| Home | Lista in italiano


|

 


RACCOLTA DE PAROLE TRIESTINE CHE (FORSI) STEMO DIMENTICANDO

(e che qua ve ricordo)

con preghiera de usarle, usarle e usarle ancora

 

Questa xe una

SEMPLICE RACOLTA (senza pretese de completeza) de parole

estremamente tipiche e riche de color (se spera!):

 

A

B

C

D

E

F

G

I

J

L

M

N

O

P

Q

R

S

T

U

V

Z

 

 

A

alterazi?n

febre legera, febreta (me sentivo poco ben, gavevo un poca de alterazi?n... questa xe la scusa pi? semplice e eficace per ogni roba, per no studiar, per no 'ndar lavorar, per no incontrare con chi no se ga voia de veder)

amolo

tipo de prugna

andron atrio del palazo

angusigolo

tipo de pesse (in italian "aguglia")

apalto

tabachin

apoteca

farmacia

?pis

matita

arente / rente

vizin

armelin

albicoca

articioco

carciofo

torna all'inizio

 

B

baba

dona, specialmente quele che ciacola tanto

bacuco

persona vecia e insempiada   (famoso el termine "vecio bacuco" = vecio insempi?)

bagolar

andar a zonzo, andar in giro senza meta

bala

stato euforico de l'imbriago, co'l zervel che galegia beatamente in tel pet?s

ciapar la bala: imbriagarse con cossiensa

balador

pergolo

bamberle

stupido, sempio, ingenuoto

barba jata cuss? vigniva ciamado una volta el zogo de la mosca cieca
barb?n triglia, considerado pesse per siori

baredo

teren abandonado a se stesso, incolto e pien de sterpi (co una roba xe abandonada a se stessa e quindi in disordine se usa dir  "xe tuto un baredo")

bartuela 

cardine (te salta le bartuele co te va fora co i copi)

bamb?so

ovata, bambagia

bandaio latonier e anche idraulico specializ? in lavori in lamiera come la gorna
bandon lamiera

basabanchi

cesoto, bigoto, quel che xe sempre in cesa a pregar (o a far finta). El ciapa questo nome per el tipico modo de star in cesa cuci? sul banco quasi a basarlo

basual sempio

batocio

batachio de la porta o quel de la campana

bavisela

vento legero

bech?r

macelaio

bef?l

ordine, comando (sopratuto in segno de amonimento tipo romanzina)

biava

avena (ma noi ogi lo usemo solo per dir "lignade"; far biava o darse biava = bastonarse)

bibiez / bibiezo

lavor longo e complicado e magari anche un poco rognoso

bic'

un pochet?n, un goceto

bieco

pezeta

anche i veci soldi de carta vigniva ciamadi cuss?

birocio

picolo calessin

blac

bitume, catrame

blec

pezza, bieco per ratopar

bobici

mais e in genere tuti i grani dei cereal

borela

bocia

brenta

botte ma anche fortuna (te ga un cul come una brenta)

britola

cortelin, temperin

brivez

barbier

bubez

aprendista, aiutante, garz?n (quel che fa tuto al servizio de un sora de lui)

budel se ciama cuss? anche la camera d'aria de le biciclete

buganze

geloni

buiol

pignatel per boir (el buiol del late)

buligar

el rumor che fa la panza co un ga fame o xe ben che sazio

bunigolo bunigolo po, quel in mezo la panza dove co ierimo in panza de mama iera tac? el cordon ombelicale
buriana burasca

buzarar

imbroiar

torna all'inizio

 

C

cacabus

scarto o argila

cagafiasche

chi che ga el cul basso

cagamiracoli 

chi che ghe piasi far el prezioso

cagarabia

chi che se rabia per ogni roba e/o che ga sempre el muso

cagoia

lumaca

ca?a

tirchio, strento, avaro

ca?cio

tipo de barcheta picia

caiser

"duro" (el xe duro come el caiser)

opur "senza valor" (no'l val un caiser)

opur anche quel panin tondo che ogi ciamemo "roseta"

o anche un modo bruto per dir  "fioluz"

calafat?

