El Tram de Opcina

a cura di Massimo Barbo

El tram de Opcina è oggi l’unico tram in tutta Europa con impianto a trazione elettrica integrato con una funicolare ancora funzionante.

Supera un dislivello di 343 metri con una pendenza che a tratti raggiunge il 26%.

Entrò in funzione il 9 settembre del 1902 per merito della Società Anonima delle Piccole Ferrovie, sulla tratta Piazza Scorcola – Vetta Scorcola, per poi prolungare la tratta anni dopo fino alla stazione di Villa Opicina.

l tram de Opcina xe ogi l’unico tram in tuta Europa con impianto a trazion eletrica integrà con una funicolare che ancora funziona.

El supera un dislivel de 343 metri con una pendenza che riva fin al 26%.

El ga comincià a lavorar el 9 de setembre del 1902 per conto de la Società Anonima delle Piccole Ferrovie, sul trato Piaza Scorcola – Vetta Scorcola, dopo qualche ano slongado fin a la stazion de Villa Opicina.

Il primo tram era a trazione elettrica con locomotori a cremagliera che venne sostituito il 26.04.1928 dall’impianto funicolare ossia dei carri scudo agganciati alle funi d’acciaio che spingono in salita e frenano in discesa.

El primo tram iera a trazion eletrica con locomotori a cremagliera che xe stadi sostituidi el 26 aprile del ’28 de l’impianto funicolare ossia i cari scudo tacadi a le funi de aciaio che i sburta in salita e i frena co’l va in zò.

Esternamente il tram non era dotato della copertura per le due testate come oggi visibile, cosicché il manovratore era esposto a tutte le intemperie. Nelle giornate di maltempo era munito di un ampio mantello impermeabile che serviva a coprire i comandi oltre a se stesso.

De fora el tram no gaveva una copertura per le do testade come se pol veder ogi, cussì che el manovrador iera esposto a tuti i tempi. In tele giornade de maltempo el gaveva un mantel impermeabile che serviava a coverzerlo lui e anche i comandi.

Nel 1908 vennero aggiunte le vetrate in seguito ad un lieve allungamento della vettura stess

Nel 1908 i ghe ga zontà le vetrate dopo gaver legermente slongado la caroza stessa.

Nel corso dei suoi cento anni, il tram ha subito notevoli modifiche strutturali ed all’impianto funicolare, per migliorarne la potenzialità e per adeguarlo alle norme di sicurezza.

La gestione del servizio del Tram de Opcina è passato negli anni dalla Società Anonima delle Piccole Ferrovie al Comune, alla municipalizzata ACEGAT (Azienda per i servizi di acqua, elettricità, gas e tramvie), all’A.C.T. (Azienda Consorziale Trasporti) ed infine oggi alla Trieste Trasporti Spa.

Nel corso dei sui zento ani, el tram ga subì un casin de modifiche struturali e a l’impianto funicolare, per migliorarghe le potenzialità e per adeguarlo a le norme de sicureza.

La gestion del servizio del Tram de Opcina xe passada da la Società Anonima delle Piccole Ferrovie al Comun, a la municipalizada ACEGAT (Azienda per i servizi di acqua, elettricità, gas e tramvie), a l’A.C.T. (Azienda Consorziale Trasporti) fin a ogi a la Trieste Trasporti Spa.

Curiosa è la storia dei sinistri del tram a partire dal primo deragliamento che lo rese famosissimo; ad un mese dalla sua inaugurazione, il 10 ottobre 1902 circa alle 7 del mattino, il tram ebbe un guasto all’impianto frenante e dopo una pazza corsa di circa 200 metri lungo la ripida discesa di Scorcola (7% di pendenza), deragliò abbattendo due pali elettrici che finirono su una casa distruggendola quasi completamente (vignindo zo per Scorcola una casa el ga ribaltà) Per fortuna c’erano solo quattro passeggeri a bordo, tre dei quali saltarono dalla vettura in corsa mentre il quarto, Antonio Sossich (el povero frenador) rimase intrappolato tra le lamiere e per fortuna se la cavò solo con una gamba rotta. Il Sossich morì moltissimi anni dopo alla veneranda età di 101 anni.

Curiosa xe la storia de le sfighe del tram che za dopo un mese de l’inaugurazion, el 10 de otobre 1902 circa a le 7 de matina, al tram ghe se gaveva roto i freni e dopo una corsa mata de circa dozento metri zo per la riva de Scorcola (7% de pendenza), el xe ‘ndà fora de le sine tirando zò do pai de la luse che i xe finidi sora una casa rompendola quasi completamente (vignindo zo per Scorcola una casa el ga ribaltà). Per fortuna sora ghe iera solo quatro de lori e tre ga saltado fora in corsa mentre el sior Antonio Sossich (el povero frenador) xe restado incastrà tra le lamiere ma per fortuna el se gaveva solo che roto una gamba. El sior Sossich xe morto tanti ani dopo a la veneranda età de zentoun ani.

