LA MODA TRIESTINA

DE UNA VOLTA

ovvero

Come vestiva le nostre none

 

 

A Trieste i vestiva sempre a la MITTELEUROPEA... 

si, el negoziante se presentava al cliente in frak e la moglie la guardava le prove dei vestiti in vestito da sera. Le done riche in capelin ricercà (spece quei de Thummel) e le povere popolane le gaveva el sial o el fazoleto in testa.

in uficio i portava la petorina e i "GAGA" guanti e paieta.

 

Nele famose sartorie, specie in Corso, ghe iera importanti passerele che solo le fie (magrete) dei richi le se sforzava de dimostrar la BELLE EPOQUE.

 

La critica triestina, su stò fato de l'eticheta la xe restada finché iero mi muleta, o per lo meno fin che son diventada signorineta...: no se camina cussì! tira indrio le spale, sta con la testa drita, metite el capelin, no se va a caminar magnando per la strada, ecc.

Trieste xe stada sempre una cità bastanza rica e specialmente a l'inizio del 1900, nona me contava che bisognava mantenir un livel dignitoso senza mai mostrar miseria. L'omo gaveva un vestito ciamado el TERLISS ma meno che a la domenica quando el doveva distinguerse anche dai muli che no i fazeva de meno de aver in testa una specie de bereta, la RASCA, col frontin d'avanti. Le donete con camisette bianche candide ornade de frinzoleti e pizi, senza dimenticarse del grembiulon per protegerse da le man tante volte onte. Ma su sta grande traversa iera l'indimenticabile tascon, anche le Sessolote lo doprava anche per tegnir i soldi e non farse rubar ma anche per sconderghe dentro robetine che le trovava in cestin, ritai, roba che i buttava via e lore le portava fora in sto traverson, un poco come fazeva i fachini.

 

Le scarpe iera più facile de comprar, senza tanti lussi, i stivai de quei con 100 botoncini ma carini specialmente co se doveva tirar su le cotole co pioveva, i iera lucidi anche se i mostrava fati in serie, quasi tuti i gaveva i sui disegni fati a man, come ricameti che dopo i vegniva copiai per metterli anche sui guanti.

I calzatutifici (come Ranzini-Montanari) gaveva un poco de tuto per acontentar i desideri de le famiglie ma chi gaveva assai fioi doveva portar le famose papuze possibilmente fate far da le Furlane.

 

I colori de le stofe iera veramente variopinte che i portuai rideva e ciamava i vestiti "i Papagai del Brasil".

 

La biancheria iera in pura Battista e del miglior coton, el Lino riverà dopo con la fine del famoso bustin che, povere done, ghe voleva due persone per iutar una a serar sta gabia.

 

I mudandoni iera lunghi fin al ginocio, con le aperture in zone proibite.

Sotogone a tipo ventaglio, cioè una sfilza che dopo finido tuto el vestito iera facile d'infilarlo senza aiuti

 

Come contà su, i impiegati de uficio gaveva ste famose petorine tute inamidade ma facili de stacar e lavar in caso de bisogno. Sora el famigerado TANGO, una specie de coleto che se piegava in su e dificilissimo a bottonarlo (mio papà li ciamava rompi onge).

 

Iera tempi che un capoto durava anche 10 ani, se podeva rigirarlo, ricolorarlo e rimodernarlo a la moda. I omini gaveva i sui vestiti de Lino che vegniva usado più d'estate mentre d'inverno i doprava le famose lane inglesi.

Ma dopo tuto xe restada una picola tradizion... bisogna esser presentabili e no andar fora de casa "vestidi come Zingani!"

 

IN ZAVATE E CAPEL DE PAIA

LA VESTAGLIA A PINDOLON

FINIREMO STA MARMAIA

IN OTAVA DIVISION... (Un controsenso? Ma, tuto passa e se dimentica).

 

Maria Zanier (lacangureta)

 

! Torna a la pagina indrio !