! Torna a la pagina indrio !

 

In dialetto triestino
la storia dei funerali più famosi passati per Trieste

LE POMPE FUNEBRI

 

I famosi funerai...  si! Purtroppo se nasseva e moriva in casa, per funesto che sia, anche questa xe parte de storia triestina.

Raramente se nasseva in ospedal e se moriva la, forsi meno soldi, meno dotori, meno fastidio per el governo ma sempre co'l sostegno de le parochie per le esequie... e dopo via el caro al cimitero.

 

Fin la metà del 1800, go sempre inteso dai veci che la bara vegniva portada a spale e sti omini iera ciamadi i PIZZIGAMORTI... anche stò nome da un senso de fredura, una gocia de sudor zò per la schena...

 

Ma purtroppo xe la vita... cioè la morte! Se qualched'un tirava l'ultimo sospiro, iera de pramatica e legge che qualche membro de la famiglia andassi in Ciesa a riportar el caso, anche al sacrestan, che'l gaveva l'incombenza de sonar le campane a morto...:

4 sonade per una donna

5 per un detenuto

6 per un omo normale

ma 7 per una persona religiosa, cioè prete, ecc...

cussì se moriva più in casa che fora e al posto de stramazarse de pianti, tuto finiva in alegria, ala sera i se riuniva in casa del morto e con la scusa de le condoglianze, scampava sempre un bicierin, che'l xe diventà famoso in tutto el mondo. Durante la note de veia, i magnava tuti come porchi, meno che la vedova che la doveva solo che intratenir la gente senza tocar niente.

 

Se moriva una creatura alora iera diferente: le donete pianzeva disendo che xe andà in ciel un angioleto ma tuti magnava le FRITTOLE co'l vin bianco.

Osservando un funeral de lontan, tuti saveva, per tradizion, se se tratava de dona o de omo...:

se iera dona, tute le babete iera drio el feretro;

se iera omo al'incontrario, le donne vegniva per ultime.

 

Al cimitero, dopo che la fossa iera za stada impinida (...de lagrime), tuti partecipava ai riti funebri e ritrovandose fora del cimitero, i coreva con la scusa forsi del fredo (se iera inverno) a l'osteria nele vicinanze... cantando...:

Chi mori el mondo lassa

e i vivi se la passa...

 

circa nel 1875, a Trieste xe stada fondada una casa e le pompe funebri xe nate col nome de ZIMOLO, tuto de prima classe, con cavai e penacchi.

Tutti i giornai ga parlado dopo de sti casi successi, fra cui anche el funeral del conte Revoltella, col suo serveto cinese, fedel servidor, ma prima de lui xe stado:

El corteo de la famosa salma de MASSIMILIANO d'Austria rivada con la nave NOVARA

imponente anche el funeral de l'artista H.Thoure famoso omo mosca che'l xe stado sfracelà al famoso teatro MAURONER

i famosi cavai co'l caro funebre che ga trasportà la salma de l'Infanta de Spagna Maria Teresa de
Borbone-Braganza
, da la casa de via Lazzareto fin a S.Giusto, quei de Felice Venezian

 

Ma la più grande sfilata xe stada quela del Principe ereditario e la sua moglie, assassinai a Sarajevo, dove me xe sta dito che i li ga messi dalla nave Viribus-Unitis sul caro speciale a tiro a sei trainado da cavai, el Principe con la decorazion in Oro, la pricipessa d'Argento. (1914)

 

Maria Zanier (lacangureta)

! Torna a la pagina indrio !