link veci mestieri




Le lavandere e i lavatoi

 




        Una importante figura triestina xe stada la "lavandera", che come che disi la parola stessa, iera quela dona che lavava la roba sporca. Ossia la lavandera iera quela che fazeva la "lissia", termine oramai dimenticado, che voleva dir "imbiancar straze". Le lavandere le iera al servizio de le siore "per bene" de Trieste e se le vedeva caminar per cità con el cesto de la biancheria in bilico sora la testa. El lavor de lore iera apunto quel de andar a casa de le clienti a cior la roba de lavar e portarla in lavatoio dove le fazeva la  lissia.

 

                I lavatoi iera quei posti publici dove le done andava a lavar la roba sporca, non solo le lavandere de professiòn, ma anche le done comuni che no podeva permeterse una lavandera. Questo iera un posto 'sai grande dove podeva star anche più de otanta persone, come quel che iera drio de Piaza Oberdan che ogi xe ricordado col nome dado a la via (via del Lavatoio apunto). I lavatoi per Trieste, iera una vera e propria istituzion, che oltre ad esser un posto indispensabile per la cità, iera anche un logo de ritrovo de la vita citadina. Xe qua infati che nasseva le ciacole, le tipiche ciacole de le done diria ogi el vecio triestin, e xe in questi posti che se podeva sentir i coreti alegri de le done intente a lavar cantando.

 

        De lavatoi ghe ne iera proprio tanti, ma con l'avento de la tecnologia e el largo difonderse de quel "sacro" eletrodomestico che xe la lavatrice, el lavatoio ga comincià, zà subito dopo la fine de la seconda guera mondiale, a svodarse sempre più e a cascar in tochi visto che no coreva più farghe manutenzion. Cussì pian pianin, se ga cominciado a demolirli e a costruir al suo posto case e palazi. L'ultimo lavatoio eliminado xe sta quel de via del Ponzanino (tra San Giacomo e via Molino a Vento), che iera anche el più novo (1935), cancelado per sempre intorno al 1990 per costruir al suo posto un complesso edilizio me par de case popolari. I me conta che un lavatoio bastanza ben conservà xe ancora visibile a Santa Croce su la strada che se cala dal paese zo verso la ferovia e la costiera, verso dove che finissi le case. L'unica vera testimonianza ancora integra in zità xe el lavatoio de San Giacomo, ogi curado dai Scout, che xe una sorta de museo dove se pol perderse una bona oreta tra fotografie e orgegni antichi de ogni sorta. Un grande lavatoio con zinquanta postazioni per lavar che iera un punto de riferimento de quel popoloso rion.

 

      Ma anche se questi posti storici a Trieste no li trovemo più, poderemo sempre dir de sentirse anche noi lavanderi quando andemo in campegio e per no spender soldi dei getoni de le lavatrici messe a disposizion da la direzion, decidemo de lavar a man la roba sporca e sopratuto i costumi, in quei ampi lavandini che, anche se ogi logicamente dotadi de acqua corente, i ricorda per la sua conformazion i cari veci lavatoi.


Massimo Barbo - Tuttotrieste.net




El lavatoio de San Giacomo (foto Massimo Barbo)




El lavatoio de Santa Croce (foto Euro Baret)


 

El picio vecio lavatoio de Caresana (foto Massimo Barbo)

 

El lavatoio de Santa Barbara sora Muja (foto Massimo Barbo)

 

 

Su "Il Piccolo" del 17 ottobre 2011, in tela pagina del servizio de l'inaugurazion del lavatoio de San Giacomo come museo zitadin, eco che compari el mio toco:


clicca

 


Ecco quanto riportato al museo del lavatoio a San Giacomo:


 







 


 




link veci mestieri