- storie de comessi e comesse -




 

 

EL PASSANTE DEL CINTURIN DE L'OROLOGIO


de Massimo Barbo

 

 

Pol capitar che con un frequente "cava e meti" anche el cinturin de l'orologio cominci a lascarse ma pol anche semplicemente romperse la fibieta, el passante, che guanta el toco de cinturin che vanza dopo che te lo ga strento torno el polso. Eco a mi me xe sucesso proprio questo: orologio e cinturin perfeti ma passantin roto.

Un giro che son in zitą, profito per 'ndar in t'un de quei negozieti pici pici ma carighi de orlogi fin sul plafon che mi trovo tanto cocoli e interessanti perchč par che i gabi de tuto pur essendo picoleti. Vedo un de sti "ripostigli", fora de la porta xe un mato che fuma che al mio avicinarse perņ distogli el sguardo con indiferenza. Fazo per 'ndar dentro e me inacorzo che el bugigatolo xe svodo quindi me sorgi el dubio che el paron sia quel che fuma e cussģ ghe domando:

- "La me scusi, xe lei qua del negozio?"

Lui, senza verzer boca, me storzi el muso come per dir "e chi te vol che sia!"

Sempre mi: - "Posso domandarghe una roba?"

Lui, sempre senza verzer boca, me fa un gesto con le spale come per dir "se proprio te devi"

Tiro fora l'orologio e ghe fazo: - "La vedi, me se ga roto la fibieta che guanta el cinturin, volevo saver se la ga una de ricambio".

Intanto che ghe contavo lui za fazeva de no con la testa ma finalmente el me degna de una parola: - "No esisti passanti de ricambio, co se rompi se cambia tuto el cinturin"

- "Ma cossa no esisti fibiete de ricambio? Nissun che gabi ste robe?" ghe domando mi incredulo.

- "Gnanche che la zerchi, no val la pena per un tocheto che no costa gnente, co el se rompi bisogna cambiar tuto el cinturin"

- "Strano che no me toca cambiar tuto l'orologio!" go pensado ma a lui no ghe go dito gnente e me son limitado a ringraziarlo per la sua cortesia e son 'nda via, anzi son 'nda due portoni pił in la, dove che xe un altro negozio de orologi, un poco pił grande. Vado dentro e una cocolissima comessa me se rivolgi con cortesia. Ghe spiego anche a ela, la me ciol l'orologio e la va dedrio. Tempo gnanche zinque minuti la me torna el mio orologio con una fibieta nova za montada su.

Sorpreso ghe domando: - "Cossa ghe devo?"

- "Ma gnente dai, per sta roba, cossa la scherza?"


Ghe go lassą pe'l caffč, la go ringraziada contento e son 'ndą fora dove che speravo de riveder poco pił zo el mato con la cica e farghe veder che volendo "se pol" ma no'l iera pił, la botega iera serada e go pensaą che in efeti dopo la cica ghe voleva un caffč... che gavessi podł ofrirghelo mi ma drio l'anda el ga preferido 'ndar ciorselo per conto suo.

















- storie de comessi e comesse -