- storie de comessi e comesse -




 

IN BOTEGA DE VESTITI PER FIOI


(de Nozzena)

 

 

Mia mama ghe compra una maieta de lana per Nadal a mia fia, la quale co la vedi no la vol saverghene de metersela indosso perché no la ghe piasi sicome che la ga el colo alto e a ela el colo alto ghe spiza.
Cussì mia mama la torna in botega per farsela cambiar e sti monelli ghe disi che la maia xe stada doprada perché la xe sporca e la ga anche un buso soto el colo. Mia mama tenta de spiegarghe che no la xe mai stada doprada (gnanche provada e xe ancora su el cartelin) e che el buso doveva esser co la ghe la ga venduda ma dopo vane rimostranze senza esito e dopo esser anche passada per "furbeta", la ciol comunque un'altra maia pagandola e la va via.

El giorno drio vado mi in stà botega per farme spiegar de la parona 'ndove che xe sto sporco visto che la maia come che la xe stada verta del pacheto cussì la xe stada riposta. Inoltre el buseto (che solo se te lo zercavi te lo vedevi) no xe un fil tirado ma xe un dano de fabrica de cui ne mia mama ne nissun de noi co gavemo verto gnanche se gavemo inacorto e che quindi ELA la ghe la ga venduda cussì.

Risposta: "Xe sporca e basta, la muleta la ga sporcada con le man sporche per provarsela come che fa tuti i fioi e la la ga anche tirada sbusandola"

Ghe spiego che xe anni che compremo roba de la de ela e che no se perderemo per 16 Euro de maia e comunque che la me fazi veder el sporco 'ndove che'l xe, perché mi no lo vedo.

Risposta: "Qua ieri iera una macia e la gaverè sicuro netada"

Dirghe "MA COS'TE SON FORA" iera limitativo ma a fadiga me son trategnudo e la go pregada de tirar fora altre maie perché le podessi esser tute sporche e sbusade visto che, ripeto, se te digo che no la gavemo doprada, te ga de crederme.

Risposta "Le go finide e comunque noi cussì no vendemo la merce in sté condizioni!"

"La scusi", fazo mi "ma perché la xe cussì in malafede e la ga adiritura ieri fato pianzer la mia vecia come se la fussi una poco de bon?"

Risposta "perchè tuti i clienti me porta indrio la roba [fate un esme de cosiensa, ndr], anche le mudande doprade e i disi che no le xe stade doprade"

Capindo che no iera niente de far e che la baba restava su la sua posizion, go ributà la maia in borsa e ghe go dito che no vigneremo mai più de ela e, per stuzigarla, ghe go zontà che 'ndaremo anche noi a comprar dei cinesi come che oramai fa tuti.

Risposta "Eco bravi, andè!"

De tuta stà storia resta la tristeza de come te pol esser tratado de bugiardo de un negozio dove te se ga servido per ani no solo per robe tue ma anche per far regali e pò vederse butà zò come un che vol far el furbo e che parla monade visto che, a un certo punto, la ghe ga anche dito a mia molie che spetava una risposta "signroa no go capì la domanda perché no la stago gnanche più scoltando" e la xe 'ndada vanti a piegar maiete sul banco senza gnanche vardarne.

 









 






- storie de comessi e comesse -