Intervista esclusiva de TuttoTrieste.net

a la megattera che torziola pe'l Golfo de Trieste

 

L'intervista è stata concessa dalla megattera alla nostra redazione a seguito di un articolo apparso su un noto quotidiano dove si decantavano le doti di un coraggioso giornalista che, munito di tuta da sub, bombole, pinne e maschera, si sarebbe avvicinato al cetaceo.

 

Ciao Boby, contine un poco de ti

Prima de tuti chi c***zz** ve ga dito a voi che mi me ciamo Boby? Cossa son un cagnolin?

Bon bon, no rabiarte ma sul giornal iera scrito cussì

Sul giornal? E cossa quel te lo ciami giornal?  Quel insieme de foli de carta che le vecete va a comprar ogni giorno perchè le ga scoperto che se riva netar le lastre meio de qualsiasi prodoto in botega?

Eh si proprio quel, iera scrito cussì. Comunque sia gentile megattera, contine qualcossa de ti,

Prima de tuto mi me ciamo Ucia che xe el diminutivo de Balenuza!

E come mai te son vignuda de ste parti?

Nostalgia! Principalmente nostalgia! Sa, tanti ani che giro i mari de tuto el mondo, de l’America fin a l’Australia, del Brasil fin in Giapon, me xe vignuda voia de un poco de aria, anzi de acqua de casa.

Ma alora te son de stè parti?

Certo! Mi son una vera mula-megatera triestina, nata qua in golfo tanti ani fa che mia mama zercava el meio posto al mondo per farme nasser. Cussì un vecio balenon ghe gaveva contà che esisti un bel mar, calmo, neto, che’l ga  le coste più bele del mondo, ciamade coste istriane, che el culmina con una zità che xe considerada la più bela del mondo con le mule più bele del mondo, zità che se ciama Trieste. El ghe gaveva anche dito de tignirse el più a est possibile per evitar de finir dele parti de una zerta Venezia ‘ndove tuta la zente pissa in mar. E cussì la me ga partorido un poco più in fora de Miramar in mezo a tanti pici amici.

E chi saria sti qua?

I sardoni barcolani! Muli sgai e pieni de morbin, ancora ogi mia mama ghe conta a tuti che no la ga mai fato tante ridade come co la iera a Trieste.

E dopo come mai te son partida?

Ben coss’te vol, qua el fondal xe basso e el magnar xe scarso, cussì son ‘ndàda in giro pei mari del mondo come che xe in tela nostra natura. Ma el bel xe che in qualunque posto che mi sio andada go sempre trovà triestini e istriani per tuto, insoma tuto el mondo xe paese e mi me son sempre sentida a casa mia.

Però a un zerto punto tanta voia de tornar?

In tela vita de ogni essere vivente riva sempre el momento de tornar a far visita ale origini e mi no vedevo l’ora de veder la mia Piaza Unità de lontan, de farme do ridade coi sardoni barcolani, de far do ciacole coi cocai, de far qualche nudada coi folpi, i gronghi, i angusigoli, i ribaltavapori, i guati e de farghe visita ai amici granzipori.

La zità te ga parso cambiada o uguale come sempre?

Perlopiù tuto come sempre, almeno visto de qua fora, de in mezo al mar insoma, a parte el Porto Vecio che el me par diventado ancora più vecio, come se nissun lo tignissi de conto e el stassi vignindo zò a tochi. Ma cossa nissun se da de far per meterlo un poco a posto?

…ehm… xe una storia longa, parlemo de altro. Come xe stà l’incontro con quel giornalista?

Con chi? E chi lo ga mai visto? Xe che no me go portado drio el mio portatile sub-marin senò ghe gaveria za mandà una e-mail disendoghe che i la finissi de scriver monade, bugiardei che no i xe altro…!!!

Mah pareria che sto inviato speciale sia vignudo cussì vizin de ti che quasi el te ga sfiorado el tuo “dorso rugoso” (parole testuali)

Uhahahah! (la balena se sganassa de rider con la bocaza spalancada) Ma cossa, in tela redazion i ga assunto Indiana Gions? E cossa el saria vignudo a far vizin de mi stò fenomeno?

I scriveva che i xe vignudi acertarse del tuo stato de salute. (ghe passo l’articolo che la lo legi).

Ah ben, alora devi esser el Dottor Aus! Intanto disemo subito che nissun microbo de omo me xe vignudo vizin. Secondo, se vedo un omo che me se avicina de solito lo lasso in pase ma se me inacorzo che xe un giornalista, in scuro me lo buto, come Gepeto, e dopo lo sufio fora pel bus che go in testa e lo fazo svolar fin Caresana…. caminime dei Acquaman dei poveri!

Te pensi de fermarte ancora sai de stè parti?

Per star, staria, ‘desso che vien la bela stagion ‘ndassi un poco al Pedocin, ma go sai robe de far. Bon vedemo dei, se sul giornal i scrivi avanti robe divertenti me la passo ancora un poco e po’ tornerò a girar pei mari del mondo, sperando de lassar stà zità e el suo bel mar in mani bone, che sapi gaver cura e rispeto de tuto e de tuti!

 

Massimo - TuttoTrieste.net

marzo 2009