| I SANTI DI TRIESTE |





Lode a te


SAN GIUSTO


Patrono di Trieste


 


 

La Leggenda di San Giusto:


Giusto visse nel II secolo d.C. a Tergeste e, come per molti dei Santi Martiri Cristiani, poco si conosce della sua vita. Il culto di San Giusto si concentra nella parte finale della sua vita. Si sa che Giusto fu Cristiano fin dalla nascita e si presume che possa esser stato un sacerdote. Si scontrò con le persecuzioni di Diocleziano al quale giurò la propria fedeltà come suddito dell'Impero ma per il quale non accettò di rinnegare la propria fede in favore degli dei romani. Fu così che presumibilmente il 2 novembre dell'anno 303, Giusto fu condannato a morte da Manazio (o Mannaccio) governatore romano della Trieste di allora. A Giusto furono legate mani e piedi a dei sassi di piombo e, caricato su una barca, fu gettato in mare. La leggenda vuole che quella stessa notte, Giusto si presentò in sogno al sacerdote Sebastiano invitandolo a recuperare il proprio corpo sulla riva. Il giorno seguente il corpo di Giusto, infatti, libero da corde e pesi fu ritrovato sulla spiaggia e fu cura del sacerdote e di altri amici di seppellirlo in segreto. Per proteggere le ossa del Santo, su quel cimitero sorse nel V secolo una chiesa della quale oggi rimangono poche tracce in via Madonna del Mare e nel X secolo i resti di San Giusto furono trasferiti nella chiesa per Lui costruita sul colle che prese il suo nome. Com'è noto, nel XIII secolo la Chiesa di San Giusto venne fusa con l'adiacente Chiesa dell'Annunziata dando forma alla Cattedrale di San Giusto come noi oggi la conosciamo. In un'edicola sopra l'entrata del campanile è posta una statua di San Giusto con la palma del martirio nella mano destra ed i simboli di Trieste in quella sinistra. Della statua, risale al X/XI secolo, fu persa o andò rotta la testa che fu sostituita con una di una statua probabilmente ancora più vecchia. (*)

San Giusto Patrono di Trieste si festeggia il 3 novembre.

San Giusto è anche il patrono di Albona in Istria.


 

 

 

 

INNO A SAN GIUSTO

(testo di E. Bortuzzo - musica di E. Busuolini)

 

Tu dell'era dei martiri, o Santo,

tra i fedeli purissimo fiore,

solo a Cristo donavi l'incanto

della nobile tua gioventù.

 

L'aura impura degli empi pagani

non sedusse l'eroico tuo cuore

di Manazio i tormenti fur vani

nei flagelli pregavi Gesù.

 

 

San Giusto dal colle sacrato proteggi

la nostra città, che ti diede i natali

dal mare dai clivi dolcissimo echeggi

il canto di lode per Te, Protettor

 

O Martire invitto tua palma gloriosa

c'incuori a fortezza per sacri ideali,

dal Tempio vetusto tua luce radiosa

avvolga Trieste, a Te sempre fedel

 

L'onda azzurra del nostro bel mare

ti cantava di Dio la grandezza

e nell'onda dovevi esalare

il supremo sospiro d'amor

 

Stretto in ceppi pesanti accogliesti

il martirio crudel con fortezza

a Trieste lo sguardo volgesti

e moristi esaltando il Signor.

 

 

San Giusto dal colle sacrato proteggi

la nostra città, che ti diede i natali

dal mare dai clivi dolcissimo echeggi

il canto di lode per Te, Protettor

 

Il tuo corpo nel fondo giacente

per virtù del Signore si tolse

l'onda amica del mar dolcemente

lo sospinse alla cara città.

 

E Trieste qual sacro tesoro

come dono del cielo l'accolse

fu nei secoli il nostro decoro

nostra gloria per sempre sarà.

 

 

San Giusto dal colle sacrato proteggi

la nostra città, che ti diede i natali

dal mare dai clivi dolcissimo echeggi

il canto di lode per Te, Protettor

 



 

 


 

 

 

(*) leggi ll disclaimer

 

| I SANTI DI TRIESTE |