TRIESTE

NELA SECONDA GUERA MONDIAL

E NEL'IMEDIATO DOPOGUERA

la vita dificile de una bambina

che ogi, da grande, ne conta la sua version de la storia

 

Noi vogliamo bene a Trieste per l'anima in tormento che ci ha dato.

Essa ci strappa dai nostri piccoli dolori e ci fa suoi e ci fa fratelli di tutte le patrie combattute...

...parole sante de SLATAPER nella prima guerra mondiale.

 

Maria Zanier:

La mia version xe basada su quel che go visto e inteso, coi oci e le orecie de una picia creatura, da quando gavevo circa 8 anni fin ai 20; 12 ani de  languor, speranza finida per sempre in una giornata del lontan 1955.

... la xe andada mal, semo sparsi pel mondo e come tutti i emigranti dir˛ anche mi: "gavessi avudo quel che go se fussi restada a TRIESTE? O forsi de pi¨?"

 

Mio nono materno se gaveva fato la prima guera mondiale assieme ai sui fradei, due Bersaglieri lu' Alpin, Monarchici per la pelle.

A casa de mio papÓ niente patriotismo, tuti senza bandiera, solo zio Carlo iera de la Julia.

El fradel pi¨ vecio xe sta impicÓ fora de casa, no ga servý a dir che sto pre-fuoco ghe costava 5 chilometri de caminar per andar a lavorar, la mia zia Cristina xe diventada mata, i fioi (due mii cugini mai conossudi i xe scampai coi partigiani)

Marieta sentiva parlar, sia che da mio papÓ che da la mia nona Maria, ma dal viso se capiva la disperazion de sta povera mamma de 17 fioi.

Tuti vol tuto quel che no xe suo? PapÓ, te me disi sempre che la politica xe come el matrimonio "QUEL CHE XE MIO XE TUO, E VICEVERSA? PerchÚ devi esser sempre l'incontrario?

PerchŔ picia mia le guere porta solo a la distruzion, ma tante volte ghe vol l'acordo altrimenti no i la finissi pi¨, xe come el matrimonio.

 

Nei primi ani dei bombardamenti, anche se semo stadi fortunai de no gaverne avudi tanti, se sentiva sempre discuter e parlar dei altri: "Siora Bianca la ga inteso cossa che xe sucesso?" se sentiva, ma per mi iera sempre TABU' che mal che fazeva esser in scuro de ste notizie che solo i grandi doveva e podeva saver, i fioi pici come mi doveva guardar, scoltar e taser.

L'asilo lo go frequentÓ (via Manzoni) finchŔ go compi¨ 6 ani, questi xe stadi i migliori de tuti, iero la pi¨ picia de la classe, essendo nata in giugno go ricuperÓ 3 mesi su l'etÓ prescrita, gavevimo assai gioghi, disegni, e le merende iera un sogno, mi me contentavo tuto, le maestre me voleva ben per quel, ma la diretrice la me ga ciapÓ in urto perchÚ ghe go dito che go 4 fradei, tuti pronti per la guera, ma uno iera za stado in Abisinia.

Cussý per 18 mesi, portavo a casa, sempre la calzeta tipo quele chei fazeva per la 
Befana Fascista, che la iera piena de un poco de tuto, naranze, mandarini el mandorlato, co mia mama ghe ga' dito Signora Direttrice, questi sono i mii fratelli, non della Mariaů..lei li chiama cosý perchÚ non vuol esser sola. Figlia unica adio calzete, iera solo per chi gaveva famiglia mumerosa, Mammmmmmmma... te podevi taser!

Nel periodo de le scole elementari, son stada fortunada, tuti 5 ani li go fati al Carniel, in via Media (via Matteotti), due passi da nona

L'inverno (famoso del '43) iera alquanto zo de temperatura, nel fratempo, per la citÓ, buligava sti Tedeschi, che co i marciava el mio cuor saltava e la sirena del mercato coperto, bastarda... co la fis'ciava el cono iera prorpio girÓ verso la via Caccia, essendo forsi la casa alta, (quele de via Vasari iera basse) fazeva da eco.

El Coprifuoco alle ore 20, per la cittÓ di Trieste (anuncio de la Prefettura di Trieste).

Da oggi, domenica 23, cominciera' el coprifuoco.

PapÓ mio fazeva un corso de taio e cucito per caligheri, la scola iera proprio in via Dante, sfortuna voli che'l ga perso el portafoglio, lui diseva sempre che sarÓ sta qualched'un tra i studenti, perchÚ i andava in cerca de documenti per falsarli.

 

Durante la prima setimana del coprifuoco, el gaveva fato far una carta speciale, solo per poder frequentar el corso, ma un bel giorno un tedesco se ga presentÓ a casa disendo che'l devi andar diretamente in uficio per riaver de novo la carta d'identificasion; papÓ ghe domanda dove, ma sto qua no'l saveva per sicuro, se iera de andar sempre in via Carducci, o in un'altra parte de la citÓ, fatostÓ che ghe vien la carta de andar ala Risiera. Mama ghe disi: "te ga de andar verso la risiera? Cossa te diria de fermarse in cimitero? Mi me seca andar sola con la picia, non ghe xe face da fidarse, e cussý ciapemo due picioni con una fava, ti te va, e noi te spetemo"

Lui disi: "va ben!  Alora andemo tuti e tre". PapÓ se presenta sul coridoio, (strano de veder sto pasagio streto) un soldÓ lo ferma el ghe domanda i documenti. PapÓ ghe rispondi (el parlava el tedesco) no li go perchÚ i me li ga rubai e i me ga dito de presentarme qua! Sto povereto de soldÓ che'l gaveva (papÓ ne conterÓ dopo) forsi 17-18 ani, el ghe rispondi 

La vedi quel coridoio? 

