- storie de comessi e comesse -




 

 

LA COMESSA DEL NEGOZIO DE SCARPE


de Elisa

 





Le aventure dei clienti triestini ale prese con la tipica cortesia de le comesse triestine, sto giro ne porta a conosser una botega de scarpe.


Un sabato dopopranzo come tanti, per ciaparse su e andar in zerca de un per de scarpe. Xe cussì che son capitada in una botega triestina dove, pena 'ndada dentro, za go visto che la comessa me vardava per storto come se la gavessi disturbada nel pien de qualcossa de importante che la stava disbrigando, ma go voludo pensar che sia solo una mia impression e, fazendome coragio, ghe go domandà de un per de scarpe.

 

Cliente: Bongiorno!

Comessa: Bongiorno! Cossa ghe servi?

Cliente: Volessi un per de scarpe con un poco de taco...

Comessa: La le ga viste in vetrina?

Cliente: Eh... no, in vetrina no go visto un qualcossa che podessi andarme ben, xe solo col taco sai alto o senza taco.

Comessa: Quel che gavemo xe in vetrina!

Cliente: Ma veramente mi volevo un per de scarpe con un poco de taco....

Comessa: Se no la ga visto in vetrina un per de scarpe che ghe comoda vol dir che no gavemo, la provi andar de (e la me nomina una storica botega de scarpe de Trieste), la i gaverà sicuro!

Cliente: Va ben ah, grazie del consiglio e la scusi del disturbo!


E cussì son andada in tela botega che me ga consigliado sta simpaticona de comessa e, in efeti, go trovà quel che zercavo, tanto che, quasi quasi, pensavo de tornar indrio a dirghe che la gaveva ragion!


 

Questo xe normale a Trieste!

 

 

 






 







- storie de comessi e comesse -