Cinghiai soto casa...

 

 

 

Che spetacolo muli, andar in giro per Trieste e ris'ciar de incontrar un cinghial. Sarà la fame, sarà la sede, fatostà che ste bestiuze se ga sburtà fin vizin le case de San Luigi, Longera e San Giovani, e bisogna dir che dopo una prima paura che la gente ga ciapado, col tempo tanti de lori se ga abituado a vederli e magari i ghe slonga anche qualcossa de magnar. Tante foto se ga visto peri giornai e tante imagini i ga mostrà in television, qua noi ve proponemo queste foto scatade soto el casermon de Melara da qualche sgaio personagio del qual no savemo el nome.

Con la speranza che no i li fazi fora come un'ordinanza del Comun stà per sancir, godeve queste simpatiche bestie che poche zità al mondo pol vantarse de gaver soto casa:

 

 

Testo de Massimo, foto de Chissàchi

febbraio 2009

PS: se l'autor dele foto vol farse vivo, metermo volentieri el suo nome

 

 

 

 

INTERVISTA A UN CINGHIAL TRIESTIN

Eugenio, pei amci Zegno, xe un cinghial triestin de oto ani e de zentozinquantazinque chili che combati ogni giorno per difender la sua triestinità. Lo gavemo incontrado per voi:

Ciao Eugenio, contine qualcossa de ti.

Ciau muleria del Meridiano, inanzituto grazie per verme dà la possibilità de esprimerme atraverso le pagine del vostro giornal. Mi son nato oto ani fa a Sotolongera e de inquela volta vivo in tel carso triestin. De solito le femine tendi ‘ndar a partorir in posti sconti e riparai come in qualche bosco qua oltre in Slovenia, ma mia mama ga voludo farme nasser proprio a Trieste perchè la voleva gaver un fio triestin patoco.

La magior parte de voi quindi nassi oltre confin?

Per voi sarà anche oltre confin, per noi confini no xe mai esistidi, de qua o de là sempre Carso iera, noi cinghiai gavevimo za l’Europa unita zento ani prima de voi omini e senza gnanche far tante polemiche. El discorso xe che nasser là ‘ndove che voi ciamè Slovenia o su a Gropada per noi xe sempre e comunque esser nati in carso, mia mama inveze voleva far risultar a l’anagrafe che iero nato in zità, cussì la me ga da la luze a Longera.

Quindi ti co te giri ìntorno Trieste te se senti a casa tua?

Mi son a casa mia solo che i omini ga continuà a vignri sempre più avanti con la costruzion dele case, con la nova superstrada, con centraline de gas, che noi no savemo più ‘ndove ‘ndar!

Cossa ghe domandè quindi al Sindaco?

Al primo zitadin ghe domandemo inanzituto pietà! La prego Sior Sindaco no la stia mazarne. Noi vignimo fin soto le vostre case per magnar i vostri vanzumi perchè gavemo fame, no gavemo intenzion de morsigarve o de bugnarve i auti. Trovar de magnar in bosco xe sempre più difizile e noi semo sempre più numerosi, el posto xe strento e gavemo bisogno de zercar novi spazi per moverse.

Ma ai contadini che ve acusa de tribolarghe le coltivazioni come ghe rispondè?

La furia de cior roba de magnar senza becarse un balin in schena fa si che sbalotemo tuto el teren ma del resto far tuto un baredo in campagna xe in tela nostra natura, come per la volpe far remitur in caponera, per la talpa ribaltar l’orto e pe’l gato rosigar el sorzo, no podè per questo farne una colpa.

E adesso una domanda delicata: che raporto xe tra voi e i porchi?

Beh i porchi fa una bela vita ma curta, i magna e i bevi come porchi apunto e no i fa un tubo tuto el giorno remenandose pe’l ploc. Noi cinghiai semo bestie libere, selvadighe, ala ricerca instancabile de qualcossa de magnar e no gavemo gnente de spartir col verul.     

E con le altre bestie tipiche de Trieste?

Le pantigane xe bestie vigliache, le vien fora de scondòn, le rosiga tuto quel che le trova e po le fila via. I cocai xe sempre la che i svola come stornei intenti a pizigar un pesseto, i dindi ghe par tuti de esser chissàchì solo perchè i xe polastri un poco cressudi ma el MercaDindio xe un ‘ecezion oviamente, i guati pensa sempre de cazarghela a tuti e i xe i primi a farse pescar, i sardoni xe carigai pervia che qualchedun ghe ga dito che i xe “pessi azuri” ma in verità i spuza sempre de freschin e i gati… ben, oportunisti e rufiani come lori no xe nissun e de quando i xe tuti adotai de quelche baba che ghe da de magnar i varda i sorzi come se i fossi magnar per plebei. Noi cinghiai che za de nostro semo chiusi, figuremose se rivemo instaurar un raporto con qualchedun de lori.

Te piasi Trieste?

Trieste xe la più bela zità del mondo e i triestini xe i meo tochi de omini che esisti sula tera; chi altri al mondo ne gavessi acolto afetuosamente fazendone foto, dandone de magnar e lassandone ‘ndar in giro dentro el suo mondo? El triestin gaveva bisogno de qualcossa che ghe movimenti la vita in stà zità ‘ndove che no sucedi mai gnente, e noi semo vignudi iutarlo constatando che el nostro gesto xe stado aprezado.

Qual xe el tuo progeto pe’l futuro?

Zercar de rivar fin Coloncovez ‘ndove che un tempo i nostri avi scorazava liberamente e iera el nostro dominio incontrastado ma ‘ndove ogi no se trova un fil de erba gnanche a pagarlo. Sia ciaro voio solo ‘ndar in visita no voio invader el paese e conquistar el regno.

Un’ultima roba che te vol dirghe ala zente?

Me racomando no stè ciapar paura co’ vedè un cinghial in giro, se no ‘ndè a romperghe i bobi lu no ve gaverà gnanche pe’l dadrio. Inoltre voio dirghe a tuti che noi probabilmente buteremo per aria tanti tereni ma ve giuremo che nissun cinghial mai oserà butar per aria el teren del Rocco dove zoga la magica Unione!

Ringraziemo el cinghial Eugenio, pei amici Zegno, e se auguremo de vederlo ancora fra de noi.

...speta che me toco dei...!

intervista pubblicata su "Il Meridiano" del 26 febbraio 2009