Si! disi mio papÓ, xe quel che go pena passÓ

Allora la cori , la scampi el pi¨ presto possibile e guai a Lei se la torna qua'? la ga' capi' o nicht?

Mio papÓ xe scampÓ a rota de colo, (i parlava za in giro che ghe iera robe lugubri drio sto muro de matoni), quando se gavemo incontrÓ al cimitero el ghe disi a mia mama: "Elena ma coss' te son mona? non te vedi che te son nella sezion dei Ebrei?" mia povera mama inocente non la pensava a ste robe, (ghe piaseva meter un fior per tuto) ma ne ga tocÓ a sconderse per almeno due ore prima de poder scampar da la zona de la via della Pace. Che nome strano PACE, papÓ ga sempre lodÓ sto giovane tedesco, el me diseva che non tuti xe cattivi te trovi anche qualche bon che te iuta.

 

El comando della SS iera in Piazza Dalmazia, me ricordo che papÓ me gaveva assolutamente proibido de caminar da quele parti, mi pianzevo e ghe rispondevo SON SEMPRE CON VOI ma lui persisteva co'l dir che anche se vado a far una caminada con qualsiasi persona in famiglia o amici de contrada, assolutamente no devo andar nianche verso Barcola, perchŔ ghe iera scrite sul muro de guardarse dal mulo de Roian (presuminilmente Odillo Globocnik, ndr)mi credevo che xe un personagio de l'Armonia, inveze iera un grande capo del reparto della SS, nato a Trieste ma de raza tedesca o slava,  lo ciamava el mulo de ROIAN, cativo come la peste.

Ma pi¨ preocupante de tuto xe sta sti convogli che partiva per la Germania, ogni giorno sfilava sti giovani triestini, verso la stazion, chi prelevadi da casa, chi dal Coroneo, insoma iera za stabilido quel che sara svelÓ dopo la guerra.

 

Un paseto avanti:

I tedeschi gaveva fatto el BUNKER soto la scrita Borsalino,in Piazza Impero, dopo Largo Barriera Vecchia (pressapoco al posto dell'edificio che oggi sta difronte al Mercato Coperto, ndr).

El 10 giugno ne ga fregÓ, mi dentro in una coverta, papÓ xe cascÓ proprio sora de mi,
areoplani se ga abassÓ verso sto bunker, i mitragliava, papÓ no'l se acorzeva che presto el me asfisiava, semo restai la per pi¨ de venti minuti , finchÚ uno della UNPA xe vegn¨ a tirarne su e portarne in via Pondares, in un dei rifugi messi a disposizion durante ste famose giornade de pericolo.

Mi subito go av¨ la scagarela, la me durerÓ ben 3 setimane, iero sempre che pianzevo
dai dolori, finchÚ qualche doneta, mame de fioi maladi, se ga fato coragio e le xe andade in cerca dela famosa melissa, che co'l zuchero calmava un poco i mali de panza, ma nianche con quel non serviva, povere done, le ga girÓ meza Trieste, anche perchÚ la magioranza de le farmacie, i paroni iera quasi tutti Ebrei, e anche lori
iera za sparidi.(Signori, Del Giglio, Picciola ecc.)

 

Tornando un passo indrio, nel '42 i tedeschi gaveva roto e sequestrÓ un tre negozi dei Ebrei, el pi¨ grande in Barriera (ex piazza Impero) Cavaliero, anche mi, no nego, go ingrumÓ un do picarini, pensavo, nela mia inocenza, che iera bona roba per brusar. Dopo la visita fata in Tasmania - Australia, nela citÓ dove xe viss¨ el COHEN alias ALCORSO, scampai, imigrai qua in sta tera come noi, gavemo parlÓ de st˛ particolar, che i veci gaveva inteso, ma i fioi purtropo non ghe interessava tanto.

 

Sti rifugi, dove se andava pena fis'ciava la sirena, che col cuor in gola, come spiegado prima, se coreva come mati, con scagnieti, botiglie de acqua e qualcosa per meter soto i denti (che purtroppo iera poco), ma sicuri che la pele iera salva.

Gavevimo un mureto davanti l'entrata che quel fazeva de riparo ma fastidioso per entrar, tuti gavevimo paura e corevimo per ciapar el posto dove non ghe iera l'acqua che pissava zo pei muri, assai nociva per noi muleria, che ierimo za a quela tenera etÓ pieni de dolori. Gabineti non esisteva, se ghe iera un do se doveva andar fin in fondo dove fazeva congiunzion con la galeria Sandrinelli, ma dopo un poco i ga alzÓ e chiuso un muro perchÚ ghe iera sempre imbriaghi, gente che voleva rubarne e cussý serandola i ga da pi¨ posibilitÓ ale guardie de controlar chi che va e chi che vien. Anche i muli andava e vegniva a piaser, lori non gaveva paura, ma doloroso iera veder le face chei fazeva co mancava qualched'un a l'apelo.

Durante un bombardamento, ierimo de una zia, la stava in via Sergio Laghi, se gavevimo rifugiÓ soto casa, un stanzon grande e tuto blindÓ, ma dopo le prime pirolete, le porte ga cominciÓ a svolar via dal spostamento d'aria e semo corse in tunnel de Piazza Carlo Alberto (i tedeschi non voleva farne entrar, perchÚ iera pien e sula porta d'entrata che dava proprio sula scalinada dove i giogava el tennis, i iera za messi la coi mitra.). Una giornata indimenticabile, perchÚ papÓ' iera solo a casa, e co semo vegnude fora, sta bela casa tipo grataciel la iera distruta e bombardada tuta da un lato, 7 piani tuti zo, da quel giorno, mai pi¨ sole, anche mama la ga cominciÓ aver un poca de paura, ela che la iera cussý menefregista, coi bombardava la li mandava a quel paese e la finiva de far el magnar a seconda come che la se trovava, mi e papÓ invece ierimo za sula porta del tunel.

