link veci mestieri


 


I Tranvai e i Tassì



 

        Nonostante mile dificoltà e tanti problemi, Trieste xe stada una cità che ga sempre zercà de meterse a l'avanguardia el più posibile. Xe cussì infati che podemo dir che da quando esisti i "tranvai", Trieste li ga sempre avudi. Non senza dificoltà magari, perché za quela volta, come ogi, se fazeva sentir la famosa malatia del "no se pol". Infati quando i trasporti publici de Trieste iera afidadi alla ditta Cimadori che anche coi tempi più infausti rivava sempre a garantir el servizio completo de "omnibus" in tuta la cità, coi suoi robusti cavai, gavemo un storico "no se pol". Semo in tel 1875 quando la dita Cimadori, gaveva chiesto al Comun el permesso de istituir, un poco a la volta, le linee tranviarie, ma el Comun quela volta el se gaveva pronuncià proprio con un storico "no se pol" perché sta roba gaveria rovinado la pavimentazion de le strade.

 

        Per fortuna che dopo qualche ano, el consiglio comunal geveva firmà el primo permesso per l'ativazion del primo tranvai de Trieste, un tram che colegava i Portici de Chiozza con el Boscheto e stò servizio vigniva gestido proprio da la dita Cimadori che iera za de ani la più grossa dita triestina de trasporto, famosa per i suoi boni e robusti cavai. Francesco Cimadori iera un giovane colonel de la cavaleria francese che xe rivà a Trieste in tel 1797 con l'armata de Napoleone e inamoradose de la nostra cità el gaveva deciso de fermarse e de fondar sta dita che xe diventada in breve tempo importantissima. La sede iera in quel edificio (Casa Cimadori appunto) fato da lui costruir, che xe ancora in via Udine sul canton con via Sant'Anastasio de fianco de l'Inps.

 

        E cussì za quela volta, dopo tanto bazilar, Trieste "entrò in Europa" disesimo ogi, perché dopo quel primo tranvai ne xe rivadi altri e se gavè modo de veder foto vece de Trieste, noterè che ogni strada iera sbusada con le sine per i tram. Ma entravimo in Europa anche perché la parola triestina "tranvai" no xe altro che una traduzion da l'inglese "tramway", quindi forsi forsi, ziti ziti, in Europa ghe semo sempre stadi,  anzi semo sempre stadi in tel mondo!

 

        E cussì come ogni roba nova che nassi, se prospetava anche novi lavori. Uno de questi, che forsi no tuti sa che esisteva, iera el "netasine", una sorta de scovazin specializado. El netasine infati gaveva el compito, come disi el nome stesso, de tignir nete le sine dei tranvai. El girava con un baston con una punta de fero girada verso l'alto, e russando stò afar dentro le sine el cavava fora tute le scovaze (piere, ciche, foie) in modo de permeterghe al tranvai de scorer più lisso e più sicuro.

 

        Ma Trieste no gaveva solo i tranvai, eh no, perché za prima de la prima guera mondiale in via del Torrente, ogi via Carducci, iera una fila de taxi, anzi de tassì, postegiadi lungo el marciapìe. Iera machine tipo quele che vedemo nei film de Stanlio e Olio, che per meterle in moto bisognava rucar davanti con la maniza e porconar in tute le lingue conossude, ma nonostante ciò, Trieste gaveva za quela volta i tassì. No i era giali e gnanche bianchi come li vol ogi el Comun, ma rossi, anzi "rosso ceralacca" per l'esateza. Col tempo i xe diventadi verdi come i tranvai e dopo xe storia moderna che conossemo tuti.

 

        Comunque sia, anche qua el triestin se ga inventà un bel viz:

El fio ghe disi al pare: "papà, papà, ogi go risparmià zinquanta centesimi perché inveze de montar sul tranvai ghe go corso drio fin casa!!!"

E el pare ghe rispondi: "Tandul che no te son altro, no te podevi corerghe drio a un tassì che risparmiavimo quatro lire !!!"

 

Massimo Barbo - Tuttotrieste.net






 




link veci mestieri