La casa abbattuta nell’incidente era quella di un certo Francesco Spehar che con i soldi incassati dall’assicurazione la ricostruì ospitando anche al pian terreno l’Antica Hostaria Spehar, attività di famiglia.

Da questa vicenda, per fortuna non tragica, nacque una delle canzoni popolari più famosa di Trieste, sicuramente un simbolo per i triestini, (il testo lo potete trovare in fondo alla pagina).

La casa andada distruta iera quela de un zerto sior Francesco Spehar che coi soldi de l’assicurazione el ga tirà su una casa nova fazendoghe de soto l’Antica Hosteria Spehar ‘ndove che el lavorava con la familai.

De ‘sta storia per fortuna no tragica, xe nata una de le canzoni popolari più famosa de Trieste, sicuramente un simbolo per i triestini (el testo lo trovè in fondo a ‘sta pagina).

La storia del tram de Opcina è purtroppo però segnata anche da altri episodi sinistri a partire da quello accaduto nel febbraio del 1945 quando una vettura saltò su una mina nei pressi di Conconello; poi il 4 agosto 1993 il tram fu centrato da un bus sloveno in Piazza Dalmazia; il 23 dicembre 2000 due tram si scontrano frontalmente a Conconello; il 28 luglio 2010 il fatto più tragico della storia del tram de Opicna quando un anziano scooterisa, Carlo Puri di 80 anni, finì dilaniato sotto le ruote della vettura; il 30 dicembre 2010 quando una rottura ai freni fece terminare la corsa del mezzo sulla barriera protettiva di Piazza Oberdan; il 12 gennaio 2015 quando un uomo intento a fare jogging in Piazza Dalmazia scese dal gradino mente sopraggiungeva silenzioso alle sue spalle il tram che lo travolse causandogli gravi ferite; il 16 agosto 2016 quando le vetture 404 e 405 si scontrarono frontalmente in via Commerciale causando ben nove feriti tra i quali i due conducenti dei mezzi.

La storia del tram de Opcina xe purtropo segnada da altri episodi tristi, a partir de quela volta nel 1945 quando el xe saltado sora de una mina a Conconel; el 4 agosto 1993 el tram xe stà centradl da una coriera slovena in Piaza Dalmazia; el 23 dicembre 2000 due tram se s’cioca frontalmente a Conconel; el 28 luglio 2010 el fato più tragico de la storia del tram de Opcina quando un anzian co’l scooter, el se ciamava Carlo Puri e el gaveva 80 ani, el finissi soto le riode del tram; el 30 dicembre 2010 se ghe rompi i freni e el se s’cioca sula bariera del capolinea de Piazza Oberdan; el 12 de genaio del 2015 quando un mato intento a corer per sport in Piaza Oberdan con le cufiete su le orece, el smonta del marciapia ma no’l se acorzi che dedrio ghe stava rivando el tram che lo ciapa in piena fazendose bastanza mal; el 16 agosto 2016 quando le caroze 404 e 405 le se ga scontrà frontalmente in via Commerciale causando ben 9 feriti compresi i due soferi.

Insomma il caro vecchio tram vuole conservare intonsa la propria fama che recita “el xe nato disgrazià“!

Insoma el caro vecio tram el vol conservar la sua fama che canta “el xe nato disgrazià”!

Le foto presenti in questa pagina si riferiscono all storica vettura n.1 ristrutturata ed esposta in Piazza Obertan il 4 agosto 2002:

Le foto che vedé in ‘sta pagina se riferissi a la storica vetura n.1 ristruturada e messa in mostra in Piaza Oberdan el 4 de agosto del 2002.

EL TRAM DE OPCINA

(LA BORA)

E anche el tram de Opcina xe nato disgrazià
vignindo zò per Scorcola una casa’l ga ribaltà
Bona de Dio che jera giorno de lavor
che dentro no ghe jera che’l povero frenador

E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà

Co’l due se va a Servola, co’l quatro in Arsenal
col sie se va a Barcola, col zinque in Ospedal
con l’uno in zimitero, co’l sete a la staziòn
co’l nove in manicomio, co’l diese in canòn

E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà

E anche ste mulete tute mate pe’l capèl
le zerca de acompagnarse a quelche bel putèl
ma co i riva a casa se senti un gran bordèl
e pare, mare e fia copa simisi co’l martèl

E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà

L’Italia ga pan bianco, la Francia ga bon vin
Trieste ga putele tute piene de morbìn
Carbòn ga l’Inghiltera, la Russia ga cavial
e l’Austria ga capuzi che no se pol magnar

E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà

E anche ste mulete xe nate carigade
le tira zo le cotole per meterse le braghe
le fuma come cogome, le legi el Grand Hotel
e pare, mare e fia copa simisi co’l martèl

E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà
E come la bora che vien e che va
i disi che’l mondo se ga ribaltà

(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all’uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall’accesso, dall’interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.

I commenti sono chiusi.