 

L'unica roba che iera de bon, el nostro amato Cecchelin lui ga sav¨ a tirar su el moral quasi a tuti, veci, giovani, lontani e vicini.

Una strofeta de Cecchelin me xe vegn¨ in mente:

PapÓ ogi noi ga fatto lezioni a scola, ma gavemo scoltÓ el nostro amato DUCE che'l ga dito IO VI HO LIBERATO DALLE CATENE... quale catene? papÓ quele che una volta portavimo sul pancioto che le iera de oro! (periodo che Mussolini prelevava l'oro per la Patria), 

ma mi iero solo presente co i ingrumava el fero, l'oton e anche rame che tuti lo rubava taiando i fili de la luce (l'oro, xe stado dado nel '35, forsi gavevo 3-4 mesi).

Xe come la question del Principe e la miseria... el principe xe colonelo, la miseria xe general. (Cecchelin, ndr)

 

Mio zio Giordano iera sempre in Toscana e mi ghe scrivevo de Cecchelin e ghe riferivo le batude, anzi ghe disevo, co te vien in permesso non sta portarme a casa i pedoci, co'l veniva de noi, el se gratava la schena sul bordo de la porta, povero el xe morto de tifo pedochiale in Croazia. Go sempre le cartoline postali, che'l me scriveva, e mi mai go avudo coragio de dirghe che le stelete sul coleto ghe le gavevo rubade co'l dormiva, el ga fato 3 giorni de preson per colpa mia, ma no'l gaveva perso el grado militar.

El rastrelamento in via Caccia...

Un per de giovani, chi 16 chi 18 ani, mio cugin de 14 ani col papÓ e anche nono, (lui tornerÓ ma el sepelirÓ i do membri de la famiglia in Germania).

Fra tanti i gaveva ciolto anche mio papÓ e un cieco che stava al numero 5, tutti urlava: farabuti cossa volŔ che fazi sto povero cieco?

Ma lori diseva che con la pala e el picon el poderÓ a scavar lostesso. Co se ga sav¨ che i ga prelevÓ anche i veci a l'ospedal Maggior, ormai tutti diseva che l'anima bona del Reich vol eliminar i veci e quei che xe menomadi, mi me preocupavo per mio papÓ che dopo messo sul camion pianzevo e ciamavo papÓ papÓ ma un tedesco della SS me ga messo contro el muro col suo adorato PINSCHER Doberman, quei cani che i li ciamava i magna Ebrei, mi poco capivo el senso de la parola, ma me la go fata in mudande, perchÚ le ringhiade de sta bestia me ga verto la visciga,  picia che iero, ma go zigÓ: Dio te castigherÓ viliaco, e co saro grande anche mi gaver˛ un can cussý (e li go avudi, la femina Greta co'l mas'cio Ceasar la ga fatto 4 volte quasi 10 cagneti, e per ridicolo che sembra, quasi tuti li go vendudi ai Ebrei del mercato coperto a Melbourne, dopo che i ga savu sta mia storia, una la go tegnuda che la ga viss¨ 14 ani, la mia Jedda).

 

PapÓ tornerÓ dopo 2 setimane, certi xe morti de fame, el G.V., fio del strassariol de via Caccia (15 anni) el tornerÓ pestÓ perchÚ dala fame el gaveva cusinÓ un gato, ma devo dir che i gatti iera meio dei cunici, diseva mia nona: co se ga fame tuto va ben, anche perchÚ el macellaio de via Carducci el xe stÓ el primo a vender gati al posto de conigli, i lo ga becÓ ma iera troppo tardi, ma guai a chi toca la mia gata.

PapÓ mio ghe ga imprestÓ la nostra Cina, una specie de leonessa, che la copava i sorzi durante la note e de giorno la dormiva sempre, sior Tullio per cambio el ne gaveva dado una copia de conigli... Dio che magnade, mi e mama andavimo su per via dei Porta a ingrumar l'erba che cresseva tacade ai mureti, e co rivavimo verso Chiadino dovevimo verzer el sacco e mostrarghe ai tedeschi de patuglia, e mi fazevo de moto con le man soto el mento che serviva l'erba per dormir sora, no go mai capý se i iera mone, o mi me ciamavo fortunela.

 

Dopo de questo, gavevimo anche el coragio de andar a taiar i alberi al Boschetto, un ano asai crudo, fredo, neve, bora, coi mii zii de via Mauroner, con la manera in man, spetavimo el via l'ordine dei tedeschi (andava a giornade) per cominciar a taiar, mi come che cascava i rami, gavevo l'ordine de far rameti pici per impizar el fogo, mio zio andava su co la corda, mia mamma meteva in saco, mia zia e mia cugina tirava i tronchi pi¨ lunghi zo per la strada per portarli fin fora della porta, che dopo vegniva separÓ e dado a chi gaveva pi¨ bisogno.

Mia nona, Salute, col sparghet in funzion la cioleva quel che ghe serviva e la cusinava anche per noi, papÓ lavorava de notte, con una semplice candela o lumin e mia mama ghe legeva qualche giornal perci˛ che no'l se indormenzi e mi contenta stavo dala mia nona, che la me fazeva le veci de mama.

