- tutti i nostri racconti -

 

Viva el Pedocin

 

 

A estate ampiamente finida, me vien de far una picola riflession su quel che xe restà uno dei pochi loghi, se non proprio l'ultimo, che se pol definir avamposti de triestinità: el Pedocin.


Cussì vien ancora ogi ciamado afetuosamente el bagno comunale "Alla Lanterna" dove el bilieto costa solo 60 centesimi (diese in più de l'ano scorso) e dove per una cifra cussì ridicola visti i prezi che i spara in giro, se pol passar un poche de ore in pase e in alegria. 


Mi parlo per la perte maschile, non per quela feminile dove la pase sicuramente no xe de casa. Ben si, ancora ogi, nel ventunesimo secolo 'sto bagno xe diviso da un muro, a destra i omini, a sinistra le done o babe che dir si voglia.


Za caminando per strada sotomuro del Pedocin, andando verso 'ndove che se va dentro, se senti un casin venir oltre, un starnazar de ciacole che te fa pensar "
Oddio che stala no troverò un buso dove meter el sugaman!". E cussì xe in efeti ma solo per el lato "babe" perchè el mas'ceto, pena "obliterà" el bilieto e svoltà a destra trova una spiagia tranquila, mai pienissima, dove te se senti de disturbar zavatando per andar a distirar el tuo bel sugaman.


Qualche veceto legi el giornal nela galeria dei picarini, un altro se spalma la crema protetiva su un corpo rugoso ma con un'abronzatura de farghe invidia ai più assidui frequentadori dei solarium, tre o quatro zoga coi discheti al posto de le boce e per pista i usa el coridoio che porta a la docia. Xe sempre un grupeto in fondo che zoga a carte intorno al tavolin e rompendo la pase che regna sovrana a l'improviso un de lori ziga: "
lissa" o "busso". Dopo finissi sempre che i se rabia e che e se manda remengo, concludendo con parole triestine colorite, cristi e madone: "te go fato de moto che go danari, coss'te carighi de cope, insempià!"


Intanto che da oltre el muro te continui a sentir in lontananza un infinito remitur de babe che ciacola, te se distiri sui sassetti, davanti un mar che inquinà o no xe sempre un bel mar, e scoltando la risaca de le onde te se senti finalmente in pase, libero, fora dei impegni... e quasi quasi te tiri una stricadina.


Ma el bel del Pedocin xe i "habituè": pensinati, baby e 'sai avanti coi ani, che vien ogni giorno e che passa qua gran parte de la giornata. Te li riconossi perché co i riva i saluda i altri, ciamandoli tuti per nome. Po i va in fondo, dove xe la ringhiera che dividi dal bagno de la Finanza, a ciorse la sdraia, parchegiada con tanto de cadena e lucheto.


E xe qua che distirà a ciapar sol o tociando i calcagni in acqua per rinfrescarse che se senti i nostri veci tristin parlar.... e credeme... xe un vero spassarsla:

Ucio: "Mario te se ricordi de Sergio?"
Mario: "Qual Sergio?"
Ucio: "Quel che lavorava in porto con tu fradel"
Mario: "Quel sposà con Angelina?"
Ucio: "No, quel che su fia gaveva l'apalto a Roian"
Mario: "Ah si, Sergio, quel Sergio!"
Ucio: "El xe morto!"
Mario: "E come?"
Ucio: "De infarto. Do giornti fa"
pausa de qualche secondo
Ucio: "E Marcelo? Te se ricordi de Marcelo?"
Mario: "Qual Marcelo, quel de l'osteria?"
Ucio: "No quel che lavorava in Feriera"
Mario: "Qual ciò?"
Ucio: "Quel che gaveva quel can grande bianco"
Mario: "Ah si Celo, desso go capì chi, dime Celo no Marcelo"
Ucio: "El xe morto!"
Mario: "VACAMARE, SOLO CHE DE MORTI ME PARLA STO ALTRO! DAGHE UN TAIO UCIO!"
A 'sto punto intervien un terzo che scoltava a distanza, sentà su un careghin de plastica: "Mario tochite le bale che sto altro porta nera ogi!".

Rido tra mi e mi, e intanto vedo un altro veceto, gaverà avù più de setanta ani, zogar in acqua co'l nipote de oto, nove ani. I fa a gara chi segna più rigori in acqua e, credeme, el nono fa de quei tufi de portier cussì de gusto che xe un piazer vardarlo. Dopo un poco però el se stanca, el ga el fià longo e el picio ghe ziga:
"NONO CIAPA ANCORA QUESTA"
ma el nono ghe rispondi:
"va de la e dighe a nona che te porti comprar un gelato"

Inanto in spiagia se prepara un altro siparieto:
Icio: "el governo ga dito che semo in pien ris'cio de atentati"
Toni: "i ga dito che pol esser ovunque, no se pol preveder dove 'sti teroristi colpirà. Xe pericoloso andar de qualunque parte"
Icio: "Toni vien tranquilo al Pedocin, qua nissun ne ga pe'l cul!"

...e chissà che sior Icio no gabi proprio ragion!


Massimo

i nomi riportati in questo racconto sono puramente casuali

è vietata la ripriduzione - tutti i diritti riservati

 

 

- tutti i nostri racconti -