operaio specializado nel rivestimento interno dei scafi de le navi

caligh?r

calzolaio (v. anche suster )

cal?go

nebia

usado anche per dir de una roba dificile, dificoltosa (sul lavor iera caligo ma gavemo riv? finir losteso)

calumar

cal?r, sbasar

calumo zima de tropo

camoma

fune

usado per dier de una persona straca e lenta

canap?

divano

capel con l'ongia bareta con visiera

caponera

leteralmente xe el polaio, ma se usa anche per dir de una casa fatiscente

carega

sedia (termine che tutti conosi ma pochi 'dopra)

chez (dar el chez)

mandar via in malomodo, licenziar (el me ga da el chez)

chibla (o ghibla) panza, panzon

chifel

panin longo a forma de mezaluna, corneto

chilarsela

ciaparsela comoda tanto de tirar su el chilo

ciapar

ciapar vol dir ciapar ma savevi che deriva dal cappio ? Si dai el cappio de la corda per impicarse !

cicara/cichera

scudeleta

cicheto

bicerin de qualcosa de alcolico (un cicheto de bira)

cioder ingrumar de pertera

ciompo

che funziona mal

anche per persona impedida

cistar

rubar

cisto

senza soldi, senza pila, deriva dal slavo "neto" per dir che un xe neto, senza un bel

chibizar

cucar, curiosar, sbirciar

clabuc

capel

clanfa

fero de caval

anche pie o scarpa o impronta grossa

genericamente anche un fero de scasso come el pie de porco

clanfer

bandaio

clanz

stradisela de campagna

clinz / klinz

binbin

no te capissi un kinz e no'l fa un klinz credo no gabi bisogno de spiegazioni

clonzi

scarpaze grosse e brute

cluca

maniglia

cocal

gabian

coc?n

quel modo de ingrumar i cavei che usa far certe babe (=chign?n o crocchio)

cogolo

sasso

cogoma

casalingo per far el caf?, cafetiera

coionar / cojonar

cior pe'l fioco

colo grosso persona importante
colomba zervel (espression tipica "scavezado in colomba = col zervel rovinado)

coltrine

tende

comato

quel colar per cavai e mussi (essendo quel colar duro, se disi co una roba xe dura o co un xe imbriago, che "el xe duro come un comato")

anche el colo del capoto

combin?

sotoveste per babe

comio

gomitom l'articolazion tra el brazo e l'ombrela, l? dove che tradizionalmente se ciapa spesso no se capissi ben cossa (ciaparsela in comio come dir ciaparselo in tel cul)

compjuter

(neologismo) computer

conzado

sistemado o anche condido

conz?r

sistemar o anche condir

ma sopratuto conz?r qualchedun e magari conzarlo per le feste saria darghele de santa ragi?n

conzalastre

vetraio, ma famoso una volta iera quel conzalastre che vigniva anche ciamado l'impiza-distuda-ferai che con un manigo longo de sera impizava i ferai e la matina li distudava, dovendo prima verzer la portela de vetro e dopo serarla e tuto con st? manigo longo. Famosa la canzon del conzalastre che fa:

el conzalastre, caldiere farsore, impiza e distuda ferai (veloce)

el conzalastre, caldiere caldiere farsore, impiza e distuda, impiza e distuda ferai (lento)

cop?n

la parte dadrio del colo o del coleto, per dove che la gata ciapa i gatini e i cristiani ciapa l'ospite indesider? vanti de ciaparlo a piade 'ntel cul

copo

tegola

corame

cuoio

crachi

garete

arti (gambe e brazi); famose le frasi:
distirar i crachi =  andar a dormir
e tirar i crachi = morir

cragna

sporco nero

crazola

iera quel che in italian se ciamava raganella, overo un ordegno per far casin, un afar de legno con un manigo che terminava in t'una specie de ingranagio e un listel che bateva sui denti de sto ultimo come che te lo fazevi girar. Po', un poco per via del tipico rumor e un poco pervia de l'incerteza del funzionamento, el termine xe passado a indicar i auti scassai