Sta storia xe andada avanti per assai mesi, finchŔ xe rivada una temperatura mite, mi
magra come un stecco gavevo sempre fredo.

In questo periodo tanto lugobre, ghe iera anche qualche diversion, sti tedeschi (i alti capi) amanti de la musica, i gaveva fato riaprir el Verdi, coi programi de opere tipiche de lingua tedesca, ma el Werther che semo andadi a veder (tute le picchiatelle de via Caccia) Feruccio Tagliavini - Pia Tassinari (sua moglie) xe sta dado in talian. 

Le due de Wagner , Le Walchirie e Sigfrido, se gavemo promesso che mai pi¨ andaremo a scoltar ste opere cussý lunghe e senza spiegazion e giuro che xe vero ogni volta che i girava la testa, cancelavimo la scrita dai tabeloni (anche noi ierimo giovani incoscienti, ma disperai per sta guera.)

 

Al Prefetto Bruno Coceani:

Ieri sera la polizia germanica ha prelevato dall'ospedale Regina Elena nella sezione dei cronici gli ammalati vecchi ebrei.

In quel luogo dove si dimostra solo pietÓ e dolore, Ŕ entrata una disumana e nauseante versione di depravazione anticristiana.

Sono state prelevate persone che non sono ebree, tutti si domandano dove finiranno queste persone, parenti, amici, colpiti da eventi atroci.

Se potessi con una mia domanda o un intervento a fare qualsiasi cosa per queste povere anime, lo farei volentieri per saper un risultato positivo.

Vi prego Eccelenza di far il possibile, acciocchŔ questi atti barbaraci si possano fermare davanti ai malati dolenti.

Con queste versioni barbariche si aprono nuovi abissi, e bisogna, prendere dicisioni fra i popoli, incondizionatamente di fermare certi atti.

Trieste, 29 marzo 1944 Vostro Antonio Santin.

Santin, una vera persona.  Go conossÓ el Vescovo Santin, al cimitero de Sant'Anna, el 13-6-44, proprio per i funerai dei morti soto el bombardamento del 10 giugno, (ghe iera un'altra persona importante ma go sav¨ dopo tornando a scola, che iera el PodestÓ Pagnini, certe robe non le savevo, e non lo go mai visto nianche a scola, o a le colonie estive de Opicina, dove vegniva a veder la muleria, cossa che fazevimo de lavor (mi ingrumavo i ciclamini e coi gambi fazevo cestini, che dopo papÓ me li vernisava con una roba che'l doprava per lucidar le scarpe, el dotor de via Solitario ala cassa malati el diseva ai mii veci che tegnindo le man ocupade anche el zervel funziona meio, i fioi gaveva bisogno de un poco de svago).

Dopo aver celebrÓ la messa dei morti el se ga avicinÓ a tuti i fioi, a un per uno, con la benedizion, e una parola de conforto. Mi no gavevo paura de le bombe ma del fis'cio che le fazeva senza saver dove che le casherÓ, ma quel che me impressionava iera le maschere antigas (el governo Tedesco ga impartý l'ordine de dar due per famiglia) e ghe lo go anche dito al Vescovo dopo la benedizion: "perchÚ danno le maschere solo ai bambini e alle donne? PerchÚ dietro la porta della cucina ne vedo solo due?" Tutte domande che mi volevo risposta, sentivo che lui podeva meter una bona parola per noi citadini, "cossa te vol che fazi el Vescovo" diseva le donete "i lo ciol sempre pel fiocco, el xe el Rigoletto dei tedeschi!"

Ma el ga fato e tanto, iero picia ma scoltavo tuto e tuti, lui gaveva el coragio de zigar ai tedeschi, con paroline alquanto fiere, che no iera permesso a un Vescovo o a un rapresenrante dela Ciesa Cattolica.

 

Le prime zigade xe sta proprio quele, contro un Uficial, giuro non me ricordo el nome ma el ga obligÓ anche i fioi pici come mi de esser presenti a l'impicagion de quei povereti in via d'Azeglio, mio papÓ tremava, mia mamma la me tegniva per man, mi picia no vedevo, veramente i mii noi voleva, ierimo la solo per numero, ma in ogni grupo ghe iera 2, 3 militari e uno se ga avicinÓ e me ga ciolto sule sue spale disendo che devo veder... e.go visto ...e anche inteso ...l'auto moverse con lori in piedi, man ligade e co la benda sui oci ...e dopo un crac...

tuti pianzeva e urlava, ierimo a do passi, proprio, sul canton de la tintoria de via Vasari, meno mal che i ne ga salvÓ d'andar de quei de via Ghega, non fazevimo parte del rion.

Da quel giorno, mio papÓ co'l gaveva de copar un coniglio (fazeva la mia nona) el doveva imbriagarse, mia mama la ghe diseva: "cossa te fa Gigio? te spendi piu' soldi per bever de quel che meto in pignata" ma lui ghe contava a tuti che'l rumor che gavevimo inteso del crac iera el colo de quei povereti.

 

Attentato contro I soldati tedeschi:

Ufficialmente si comunica che ci sono stati attentati contro soldati tedeschi e italiani. La corte marziale a condannato a morte 51 persone. La sentenza Ŕ stata eseguita immediatamente. (publicÓ dopo l'esecuzion, e dopo saveremo che l'ordine xe sta impartido dal mulo de Roian.

 

De quel sucesso anche in via Ghega, me par che ne iera pi¨ de 50 persone e anche tante a Opicina, che no podevimo andar nianche alle scole, ciamade a l'aperto del consorzio anti-tubercolare (no che gavevo la tubercolosi, ma iera obligatorio, apunto per no aver quel bruto mal).

