- storie de comessi e comesse -



 

 

GUAI PRELEVAR CONTANTI CON LA CARTA DE CREDITO


de Pino Peschechera

 

 

Ghe xe una sostanziale diferenza tra le banche triestine e quele australiane: a Melbourne te son un cliente che va tratado coi guanti fin del momento che te va dentro senza che se sapi che te son carigo de pila o cisto, a Trieste co te va dentro in banca par che te son 'ndà per romperghe le togne. A dir el vero mi gnanche no saria andà dentro a romperghe ma gavevo problemi co'l gabioto del bancomat. In pratica gavevo de prelevar contanti con la carta de credito visto che de l'Australia fin Trieste no go portà drio tanti soldi per motivi de sicureza. El bancomat però no me vol dar più de dozentozinquanta Euro, cussì vado dentro al sportel per prelevar quel che me serviva.

Una filiale svoda, senza clienti con quatro impiegati che, co i me vedi, i fa a gara a chi che xe più indafarado. Vado de quel che par più libero, pozà sula sua scrivania con la testa tignuda su de la man pozada co'l comio.

"La scusi, dovessi far un prelievo con la carta de credito"

El mado senza gnanche vardarme el fa un rumor tipo un che se neta qualcossa incastrada fra i denti e el alza la testa in direzion del bancomat che xe fora.

Ghe digo: "Ma la scusi la me se sta rivolgendo a mi?"

"E a chi senò"

Mi son un omo che ghe tien a certi valori, come l'educazion, quindi ghe digo: "Intanto bongiorno e secondo el bancomat no me da più de dozentozinquanta Euro e mi me ne ocori mile".

Lui: "La fazi quatro prelievi alora"

Mi: "Visto che ogni prelievo me vien adebitado zinque Euro, ve bechè 20 Euro"

Lui, sempre senza vardarme: "Cussi xe!"

Mi: "Ma come cussì xe, no posso far el prelievo al sportel come se fa in tute le banche del mondo?"

Lui, sempre senza vardarme e con la testa che ghe pesava sempre de più, me rispondi: "NO SE POL"

Mi: "Ma la me scusi, ma lei cossa la fa qua tuto el giorno?"

Eco che lo go tocado nel orgoglio! El ga un breve sussulto de sveiarse ma el ripiomba subito nel suo torpor disendome semplicmente: "consulenze!"

Lo go lassà la con le sue consulenze e i sui coleghi che xe 'ndai vanti a far finta de no veder e no sentir gnente, per andar in un'altra banca la vizin dove go fato quel che lui me ga dito che NO SE POL.












 







- storie de comessi e comesse -