crepi

piati

criel scolapasta

crodiga

pele de porco che se meti nela minestra

ghe se disi crodiga anche a una persona poco onesta

crozole

sandali de legno

ogi se disi crozole per indicar un per de scarpe grosse, toze, pesanti, ingombrandi, scarponi de contadinaz

cruco

tedesco

cruziar

tormentar qualchedun

opur preocupar (no farme cruziar)

cruziarse

preocuparse (cruziarse l'anima = preocuparse tanto)

cuc?r

guardar, cucar

cucer

autista (v.anche sof?r o saf?r)

cucherle

el spioncin de la porta

cucuruz

granturco

cudic'

diavolo

c?guluf / cugluf

tipo de panet?n col buso in mezo

torna all'inizio

 

D

daur

cul

dindio

tacchin

disfrizer

frizer

dismisiarse

sveiarse

dispicar

stacar

drench / trench impermeabile (el vestito)

dura

bala, se colega con la dura triste, dura alegra e con l'agetivo duro come un scalin

torna all'inizio

 

E

erbeta / arbeta

barbabietola

torna all'inizio

 

F

falisca

scintila

farsora

padela (quela per far de magnar, no quela de l'ospedal)

feral 

fanal, lanterna

fiapo

floscio

fiepa

seme de la zuca e del melon

opur anche la patata (no el tubero per? ? !!!)

filovia

filobus

flaida

vestaglia, usado anche per dir de un vestito sbriso

fliche / flichete

soldi / lirete

flit

inseticida (DDT)

flozca sberla o sculazada

fogol?r

dove una volta se fazeva el fogo per far de magnar e per scaldarse

formenton

mais

una volta se usava le foie de formenton come bigodini

fraier

omo libero, omo che no fa un tubo, benestante  (sicuramente dal tedesco ?frei Herr?)

fresch?n

quel odor come de pesse un fiatin pass? che spunta fora del gnente, de solito propio co' un ghe ocori biceri e piati neti pei ospiti de riguardo. "Dopo lavai, i biceri i va messi per inz?, cuss?, se no i ciapa de fresch?n"; "Cossa xe sta spuza de fresch?n??? No te gaver? miga dopr? de novo sta c?chera per sbater i ovi, no? Quante volte te devo dir..."; "Sto pesse sa za de freschin, daghelo al gato, se'l lo vol"; "Caro lei, ste sepe 'pena pescade' le spuza de fresch?n che se le senti fin drio canton!".

(Prof.Alois Anzlovar)

fritolin

rosticeria de solo pesse, ristorazion de pesse frito

frize

quel che resta de la fritura del lardo

fulminanti

fiamiferi

torna all'inizio

 

G

ganasse

guance

gard?l quel usel che in italian se ciama cardellino

gargato

gargarozzo, gola

ghibla (o chibla) panza, panz?n

ghirib?z

capricio

glob?n / glub?n lucido per scarpe

gloriet

gazebo

gnampolo

semplicioto, sempioldo (in senso benevolo e afetuoso us? per i fioi) in pratica un sempio che dormi in pie

g?las

spezatino de carne, stufato de carne

gorna

grondaia

grembano

sasso ma anche persona impedida

pl. grembani: strada dissestada (son 'nda con l'auto pei grembani)

gringola

eleganza

grua

gru

gr?es

semolino

(el) gua arotin

guato

tipo de pesse, in italian "ghiozzo"

torna all'inizio

 

I

imbomb?

saturo de liquido, se va ben acqua ma spesso anche pezo

imborez?

ecitado entusiasticamente (de solito dura 'sai poco)

imbugnido

intasado, strop? (el cesso imbugnido o la scafa imbugnida)

incand?

poco reativo, quasi imobile (se pol esser incandidi de fredo, de un tiro in testa, de un siock, de tropo pet?s o semplicemente per monagine inata)

incicararse

imbriagarse

indind?