I prelevava i prigionieri al Coroneo, e dopo i li meteva in un tunel situÓ in via Romagna, un lugubre posto che anche la come per tuti i rifugi a Trieste ghe iera sempre acqua, umiditÓ e alquanto anti-sanitario (i diseva chei li pestava, e seviziava).

Durante quel periodo, cussý intenso ga comincia le rastrelade, sti tedeschi i 'ndava e vegniva su e zo per la contrada, gavevimo abastanza Ebrei, mi andavo in cesa con la Anna, disevo che la iera Cattolica, la me fazeva una pena infinida, anche perchÚ la gaveva i cavei neri come el babau e quel iera la prima roba che i guardava, (e mi per dispeto iero bionda-castana) la stava al 11 de via Caccia, el vecio gaveva el negozieto de rigataio in Rena vecia. Purtropo i perderÓ una bela fia de 14 anni, Stella salva per miracolo la tornerÓ mata, el fio scampÓ in Israele, Anna la mia amica la iera col fradel, tutto questo, lo saver˛ dopo la fine de la guera, perchÚ i mii cercava sempre te tegnirme al coverto da certe robe, perchÚ per la mia etÓ gavevo visto tropo (a la veneranda etÓ de 40 anni, mio papÓ me conterÓ de gaver sconto un'ebrea soto casa, no'l ga dito prima perchÚ anche se savevo cossa che vol dir non esser cattolica, i fioi xe come colombi, i sporca la casa, el gaveva paura che parlo).

 

Pena finide le elementari xe rivadi i titini a Trieste... boh! nianche quel no xe sta bel, anzi go constatÓ, che tuti i triestini iera alquanto disgustadi de quel che i ga fato sempre soto la parola giustizia; ma per chi? Per dimostrar veramente che no i iera altro che poveri contadini, senza educazion, senza rispeto e anche senza el senso de rimorso verso chi non ga fato niente de mal? I gaveva serÓ tute le entrate delle vie con cassete de pomi, sentadi a far i bivachi, pissar contro i muri, corer drio a le mule, senza riguardo dei fioi, violentarle per strada. 

Con la scusa che papÓ parlava el slavo, i xe rivadi fin in cusina nostra e su per l'abain giorno e note con sti mitra che i cercava de ciapar qualche fascista che non se dava pase e lori sparar a ripetizion ...e mi povera farmela a dosso, el cesso iera sempre pi¨ sporco che mama se ga rifiutÓ de netarlo finchÚ no i xe andai via, (dovevimo usar l'altro in comune con siora Berta).

 

PapÓ me riferiva dopo cossa che i diseva, si xe giusto chei voleva vendicarse de quel che i gaveva soferto, ma tuti iera stadi provadi da la guerra e credo che i fioi  iera ora che i dimentichi invece de ridimostrar tuto quel che gavevimo za visto.

 

E la storia de mio zio? Chi lo ga copÓ se non uno de lori d'accordo coi tedeschi? I li ciamava i Domobranzi

"te vedi papÓ che mi no son tanto stupida, mi go capý che tuto el mondo xe paese, anche fra de lori i se odia."

"si, si, ma bisogna star ziti!" ...semo stadi ziti per 42 giorni.

le truppe titine a Trieste

Ma no Cecchelin, co'l ga inteso che un grupo de anti-italiani i zigava per le Vie de Trieste ZIVEL TRST JUGOS e a morte i taliani, alora el xe corso in Municipio zigando anche lui: "porco mondo riva o no riva sti Inglesi?" el xe sta lui che corendo, dopo el gÓ urlÓ: "riva i aleati, tirŔ fora le bandiere taliane" cussý el xe andÓ su per via Capitolina verso la Cattedrale a dirghe, al Vescovo Monsignor "adesso la pol sonar le campane a festa... VIVA L'ITALIA"

un slavo ghe rispondi: "no te le ga sonade per noi e non te le sonerÓ nianche per lori"

El vescovo SANTIN gaveva risposto: "se entrava un presidente o capo slavo a Trieste el gaveria sonÓ si le campane... ma a morto..."

Ma i cari armati iera za dentro, un soldÓ se avicina a Cecchelin e lui macieta el ghe disi al titin: "ciapa mona, Mister Din Don xe rivÓ e ti te parti".

 

Dopo la guera spetavimo la Toti del Monte, invece xe rivÓ TITO dal monte. 

Ecco che ariva i alleati... 1945 finalmente i xe rivai.

Piazza Impero (oggi Largo Barriera Vecchia) entra el 13░ corpo dei Alleati assieme a un per de scozesi che i me ga fato tremar tuta anche l'asfalto iera in movimento con sti piferi e subito dopo i MAORI de la Nova Zelanda.

Semo proprio difronte del negozio Grammacini..negozio de ricamo e macchine de cusir e zigo: "guarda guarda che grande bandiera!", i gaveva messo fora una che la coverzeva 2 piani de soto, un spetacolo, considerando che nessun imaginava che in quela casa, infestada sempre de tedeschi, ghe fossi sta una fameia con bandiere Inglesi. Ma che strana che xe la guerra, mi go sempre dito che ghe xe sta 45.000.000 milioni de fascisti e l'indomani 45.000.000 de comunisti e la bandiera sventola a seconda dela spostada del vento... cambiar bandiera e voltar gabbana

N.B. Saver˛ dopo el motivo che i titini xe rivadi prima dei neozelandesi, tuta colpa del sior ALESANDRO (Alexander) testa de rava.

