misfati, ogni gropo sul suo petine


 

Cartoni animati e storiele de ogi e de ieri


 

I cartoni animati xe un dei passatempi più in voga tra i fioi de quando che esisti el televisor in ogni quartier. Per quanto i esperti disi che no bisogna lassar i fioi trope ore davanti el televisor, l’oferta de cartoni animati xe notevole e el messagio che i trasmeti xe più o meno sempre quel: cari fioi feve comprar le figurine, le maiete e i pupoloti del vostro carton preferito. E cussì edicole e negozi xe stracolmi de pupoli de tute le serie, in tute le forme e de tute le dimensioni per la gioia del tacuin dei genitori. E intanto tute le putele vol esser come la fata, la principessa o la madama che le ga visto per television mentre i mas’ceti tendi a imitar le mosse de quei s’ciopai de personagi che altro no fa che dar piade e pugni, a sparar i missili più strani e a far tute quele robe che in natura no xe possibile far come butarse zo de un ponte, zo del quarantazinquesimo pian o zo del treno in corsa, senza farse gnanche un sgrafòn. Più de trenta ani fa ga comincià la saga de ste monade coi pugni rotanti e i ragi gama de robot e astronavi che ghe impiniva la testa ai fioi. Ogi tra i vari Dragon Ball e Gormiti, se vedi zente con face strane che dir mostri xe poco, omini che co se rabia, ghe se impira i cavei e i fa fogo drio le orece, kudici che se bastona fina a farse sangue e a cavarse fora i budei, insoma fantasia macabra a volontà. E cussì el giorno dopo sti fioi va a scola, chi imitando un personagio chi un altro i se tira anche drio qualche maton o el martel che i ga ciolto in prestito de papà e magari gavendo un poco de tempo durante la pausa per la merenda, i prova a far finta de cavarse i budei. Se no xe i cartoni animati xe comunque i zogheti litronici a darghe una bona educazion. Per poder vinzer con stì zogheti bisogna portar avanti una batalia, bisogna insoma mazar, mastruzar, bastonar o remenar el nemico cativo. Ben cari polastri e care polastre, voi no me crederè ma in una classe un grupeto de mame ga denunciado la masetra perchè la ghe insegnava ai fioi la filastroca de San Nicolò, si quela che gavemo fato tuti che disi “… la festa dei scolari, se i scolari no i fa festa San Nicolò ghe taia la testa!” perchè i sui fioi podeva restar traumatizadi dele parole de stà filastroca. In un’altra scola i ga proibido che i ghe legi ai fioi la fiaba de “Cappuccetto Rosso” perchè pol farghe tropa paura. Ma mame benedete perchè no controlè prima cossa che sti fioi varda per television prima de ciaparvela col povero San Nicolò e con la timida Cappuccetto Rosso che tuto ga fato meno che mandar i fioi del pissicologo.

Trieste, 24 aprile 2014


 

 

scrivighe al Dindio, lui un consiglio te lo darà

mercadindio@tuttotrieste.net

 

eco i argomenti tratadi a dighelo al Dindio




 

 





"El MercaDindio" è un copyright di TuttoTrieste.net di Massimo Barbo

Il disegno del MercaDindio è stato realizzato da Alessandro Bonin

Tutti i diritti riservati - All rights reserved