ovo fecondado de dindio

indivia

verdura come la cicoria

indormio

sonifero, anestesia

infinoci? / infenoci? persona a la quale la ghe xe stada cazada, come dir inzingan?
infinociar / infenociar tentar de cazarghela a qualchedun

ingal?

propriamente xe l'ovo de galina fecond? dal galo

ma se usa dir che un xe ingal? co'l xe imborezado o in bala canterina

instalador

idraulico

intardighirse far tardi
inzingan? persona che xe stada ragirada
inzinganar tentar de fregar

inzumb?

v. imbomb? solo rifer? a robe pitosto che a persone

torna all'inizio

 

J

 

jazado / jaz?

ghiaci?

jazar

ghiaciar

iera tanto fredo che se ga jaz? un muss = modo de dir per esprimer un fredo glaciale, xe infati conossuda la resistenza al fredo del muss

jazo

ghiaccio

torna all'inizio

 

L

lais

pedocio

lavandera

lavandaia (quela che fazeva la lissia)

l?varno / l?verno

alloro in italian (Cesare gaveve in testa foie de l?varno)

lecherle

lech?n (dispregiativo e pezo ancora "can de lecherle")

lepi le cagole dei oci

limpida

trapa

lissia

bucato

lofio

che no servi a gnente

o falado

o bruto

o stupido, sempio

loica

tiritera, discorso longo e noioso

lola

sbornia

lole

sempio

longa l'organo de l'omo

ludame

cache de bestia usada per concime

ludro farabuto, furfante

luganiga

salsicia (probabilmente da lucania, zona dove in antichit? se produseva le meio salsice)

torna all'inizio

 

M

macaco

el macaco xe un tipo de simia ma in triestin se lo usa per dir "sempio" (anche macacovez o macacovic' )

magagna

fastidio, dolor

Te son pien de magagne

malagrazia

dispeto, cativeria

opur "farghe la malagrazia" o "darghe una malagrazia" = farghe la fatura

malandrin

farabuto, furfante

mamolo / mamola

moroso / morosa

mamulo

mul?n

mandriol

magiolin (l'inseto)

famoso el ritornel "molighe el fil che'l svoli, quel mandriol peloso ..." che forsi pochi saver? xe cantado su le note dell'opera "Wien bleibt Wien"

marang?n

falegname

marcantogno

persona grande e grossa

Marco Caco

vecissimo, fora moda (anche Marco Sventola)

marmaia

tanta gentaglia, grupo de monei

marogna

scarto

matavilz

una veriet? de la pianta de la valeriana, in italian "valerianella"

mela

grosso mozicon de cica, cica studada ma fumada poco 

memele

merda

mendaressa

antico mestier de la ramendatrice, sarta specializada

meza lana

un bicer de vin con mezo de nero e mezo de bianco

usado anche per indicar una persona che xe una tara, una legera

meza menola

omo picio e mingherlin

mezanosa capel a bombeta
meza vigogna roba de scarso valor o persona mediocre

mignognole

mo?ne

mincionar

cior pe'l fioco

mismas

missi?t, zuf, ogi anche cocktail

mistro

mastro

mistro de fero

fabro

monighela

el do de spade (che se diferenzia dal "do de cope" che inveze xe quel che te da la baba co la te da el chez e no te cuchi pi? el "do de spade" vero e proprio)

montura

divisa

morbin alegria, bon umor (fin che dura la giovent?, dura el morbin)

mufo

z? de bala

musina

salvadanaio

mussato

zanzara

mussolo

molusco bivalve ( v.servizio )

torna all'inizio

 

N

nagana principalmente xe la fiaca (gaver nagana) ma se usa anche per indicar una legera, una tara, una boba (el xe una nagana)
nane

persona sempliciota

se disi anche Nane Buseca

napa

la capa sora el fogoler (ogi sora la cusina economica)

se usa dir che un g? la napa quando el g? un naso grande

nonzolo

el servo del prete, sagrest?n, chiericheto

se usa dir che un xe nonzolo per indicar che el xe sempio e che el fa tute le monade che ghe se disi de far

torna all'inizio

 

O

ocagine

monagine, stupidit?

oieto

radiceto de primo taio, picio picio

ombolo

lombo

orbitolo

serpentel (in italian "orbettino")

orzar

bastonar, rochetar, imbiavar

osso rabioso

i d? ossi che spunta lateralmente fora del'articolazion tra el p?e e el porconamento pi? orendo ogni volta che se ghe ciapa un tiro sora [malleolo].

