link veci mestieri


 



La Venderigola



 

        Una de le figure sicuramente più carismatiche e pitoresche de Trieste xe sempre stada, senza ombra de dubio, la "venderigola". La venderigola, che ogi la Lege inquadra come "venditrice ambulante senza posto fisso" iera quela che animava i mercati intele piaze de Trieste, ma per antonomasia, la venderigola xe quela de Ponterosso.

 

        Ben piazada drio del suo baldachin, la venderigola se fazeva notar per i suoi zighi ai passanti: "cocolo, cocolo la vegni de mi" xe sicuramente la frase idiomatica de le venderigole. El mercato de Ponterosso xe stado fin dal 1800 (e forsi anche prima) el mercato più vivo e ativo de Trieste e i stranieri (che lore ciamava "i foresti") sbarcadi da le loro navi ormegiade in Canal Grande, i vigniva acolti dai sorisi e dai zighi che per queste done iera l'unica maniera per ingrumar clienti.

 

        Xe tante le parole zigade nei ani, molte de queste quando le vien rievocade, le fa rider ancora ogi. Pensè a quando le zigava "Fasoleti Marconi!" per specificar orgogliose che iera fasoleti senza fili. Opur "Canada, Canada!" urlo per evidenziar che in tel baldachìn se podeva comprar i pomi "canada". Insoma el spirito vivo, loquace e burlòn (quel che ogi fa figo dir "la verve") de 'ste done, xe stado sempre un simbolo de la nostra Trieste, tanto bel e tanto simpatico che in tel 1895 un tal Oddo Broghiera ghe ga dedicado una canzon alegra dove se parla de come che iera carateristiche queste popolane triestine, canzon che ancora ogi noi cantemo alegramente:

"Che nova? Sior paron!"

 

        Che Trieste sia sempre stada col suo spirito alegro una cità a volte dissacrante, lo savemo tuti. E se disemo che le venderigole xe una carateristica integrante de la cità, no le podeva esser de meno. Nassi cusì la storia de "Giovanin de Ponterosso", questo no xe altro che el nome col quale le ga batezado el puto che sovrasta la fontana del mercato (la fontana de Giovanin apunto) fazendoghe perder quel tono importante che podarè trovar sui libri seri tipo "la fontana col puttino che la sovrasta, eretta nel 1753 dal Mazzoleni ….", ma regalandoghe in compenso quel toco de triestinismo che lo rendi più nostro.

 

              E xe pien de cinesi che vendi chincaglie e che se cortela fra de lori pur de ciapar un  quadratin de marciapie. E i zighi? Anche quei xe sparidi e sostituidi dal casin dei motori de le machine, dei motorini e de le coriere. E po se i triestini "moderni" i senti zigar una venderigola i disi "quela xe mata" e i cinesi no ziga, no i pol zigar cin ciun cian perchè la gente ciaperia paura e se no la ciapa paura comunque no la capiria un tubo. E intanto el Comun fa barufa con tuti per sbagazar banchi e bancherele e far in un per de ani un postegio soteraneo per mile, domila o quanti cavolo de postegi che volè.

 

Massimo Barbo - Tuttotrieste.net





 




link veci mestieri