| Home | Lista monade |

 

EL MISTERO DELA CAMERA SEGRETA

UNA SCOPERTA SIENTIFICA

“E desso che la go ciolta
  tuti me da del mona
  perché no la xe bona
  de far gnanca el cafè”

Versi imortali che ne riva de una vecia canzon, “Ciolla ciolla Pepi”, notevole anche perché la ga dentro una dele pochissime parole in triestin, ‘ciolla’, che se pronunzia con una consonante dopia, anche se solo perché che la xe fata de dò parole tacade insieme, el imperativo ciol e el proclitico -la, che per combinazion termina e scuminzia cola stessa letera… ben, indiferente, ogi no semo qua per parlar de gramatica ma de sienza aplicada. Aplicada al cafè.

Tuti xe boni de far cafè – a parte la sumenzionada molie de Pepi, se capissi – anche se ogigiorno no se lo fa più in cogoma (che per saver coss’ che vol dir tanti devi domandarghe a TutoTrieste o a Gugel), ma cola moka, che xe ’ncora più semplice e’l vien sai più bon. Cossa ghe vol? Te meti aqua, te meti cafè masinà, te meti sul fogo, te speti che la machineta la fazi gro gro, te travasi el cafè in tele cichere, se te vol te zonti zuchero, o late, o magari un cincinin de trapa, e te se lo godi con un bel ‘aaah’ de sodisfazion.
Qualche sufistico prima de passarlo in tele cichere lo missia perché secondo lu no’l vignissi su omogeneo, ma i dati sperimentali no xe bastanza ciari per confermar o smentir sta ipotesi anche solo su base statistica.

Bel fussi però che saria sempre cussì. “Scova nova scova ben”, la moka fresca de botega la da sodisfazion quasi sempre, ma spesso dopo un pèr de mesi, per ragioni finora ignote ala sienza, el cafè scuminzia a ver un vago aroma de fondaci; e dopo un altro pèr de mesi el taca a ver un odorin come de calzetoni de lavar. Cossa fa alora un povero disgrazià? El tira un dò mocoli, el ghe regala la moka a un american (che per lori basta e vanza) e’l cori in botega a comprarse una nova.

Tutavia xe inevitabile che l’omo de sienza finissi per domandarse perché che questo sucedi, sia per via dela curiosità che ne distingui dei simioti e dei burocrati, e sia perché che in botega le moke no i le tira drio agratis.
Gavevo za pronta una spiegazion forsi un fiatin rampigada pei speci ma sientificamente rigorosa, qualcossa come ioni cafè che difondeva in tel aluminio dela machineta e se ligava in complessi alumino-fondaciosi idrosolubili, co’ un bel giorno…

Insoma, per farvela curta, resentando la moka me trovo in man el filtro (v. Pup. 1A), quel indove che se meti la polvere de cafè, e tignindolo pela caneta lo scasso ben ben per sugarlo. Te vol creder che de quel filtro bel neto come un osso vien fora ancora un do-tre iozete color drek?
Ostia ciò, lo gavevo lavà ben! Provo de novo e tac, altre iozete color drek. Me incuriosisso e naso le ioze: fondaci, inequivocabilmente fondaci! Sora xe netissimo, soto xe netissimo…ma de dove klinz le vien fora???

E là xe rivada l’iluminazion, la granda scoperta che magari savè za tuti quanti: de sora el filtro ga un criel piato coi buseti per far passar l’aqua, ma de soto el xe fato a piria (v. Pup. 1B). Ovio po’: l’acqua de boio la ga de passar per tuto el cafè e no solo pel centro, quindi ocori distribuirla. Come dir che tra el criel e la piria esisti una camera segreta de forma conica, un logo perfeto perciò che i fondaci i scoli zo pei buseti del criel, i se cumuli in tei cantoni e ogni volta che se meti la machineta sul fogo i ghe daghi al aroma del cafè quela carateristica sfumatura esotica de scovazera.

Tanti acusa la sienza de trovar spiegazioni pitosto che soluzioni, ma stavolta no xe el caso: dacordo che per rivar là dentro col scovolin ghe volessi Mandrake, ma l’evidenza sperimentale dimostra che basta resentar, scassar ben, resentar, scassar ben, resentar, scassar ben quel mona de filtro un tre-quatro volte per eliminar completamente le concrezioni fondaciche, magari doprando aqua calda e lassandola dentro ogni volta per un poco (sì, ciaro, stropando per de soto col dedo, quindi meo che l’aqua no la sia tropo calda).

