de un'idea de Diego BlueDee Menegon nassi

 

 

Ciapemo per esempio el mulo Diego, de sempre inamorà de tuti i dialeti, dei suoni che questi produsi, dei acenti diversi che se crea in ogni parte del paese. Consideremo pò che'l mulo Diego xe sopratuto inamorado del SUO dialeto che, del resto, xe anche el più bel d'Italia e missiemo tuti sti elementi con una bona dose de MORBIN: ecco che nassi

CASA STIPANCICH

in pratica due noni, Ciano e Marisa, più o meno sula setantina ma za vizin i otanta, costreti de Marino e Samanta, rispetivamente fìo e gnora, a parlarghe in lingua e no per triestin al nipote, el picio Braian, che senò va ris'cio che'l parli in dialeto anche a scola!

De una monada nata per zogo nel novembre 2011 xe saltai fora tanti de quei tormentoni de rovinar una generazion de triestini: "come c'è?" e "porca madre!" i più getonadi ma oltre a le singole parole come la "carne appannata" e "vado a stramuccarmi sul divano" xe bellissimi i modi de dir triestini riversadi in lingua: uno su tuti "non hai un poco di quello che si chiama!".

Insoma, inutile sbrodolarse in altre spiegazioni, scoltè tute le puntate de CASA STIPANCICH e sintonizeve ogni lunedì per quela noava. Dove? Ma FRACATE QUA dei!

E inveze per le nove puntate STRUCATE QUA e STRUCATE ANCA QUA!

 

Massimo Barbo - TuttoTrieste.net

 

Ma Ciano, Marisa, Marino, Samanta e sopratuto Brian, cossa pensa de TuttoTrieste?

Scoverzetelo scoltando il fail qui di sotto:

 

Anche el Piccolo ghe ga dedicado un bel articolo

 

 

 

clica anche ti su

me piasi