Verso agosto, riva la ciamada de andar a scriverse per le scole d'aviamento, mi sceglio le Industriali, 

anche come lingua straniera gavevo sempre optÓ per el francese perchÚ la lingua tedesca me gaveva de volgare (come diseva Slataper: "el tedesco xe L'OSTINAZION MULESCA") gavevo bisogna de rifarme col cervel e ragionar da signorina e dimenticar le brute giornade e la mancanza del saver cossa che doveva esser la GIOVINEZZA che la iera ancora scrita sui muri. anche queste iera pian pianin sparide, el color sbiadý, niente piu' scritte NON BESTEMMIARE, NON SPUTARE, CREDERE OBBEDIRE, xe vegnu' tutto in nero un misero cartelon con la scritta AMG-FTT, messo su tuto, pagele, carte, documenti, francoboli. (esato come ai tempi del fascismo). Ma in compenso ierimo liberi, e salvadi.

Nei mesi sucessivi a Trieste se forma un centro de ricerche su quei che purtropo no i ga rivÓ tornar a casa, mia nona con la foto de zio Giordano in man l'andava da tute le parti dove ghe iera i anunci mortuari, gente che pretendeva de saver e aver visti chi l'un o l'altro, chi in Germania chi in Croazia, anche se quei dela Croazia nissun xe
tornÓ indrio, ne vivo ne morto. 

Finalmente un povereto che non voleva ne soldi ne ospitalitÓ el xe vegn¨ a dirghe a nona che un Poli de via Media el iera scrito su la murada de l'edificio soto la stela mortuaria, morto de tifo pedocchiale, come tanti altri nela stesa preson.

P.S. In seguito con la programazion del film american "La famiglia Sullivan", go rivÓ a spiegarghe a sta meravigliosa nona che tante altre mame come ela xe stade provade, almeno 3 dei sui foi xe tornadi a casa, uno solo xe restÓ, la me ga tanto abrazzÓ che pianzevimo come do mulete anche se mi iero proprio una muleta.

 

Cominciavo a capir un pocheto dela lingua forestiera, ma me dava fastidio sto mona de Montgomery co'l ga ciamÓ i nostri soldai SOLDATINI DI PAGLIA (anche durante la guera in Africa el persisteva de criticarli), no'l gaveva nessun dirito dopo che i taliani i ga salvÓ el c... ai Inglesi nella guerra di Crimea.

L'unica roba che xe stado sbagliÓ da quel che go capý mi nela mia mente de muleta de dieci ani, che i nostri soldai iera senza divise sgargianti, ma el coragio no mancava, intrepidi, anche senza calze i ga sempre fato bela figura e specialmente per quei che non ga podesto tornar pi¨ a casa, quei xe e resterÓ i nostri caduti.

Tute le nazioni ga dirito de difenderse.

Ogni conflito ga i sui orori, vendete e anche rancori cronici, ma quasi sempre i veri colpevoli scampa, e l'inocente paga.

Afermo solenemente, e senza tema di essere smentito ne oggi ne mai, che la  responsabilitÓ della guerra ricade esclusivamente sulla Gran Bretagna.

MUSSOLINI (scrite su le cartoline postali per le Forze Armate Italiane)

 

Adesso comincia le discussioni, digo cussý perchÚ tra un spostamento, un disacordo, un zigar tra Inglesi e Americani, nianche lori noi andava d'acordo ogni paese ga le sue usanze, un gaveva pi¨ soldi de l'altro e tuti voleva comandar, iera pezo che tra marý e moglie, o meio... tropi Capi e pochi Indiani! (too many chiefs not enough indians!)

L'american gaveva tuto, l'inglese iera geloso!

L'american magnava ovi per breakfeast, l'inglese dela terra dei cinque pasti se doveva contentar de galete.

Un periodo andavimo a cior la BOBA in via Gambini al governo Inglese... Dio che roba me pareva pezo del magnar de l'Istituto, minestre de tapioca impeverade che vegniva el volta stomigo, mama lavava la biancheria per i americani nianche lori con bon magnar ma almeno i spendeva per magnar. 
El governo militar aleato se ga inserido a Trieste el 12 giugno del 1945, capo el famoso Alexander, el iera el Uficial Superiore per i Afari Civili (dopo vegnerÓ cambiÓ col General Morgan). Nelson Monfort (niente da far con la strada de via Monfort, quela xe dal 1820) el sarÓ sostituido dal Colonel american A.Bowman, iera tuti Generai e Coloneli abili ala strategia militar.

Ma con la sudivision, gaveremo de novo alogi, alimentazion, educazione, industria la 
polizia che quela sarÓ ciamada V.G.P.F (i nostri famosi CERINI), i slavi gaverÓ de novo le scole ma el problema resterÓ ai grandi CHIEFS de stabilir un confin, che la decision vegnerÓ fata anche coi Francesi e Russi, e cussý capiremo che quasi tuta la parte che iera nostra i ne la ga portada via, fra due zone la A e la B, la magioranza non ghe comodava, iera sta un'insulto al popolo italian ma pi¨ ai triestini, da quel momento xe sta l'esodo dei Istriani, quei che iera taliani e no voleva star soto Tito.

Questa xe stada la division, e nel bel mezo ghe iera la famosa LINEA MORGAN, la citÓ iera sofigada con un picolo teritorio non gaveva la forza de sviluparse da sola, e questo ne ga in certo qualmodo rovinÓ. Economicamente non se se podeva lamentar, solo i 60.000 esuli, quel ga portÓ un poco de sconforto pei triestini, esendo streti, se gavemo streto de pi¨ in tute le maniere, con abitazioni, lavori, soldi ma dopo la citÓ ga riav¨ i sui valori, specialmente con la gente che gaveva un mestier. Quei che xe restadi la ga tegn¨ sempre un raporto coi fioi, amici, e parenti, come che succedi in casi de gente che emigra in tere straniere.

