link veci mestieri




El Caligher


 

El Caligher de via del Bosco

(foto gentilmente imprestada de Cayo Effe del Forum Trieste)

 


        Un lavor che a Trieste ga avudo una larghissima difusion a partir de l'Otozento, xe quel del caligher. Per caligher se vol intender quele brave persone che fabricava artigianalmente calzature. La fabricazion industriale de calzature se ga svilupado in Europa a partir dei primi del Novezento e quindi el nobile mestier de produr questo capo de vestir iera afidado ai caligheri. A Trieste ghe ne iera talmente tanti e talmente baravi che no se ga mai sentido la necessità de impiantar una fabrica de scarpe, tanto che quando queste le xe nate i artigiani triestini xe 'ndai via via sparindo. Grazie ai comerci e a l'industria maritima che iera i cardini de l'economia citadina, a Trieste se ga avudo modo de praticar una sorta de specializazion del caligher: iera infati quei del Borgo Franceschino conossudi per la produzion de stivai, quei del Borgo Teresiano per scarpe de lusso e quei de San Giacomo per le "scarpe de fadiga". Po in genere ogni caligher, che in tela magioranza dei casi i lavorava in cantina, se specializava in un singolo setor, come le scarpe per fioi, pitosto che in quele per babe, pitosto che in stivai e cussì via.

 

        Pur gavendo in man un mestier de oro, el caligher iera in tela magior parte dei casi un semplice artigian che lavorava su ordinazion o, come se diria ogi, su comessa se el iera in servizio per qualche dita. I stessi negozi de scarpe, almeno quei più grandi, gaveva a disposizion un reparto coi caligheri ma questi iera sempre liberi artigiani e praticamente mai dipendenti. Sto fato, zontado a quel che se tratava de gente semplice de origini umili,  fazeva si però che i lavorassi senza tanto spirito imprenditoriale, guadagnandose quel che ghe bastava per viver lori e, eventualmente le famiglie. Forsi anche per questo motivo spesso se usava dirghe a un che el xe un caligher quando se voleva sotolinear la scarsa furbizia. Ma no iera pezo ofesa per un caligher de l'epoca de quela de dirghe "zavatin" in quanto lori andava giustamente fieri dele sue abilità. E guai se un caligher sentiva qualchedun rimproverar un manoval con la storica frase "te son bon de gnente no te resta che andar a far el caligher!"; insoma sti poveri e semplici omini gaveva sempre de combater per difender la sua onorabilità.

 

        Come dito, in tel'Otozento in zità el lavor del caligher xe talmente difuso che "ciapa pie" (per restar in tema) le specializazioni. Nassi difati a Trieste i primi stivai impermeabili, ossia con la "visiga de porco" (cartilagine di maiale) tra la siola e la pianta, particolarmente aprezai dai pompieri de l'epoca. I stivai iera de due tipi: i "mortaleti" che iera quei bassi e le "trombe" che iera quei alti sora el zenocio. Le scarpe per i fioi pici iera ciamade "mussoli" inveze quele per i fioi più grandi iera ciamade "mezani".

 

        E per finir come no parlar de la postura dei caligheri. El fato de lavorvar sentadi, con le gambe un poco alzade li costrinzeva a star tuto el giorno semi-piegai in avanti, spece quando lavorando i stivai i doveva sburtar col peto el stival sul tavolo de lavor per tignirlo fermo. A lungo andar stà postura fazeva si che co i doveva caminar i stava un poco gobeti, con passo curto ma svelto. E ancora bisogona dir che spesso questo lavor vigniva scelto da chi gaveva problemi de caminar (zoti) visto che iera un lavor che ghe permeteva de no moverse tanto con le gambe. El morbin triestin gaveva inventà che tuti i caligheri iera zoti pervia che batendo coi ciodi le siole, ogni tanto un ciodo che scampava e ghe se impiantava sul zenocio, cussì che ghe tocava caminar con la gamba dura!

 

        Ogi trovar un caligher xe come trovar un astemio in osteria (i stessi Laidos in t-una sua famosa cover i disi "zerco un caligher ma el caligher no xe") e quei pochi che xe in zità i xe specializai sopratuto in tela riparazion perchè oramai el compito de crear calzature xe riservado ai grandi stilisti: e pensar che Trieste iera piena de stilisti e tuti li cioleva pe'l fioco! Altri tempi!


 

Massimo Barbo - Tuttotrieste.net







 



link veci mestieri