- tutti i nostri racconti -

 

Budapest, dove val ancora el moto

“L’Austria iera un paese ordinato”

 

Legio sempre con passion le aventure de Diego e soci in quela rumizada che li ga portai in tela seconda capitale de l'Impero, primo perché i fa lori proprio passion e secondo perchè anche mi, in quel stesso giorno che i xe rivai lori, ghe son rivado anche mi. Mi però go scelto un metodo sai più comodo e veloce che se ciama pullman! Xe sempre bel veder zità come Budapest o come Vienna, che in tel'architetura ricorda la nostra Trieste. Xe bel veder come anche qua, in quel che una volta con un certo distaco e una certa paura se ciamava Est Europa, regna quel ordine e quela disciplina che ricorda la famosa frase de C.& F. "L'Austria iera un paese ordinato". Ma mentre a Trieste questo xe solo un moto, a Budapest xe ancora una realtà! Strade nete che ogni sera vien lavade, giardini e alberi per tute le vie con i irigatori automatici che se impiza soli de sera, zente brava e ordinata che no buta carte e ciche pertera. Mia fia, che per compito de le vacanze la gaveva de scriver ogni giorno un pensierin, la ga scrito "A Budapest le automobili rallentano quando viene il giallo mentre a Trieste accelerano"! Sta frase, tanto ingenua quanto vera, me ga fato pensar a come anche mi fazo el furbo co scata el zalo, comportandome più de "talian" che de "austroungarico"! E po no go visto motorini sorpassar a destra ne auti sorpassar con la riga continua, no go visto machine in seconda, no go visto mai le quatro frece lampegiar per dir "desso rivo". Xe stupendo ma gnanche mi no so come che i fa, perché se go de fermarme un atimo per andar a cior una roba veloce in botega, DEVO lassar un atimo la machina in divieto con le frece impizade!
E po’ caminar sui marciapie e veder i auti che se ferma per lassarte traversar sule striche, tanto che traversavo anche se no dovevo perché me fazeva pecà! E bisogna anche dir che la zente co ga de traversar lo fa sule striche no dove che capita come qua de noi!
Ma oltre a queste che per tanti sembrerà monade, una roba che go scoperto e che Diego e Co. no podeva visto che lori testava le piste ciclabili, xe le autostrade ugheresi. Per doprarle bisogna prima andar sul sito de le autovie magiare, meter el numero de targa e pagar per una o do stimane o quanto che se vol, stamparse la ricevuta de tignir per pura precauzion in auto tanto in autostrada ghe xe le telecamere che te legi la targa e vedi subito se te ga pagà o no! E pensar che noi, in tel'Italia moderna, un paese Occidentale, stemo ore e ore in fila al Lisert e in tuti i casei sparsi pe'l stival. E dir che la stessa tecnologia i la dopra a Padriciano per controlar la velocità, i tutor insoma, ma per el pedagio no, xe meio star in fila, le autostrade ghe guadagna de più che con una vigneta. Come? El Telepass? Ah si con quel no se fa la fila.... ma basta che sia do, tre chilometri de coda al casel per star tuti insieme fermi, sia quei col Telepass che quei senza!
Insoma cossa dir: viva l'A e po bon!.... come sempre!

 

(Articolo publicado su Bora.la)

 

 

- tutti i nostri racconti -