Un picolo riferimento cronologico:

1943 in luglio, comitato di liberazione Nazionale della Venezia Giulia.

15 otobre costitusion del land del terzo REICH e nomina di Rainer.

1944 in setembre, esci el PCI 

1 febraio, acordo tra Alexander-Tito per ocupar la Venezia Giulia, a seconda la linea Morgan, cioe' Trieste-Pola "alleate"

l'Istria ala jugoslavia.

Febraio un ecidio di Porzus in Friul vicin la citadina de Faedis.

1945 in aprile solevamento antifascista del CLN

1 magio l'arivo dei titini a Trieste.

5 magio, Trieste vien proclamada ala Jugoslavia come setimana Republicana. 

12 giugno partenza dele trupe jugoslave sula base de l'acordo, anglo-americani

1947 in febraio, firma del tratato de pase da parte taliana.

La zona A , soto l'ocupasion dei Anglo-americani, la B governada da le Trupe slave.

15 setembre: a Pola i jugoslavi, subentra a le trupe anglo-americane che i gaveva ocupÓ la citÓ a la metÓ de giugno del 1945.

1948 in marzo, circa al 20 una nota de 3 partiti che ga riconoss¨ el dirito del'Italia de
aver sul TLT e anche la zona ocupada in precedenza dai slavi.

30 giugno condana del Cominfor a Tito e nassi un secondo partito un partito comunista italo-slavo (cambiado con Unione Socialista Indipendente).

1949 giugno le prime elezioni a Trieste: Democrazia Cristiana con quasi 40%, PC col 24%, Indipendenti 6.4%, Unione soc. Ita. solo el 2%.

1951 nassi la la federasion triestina del PSI

1952 in magio ecco la firma del memorandum d'intesa tra Italia-Inghiltera-e Usa per meter dentro dei aministratori politici nel TLT e la zona A.

1953 al 6 setembre TITO, a Gorizia parlava del l'internazionalizzazione di Trieste e con il pasaggio definitivo della zona B alla Jugoslavia ma meti in subuglio la popolazion e nel novembre del stesso anno, I triestini scesi in piazza per protesta, i vien carigadi polizia Inglese, causando 7 morti e pi¨ de 50 feridi.

Un futio de robe succedi subito dopo, la bomba atomica in Giapon, tuti in piazza a zigar "si butela", nissun capiva l'Inglese ma tuti ripeteva la vose de Truman che zigava per le radio verte che se scoltava... boh... disevimo "vederemo cossa che sucedi...".

 

Nel 49, i famosi attori Americani Tyron Power e Linda se sposa, Rita Hayworth e Ali Khan va in luna de miel, Ingrid Bergman e Rossellini, ecc...

El disastro de Superga, col nostro amado Pino Grezar che perdi la vita, funeralon de
ricordarse fin che vivemo, tuta la via Battisti iera in finimondo,

battaglia in Sicilia con el bandito Giuliano.

El ritorno de Enrico Fermi, la vitoria de Mao, insomma un casin de primo pian.

Una confusion drio l'altra, sembrava che tuto se risvei come i orsi dal letargo.

 

Ariva el 52, dopo tante ripecussioni sul fato politico, se forma un'altro con la morte del Re d'Inghilterra nel febraio del '52, anche la nostra Regina Elena la ne lassa.

L'impresa conquistada dai famosi scaladori su la seconda veta pi¨ alta del mondo el K2, Achille Campagnoli e Lino Lacedelli, con questo sembrava che tutto se doveva
risolver nel ben inveze de retroceder come se diseva durante el fascismo.

 

Rivedo , dopo un per de ani Riccardo, el mio futuro marý, proprio in Giardin pubblico, con una cerchia de muli, chi ingegneri, chi periti tecnici, insomma studenti che per pagarse i studi i fazeva lavoreti pe'l Comun, anche mi li iutavo in cambio de controlar i mii compiti de Francese.

Semo stadi bravi noi studenti, gavemo soferto o SUBIA' come se disi in dialeto, ma gavevimo sempre el rispeto de scoltar i grandi sul fato de equilibrarse pel futuro. Anche noi gavevimo l'amor per el balo, la vita tranquila, metodici, amanti de le gite, ne piaseva i film americani, anche se non se capiva ancora la lingua, ma non ne dispiaseva i attori e anche el cine italian, quel iera nostran e la nostra lingua materna.

 

Riccardo iera reduce de la prigionia, ciapÓ e portÓ in campo de concentramento, senza eser con l'uniforme de marina, 18enne, anche lui soferto le pene del'inferno ma in compenso tornÓ a casa con la pele, el contava le sue aventure, saldador su la Vittorio Veneto, in trasferta a Napoli e Taranto, el vegnerÓ silurÓ nel ritorno, el iera stÓ ciapÓ in Croazia e portÓ subito in campo de concentramento. Noi muli piantavimo le violete su l'argine dove ghe iera l'orologio (che bei tempi), con tuto ci˛ che gavevimo passÓ un per de ani tormentadi, tuto se vedeva rosa

 

Ma come tute le robe bele, vien sempre fora le brute, bisognava meterse d'accordo con quei de l'altra parte. I voleva un toco de mar per farse un porto nella zona sua (parte B), subentra proteste a non finir, la muleria, specialmente i Universitari, comincia a sventolar bandiere taliane, zigar e far vandalismo per le strade, sporcar muri, insoma un disastro, che proprio a 6 ani dopo la fine della guera non ghe voleva

ICussý i ga deciso che la zona A restava a l'Italia e la B a la Jugoslavia. 