De quando che me go imparà sto truco el cafè qua de mi el xe tornà ai fasti gloriosi de co’ la Defonta la iera ancora viva, Trieste iera ancora un porto, e’l triestin iera ancora un dialeto nobile e pien de dignità che nissun no se vergognava de parlar, gnanca le comesse dei negozi finoti.

Desso ve saludo e vado farme un cafè.

BIBLIOGRAFIA

August von Datschi – Kaffee, Frauen und Lebensfreude – Zeitschrift des gesunden Menschen, Wien, August 1912.

Riccardo Grilly – Il ruolo del caffè nella gestione dell’amministrazione comunale – Montatori, Milano, gennaio 1998.

Luigi Slavazza – In pride of watery coffee – The American Journal of Coffee, Berkeley, September 1984.

Philippe Antoine Moka – La science du café dans la civilisation occidentale – Proceedings of the Global Coffee Convention, Mauritius, July 1962.

Azucar Morenito – Moliendo café – Editorial Insomne, Madrid, Mayo 1967.

Publius Vergilius Maro – De plurimis virtutibus illae novae aethiopicae potionis  - SPQR Verlag, Rom, a.D. XXV ante Christum natum.

 

MOKAGAMO = GAVEMO LA MOKA !!!

Egregio Herr Professor Anzlovar,

go leto dei tui problemi de fondacci... te allego foto de una cogoma con la camera segreta ispezionabile. El tuto nassi dala posibilità de modificar la quantità de caffè all'interno e quindi i ga fato el piatel girabile.

Saludi, Euro.

Caro €,

grazie dela tua comunicazion mokologica, che go sai aprezà. Desso no te resta che contarme indove che se compra la machineta che no ocori Mandrake per forbir fora quei maledeti fondaci, e come che la se ciama (cussì magari Max pol scoder qualche soldin de contributo-publicità per TuttoTrieste), e quanto più poveri che se vien fora dopo verghene comprada una.

Un apunto: no son propio sicuro che sia del tuto legitimo ciamar "cogoma" la moka - ale mie rece de triestin de dopoguera sonassi un poco come ciamar "caro senza cavai" una Porsche Carrera. Quela trapola che mio zio maritimo cola gamba de legno ciamava "cogoma" ghe somiliava pitosto a quel che i inglesi ciama "kettle" e i dopra per scaldar l'aqua pel tè, cioè una spece de buiol col manigo, el covercio, el beco per travasar senza spander e gnente altro. Come che po' se fazeva a far cafè in quela roba (e per zonta po' anche a beverlo) per mi resta un mistero - in quei tempi de oscurantismo iero muleto e la sola risposta che me gavessi podù spetar saria stada "cafè no xe roba pei fioi, torna de là a zogarte coi autini".

Prof. Alois Anzlovar

------

Egr. Ill.mo Prof. Anzlovar,

per netar la machineta el meio modo xe de tirarghe un o do colpi in bianco. Come?
Se meti l'aqua come per far cafè, dopo però no se meti cafè, se meti sul fogo e se speta che vegni fora tuta l'aqua. Se l'aqua vien color condoto, se ripeti l'operazion fin che la vien neta. E cusì gnanca se se sbrova!
Cordialmente
Fabio Maj

Caro Fabio,
co' go provà el tuo metodo 'en blanc' per forbir el drek fora dela camera segreta, te confesso che iero un pochetin dubioso: "ma cossa ocori far tuto sto remitur per un dò fondaci incancrenidi?'.
E inveze devo ameter che la sperimentazion direta te dà pienamente ragion : dopo esser 'ndai in bianco una o dò volte el cafè vien fora bon e profumà come se la moka fussi nova.

Cambio quindi volentieri el mio consilio in :

- Se sè tropo indormenzai e ve ocori un cafè de urgenza, doprè el metodo Anzlovar : resentè e scassè un pèr de volte el filtro, cussì po' ve vegnerà un cafè più che decente.
- Se inveze ve podè permeter un zinque minuti in più, doprè senz'altro el metodo Maj : feghe far ala machineta un dò giri in bianco, cussì po' ve vegnerà un cafè ecelente.
- Meo che tuto però resta comunque el metodo €uro : fè musina per un meseto e po' 'ndeve comprar una moka cola camera segreta scovolabile.

Desso però basta, che a son de beverme tuti quei cafè sperimentali, qua i coleghi scuminzia a dir che forsi faria ben a ciorme un Valium o anca tre...

Alois




 

 

| Home | Lista monade |