link veci mestieri




El Picapière


 

        Un lavor 'sai importante, vigniva svolto una volta a Trieste dai "picapière". Questo termine se pol dir che el sia completamente sparido dal nostro modo de parlar, per lassarghe el posto al più moderno "scalpelin". Ma anche le mansioni de questo artigian no xe le stesse de una volta. Ogi el scalpelin xe conossudo sopratuto come quel che fa le lapidi, e per questo i malignazi co incontra un scalpelin i cori a giogar el 47 (morto che parla) sopratuto per la vose de circostanza che i tendi a gaver in tela vita, essendo questo un mestièr che ga a che far con persone distrute dal dolor (deformazion professional in termini tecnici). Ma i veci scalpelini, anzi i picapière, ga avudo un ruolo importantissimo per la cità.

 

        Quando infati no esisteva l'ANAS, lori iera quei che gaveva el compito de la manutenzion de le strade. Come savarè, una volta le strade iera fate da grandi lastroni de piera e questi vigniva posizionadi in tera proprio dai picapière, sia quando vigniva verta una nova strada, sia quando bisognava sostituir i lastroni veci de una strada quantomai praticada.

 

        Ma una volta pozadi el loro compito no finiva là, in quanto seguiva l'opera de "schincarli" per renderli meno scivolosi. El picapière, infati, dotado de un arnese de legno ciamado "batipiere", el doveva schincar i lastroni in superfice, pervìa che la gente no sbrissasi caminando. E quando i fazeva stò lavor, i meteva dele redi che fazesi da paravento fra lori e la gente, in modo che le s'cenze che svolava come che lori schincava le piere, no le andassi a finirghe adosso ai passanti.

 

        Eh, quanto lavor e quanta cura ghe voleva per el manto stradal de quela volta. Ma ormai sti lastroni i xe stai quasi per tuto cavadi o coverti dal più moderno asfalto. Resta ancora visibili in certi punti i lastroni de le rive, ma con el tragheto grego che sbati la sua passarela su de lori e tute le machine e i camion che li masìna per imbarcarse o per zercar parchegio, me sa che anche quei pochi che xe restadi farà una bruta fine, cancelando el ricordo dei picapière che con tanto amor li curava.

 

        E giusto per disonorar un poco i storici picapiere, le autorità ga ben pensado de REGALAR, digo REGALAR, tute le piere de piaza Unità che per ani xe restade coverte da un inglorioso asfalto scuro. Bela la piaza ogi, si in efeti anche a mi la me piasi cussì pavimentada e con tute quele luci, ma regalar tute quele piere ...!!! Pecà!!!


 

le vece piere soto l'asfalto in via Cassa di Risparmio

durante i lavori de riqualificazion (2009)



Massimo Barbo - Tuttotrieste.net






 

 



link veci mestieri