 

Mi e Riccardo se fidanzeremo in agosto del 52, el troverÓ lavor come autista-alestidor per Mr.Robinson capo manager del cine Principe, in viale XX Settembre, al cantier ghe iera poco lavor, licenziai lui e anche mio suocero.

Tra la scola serale, lavorar e divertirse un poco i giorni e mesi passava cussý veloci che non se se acorzeva de quel che el destin gaveva in programa per noi, come sempre ghe xe stÓ qualche, ciamemolo momolo, con idee strambe che doveva interferir sul futuro de la nostra amada citÓ.

Le abitazioni iera scarse, tuto da rifar e la fila dei disocupai la se alungava da la via Rismondo (la sede) fin a la via San Francesco. Mi lavoravo per una ditta de pitori, che
furbi, i me liquidava ogni anno d'inverno (i pitori noi lavorava fin l'aprile de l'ano sucessivo) e cussý no gavevo dirito dei disocupai, arotondavo la cifra fazendo un per
de vestiti per le mulete, ma insuficiente per farse un futuro.

Tuto ga cominciÓ nel novembre del '53. Ma i turbamenti e le inquietudini de la muleria ga lassÓ un'impronta su la nostra citÓ, che nianche in tuta l'Italia xe sta una roba simile, gavemo pagÓ el peso de la sconfita del fascismo.

Cussý dopo un per de proteste e giornade cupe, al ritorno da Redipuglia durante un corteo che sventolava bandiere taliane, ga cominciÓ i scontri tra la polizia civile e sti
manifestanti, xe scampadi 7 morti fra cui el nostro amico Erminio Bassa che'l vegniva fora del LLOYD, (essendose brusÓ al brazo no'l podeva navigar) e pi¨ de 50 feridi, per finir i cinema, automobili, autocarri dei aleati brusadi, tutto devasta.

I funerali di Erminio Bassa

E dopo tanto sto Memorandum d'Intesa el xe stÓ ultimado el 5 otobre del 1954 dai Inglesi, Americani e da le altre parti interesade.

A Capodistria xe stÓ messo el Consolato talian e uno jugoslavo a Trieste, nessun voleva molar niente, con la ripromessa che la Jogoslavia ciaperÓ 30.000.000 milioni per i dani, e noi povereti dovevimo za a prepararse per scampar, come criminali de guera.

Le trupe taliane entrerÓ el 26 ottobre del stesso ano, l'uscida dei aleati ga lassÓ un buso svodo per l'economia, noi giovani gavemo fato fagoto, dal 1955-56 oltre 12.000 triestini ga emigrÓ in Australia, ripetendo el fenomeno de la prima guera mondiale.

Le navi del' U.S lassa el porto de trieste e se risaluda el ritorno del'Italia

"e adesso che xe partý el batel

no possibile fumar pi¨ CAMEL

Oh caro Johnny,

co ti te son partý,

 mi me ricordo che iera un venerdý".

26 ottobre 1954, Trieste abraza i Bersaglieri, dopo quasi 10 ani de governo militar aleato. Per i triestini ghe voleva un'altra volta el rinserimento ne la vita economica che purtropo non ghe xe riussido cussý presto, noi intanto dovevimo lassar e andar al'aventura.'

EL STRIGHEZ... una farsa dalle femine come mi

Te vol partir?

Andar via de Trieste?

Te ga ragion,

Parti, va

Te tornerÓ anca ti

 

De lontan te penserÓ,

Te vederÓ tuto,

Tuto quel che no te vedi 'desso.

 

Te vedi st˛ mureto?

St˛ mureto de piere

Longo sta strada

Che taia el cel?... ecc.

 

Te vol far strada, te vol

Diventar qualcossa?

Te ga ragion,

Parti, va,

Te tornerÓ anca ti.

E quel che qualcossa che te sarÓ

Qua de novo,

'l te cascarÓ de dosso

come 'na straza.

 

Questo xe bel , te vedi?

Questo xe el bel de sta zitÓ,

E questa xe anca la s¨ malora.

 

No dago colpa al fascismo, me ricordo che zigavimo EIA, EIA, A LA LA

No posso pi¨ domandar dei Johnny, quei che vegniva a farse riparar le scarpe da papÓ,

No posso pi¨ domandar chi xe quel che canta cussý ben el Rock and Roll.

No posso domandar dove xe finida la mia giovent¨ che non la go nianche cominciada

No dago colpa a l'Italia, no a la Jugoslavia, no dago colpa al governo triestin, gavemo scelto noi de moverse...

Altri batei xe partidi, quei d'emigrazion australiana

Io ti saluto, vado in Australia, quando ritorner˛ un canguro te porter˛

Domani se imbarchemo per l'Australia, te vederÓ Rosalia che la staremo ben.

E dopo sei mesi gaveremo la caseta che a Trieste, benedeta, no se la gav'ria mai.

Triestini fe fagoto che'l batel xe in partenza:

Trieste resta senza un vero triestin.

 

Un giorno spero de vegnir a Trieste a farme un gireto e in barba a quei che ne ga criticÓ per la nostra sfortuna, lassando el molo de la stazion Marittima, sar˛ forsi solo ospite de la citÓ dove son nata, ma a testa alta viagger˛ da turista, cantando...

 

Te porter˛ con mi su la Napoleonica

te vederÓ cussý da Muia fin a Barcola

e te rinpianzerÓ de no gaver le ale,

come un cocal svolar per le contrade

ma no xe questo qua che xe importante

ghe xe l'amor che ghe vol la sua gente.

 

Maria Zanier (lacangureta)

 

! Torna a la pagina indrio !