- storie de comessi e comesse -





 

LA COMESSA DE LA BOTEGA DE ARREDOBAGNO

(de Massimo TuttoTs)

 

 

Girando per negozi che vendi condoti, vasche, speci e mobileti che impinissi la "sala del trono", semo capitai in un posto che inveze de gaver orario de negozio gaveva praticamente orario de uficio. Impossibile andarghe senza cior ferie! Cussì una matina za ale oto semo che giremo tra i tochi in esposizion e, visto tuto, bechemo l'unica signora che pareva dispobibile:

Mi: "Bongiorno, volevimo informarse per far el bagno novo"

ELA: "Mi prima de le 9 no fazo ste robe perché go de ciamar i clienti per avisarli che xe rivada la roba che i ga ordinado! Perché no gavé telefonà per cior apuntamento? "

MI: "Perché ieri co semo passai de qua ale 5 e 10 iera un cartel fora de la porta con scrito «orario continuato 8:00 - 17:00» e no iera scrito anche «... ma vignite dopo le 9 e telefonate per ciorre apuntamento»!!!

ELA: "Mi le mie 8 ore le fazo comunque e pò za che se qua spetè un atimo che meto via tuta stà roba che provemo a veder ma ve digo subito che ale 9 vien una persona che ga ciolto apuntamento"

MI: "Bon femo quel che rivemo e dopo anderemo via e torneremo su apuntamento"

 

Sufiando e smacando la roba, la fa posto sul tavolo e la comincia a domandarne che idea che gavevimo, lavandin tondo o quadrato, vasca o piato docia, che piastrele partera e che altre sui muri e con tanta fadiga la comincia a far un disegno de un mobile su un toco de carta.

 

ELA: "Che fastidio che me fa cominciar un lavor e no finirlo, perché stè qua xe robe longhe, no se fa in zinque minuti, ghe vol cior apuntamento, fra un poco vien el sior de le 9 e ne toca molar tuto"

MI: "Bon la vol che lassemo star, la ne disi quando tornar e femo tuto quela volta" (gnanche fussi l'unica botega de Trieste, ma volevo esser gentile perchè tuto somado me stavo divertindo).

ELA: "No no, femo quel che femo ma 'ndemo avanti"

 

DRIN DRIN

 

ELA: "Scuseme che rispondo! Pronto! Si signora la me disi! Se xe rivada la sua roba? La vardi stavo fazendo tute le telefonade ai clienti ma cossa posso far se za ale 8 me riva i clienti? Bon controlerò e la ciamo dopo. Arivederla"

 

Mi me trategnivo del rider, dovevo andar avanti a definir quel mobile con specio, ormai iero deciso a NO comprarlo la ma andar via sul più bel saria stà un pecà!

 

MI: "Ma se el mobile inveze che bianco lo volessimo con un fià de color, tipo celsetin o grigeto o verdolin..."

ELA: "E no a, dovevi dirme prima no fazo tuto el preventivo denovo"

MI: "Orca no pensavo che cambiar el color de due portele comportassi un lavoròn"

ELA: "E inveze si, e po tuti ciol el mobile bianco, no colorato!"

MI: "E se..."

ELA: "No, no se pol"

MI: "Ma se cavemo...."

ELA: "No, no se pol, tuti fa cussì che xe meio, bon basta, totale 2970. Cossa ve par come prezo?"

MI: "Considerando l'ampia gamma de sielta e la disponibilità diria che no xe sai caro"

ELA: "Bon penseghe e feme un colpo de telefono, ma moveve perché st'altra stimana i me manda in un altro reparto"

MI (penso: probabile che i te sposta perché te son tropo simpatica): "La ciameremo za stasera, arivederci"

 

Ovio che no me son fato più sentir ma son andà via contento, me son tanto diverdido, ma sopratuto anche mi go trovado l'incarnazion perfeta de quela che pensavo esser una legenda: "la tipica comessa triestina". La esisti per vero! Desso go le prove!

 

Ah si, semo 'ndai via che iera quasi le 10 ma del tipo che gaveva l'apuntamento a le 9 gnanche l'ombra!

 








 


 





- storie de comessi e comesse -