De Tomaso


 

 


La De Tomaso fu fondata a Modena nel 1959 dal pilota italo-argentino Alejandro De Tomaso. Dedito inizialmente alla produzione di auto da corsa, nel 1964 fece la sua comparsa il primo modello stradale, la Vallelunga realizzata in collaborazione con la Carrozzeria Fissore. Nel 1966 arriv˛ la prima vettura Gran Turismo, la Mangusta realizzata in accordo con la Ford con la quale inizi˛ una collaborazione che perdur˛ per molti anni. L'apice della popolaritÓ fu raggiunta dalla casa nel 1970 con l'arrivo della Pantera che rimase in produzione fino al 1993, una sportiva che originariamente nascondeva nel baule un 5,8 litri a 8 valvole della Ford e che, sempre grazie alla Ford, sbarc˛ negli Usa dove fu distribuita con il marchio Lincoln e Mercury.

Nel 1971 la De Tomaso si ciment˛ nel settore delle berline di lusso, impresa che nel 1976 gli fece acquisire la Maserati attraverso la quale fu realizzata la Kyalami. Nel 1976 arriv˛ quella che pass˛ alla storia come la vettura pi¨ venduta dalla casa modenese, ossia la Mini De Tomaso, la versione sportiva della Mini Innocenti disegnata da Bertone. La Mini rimase in produzione fino al 1990 con 30.000 esemplari venduti con motore aspirato e 12.000 modelli con motore turbo.
Nel 2002 fu stipulato un accordo con la UAZ per la produzione e la distribuzione nell'Europa occidentale del Simbir, un fuoristrada 4x4 giÓ prodotto in Russia che montava un motore Iveco ma la scomparsa di Alejandro, il 21 maggio del 2003, fece naufragare il progetto in quanto nel maggio del 2004 gli eredi dell'industriale decisero di mettere in liquidazione la societÓ. Da allora diverse aste hanno visto il passaggio di proprietÓ del marchio e dell'azienda ma senza alcuna produzione di autoveicoli. (*)




Massimo Barbo - TuttoTrieste.net

 







De Tomaso Pantera

Foto Massimo - Fiera di Padova, Italia (10/2008)

 




















(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilitÓ per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilitÓ viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.