Secondo altri A.A. saria inveze el osso anteriore e inferiore dela gamba, che per percussion produsi anche lu espressioni colorite e interessanti anche se scarsamente adate ale caste rece dei fioi [tibia].

osmiza

osteria de campagna

otavo

tipico bicer dove se servi el vin sfuso (da 1/8)

torna all'inizio

 

P

pagnerol

passero

paiola

forrofa

palesar

contar, racontar

pampalugo sempio, stupidin

pandolo

anche se ogi vien usado solo per indicar l'organo maschile, el pandolo in verit? xe un giogo fato con due bastoni, un longo e un curto: al baston curto ghe se fa la punta da tute e due le parti; per zogar se meti el baston curto per tera e co'l baston longo ghe se da un colpo su una punta per farlo saltar e co'l xe per aria ghe se tira una sventola al volo. Vinzi chi lo buta pi? lontan.

pand?r quei mascheroni che se meteva sora de le porte a simpolica difesa (in ungherese pand?r vol dir gendarmo)

pantalena

picio molusco che se taca sui scoi, col guscio a forma de piatel

papussa / papuza

sost.: zavata

verbo: va via ! (imperativo)

pardesus

soprabito

pareciar

aparechiar

parecio servizio de piati
patacarse farse de le mace sul vestito co se magna

patac?n

grossa moneda, grossa pataca senza valor

pat?f 

sberla

patoc / potoc

rigagnolo, fiumisel

paver stopin

pec / pek

panetier

perlina

scaldaacqua per la cus?na

pesterna

bambinaia

pesternar sbrazolar un fioluzo cantandoghe la nina-nana e dandoghe pachete su la schena per farli dormir

pet?s

bibita alcolica ma scadente

petess?n / petess?r

un che ghe piasi bever tanto alcol, bevandela

pez?to

vestito scadente

picapiere

scalpelin ( v.servizio )

pimpinela

coccinela ma anche per persona insulsa

pio-pio / pipiu paura, fifa

piria

imbuto

se usa dir che un xe una piria quando el bevi tanto, sopratuto alcol)

pirola

pilola, pastiglia

pirulik

picio tapeto, tipo quel per serar la camera d'aria de la bici

pirulichi quei fili de polver che cori per casa co se scova pertera

pisdrul / pizdrul

termine afetuoso per dir muleto picio, bambineto

pissiol / piziol ceci

pit?r

vaso per fiori e piante

pitima

chi se buta zo facile o chi taza l'anima 

pitocar domandar la carit?
pitoco spilorcio, ca?a

plaf?n

sofito, teto

plis

felpa

ploc'

pozanghera o poza de acqua e fango

plucia polmon

pluzer / plutzer /pfluzer

borsa de l'acqua calda

provianda provista, scorta

puina

ricota

pulto

pulpito o scrivania

torna all'inizio

 

Q

quartier

apartamento

torna all'inizio

 

R

rafa

sporco, sporcizia

rampigamuri mezo de trapa con mezo de vin bianco, solo per stomighi resistenti

ranf?r / rafar

gramp?r, rub?r

rangl? / rongl?

tipo de susina, prugna

rasp?r

levigar ma anche rubar

ratapalz

randel

remenar

cior in giro, cior pe'l cul

remenela

persona che ghe 'sai piasi cior in giro, che ghe piasi remenar

remitur

confusion, situazion de gran casin o posto con gran casin

vien dal francese "demi tur" che iera un comando ai soldai che con tute le sciabole a agegi vari che i gaveva indosso te pol ben capir che casin i fazeva dovendo far mezo giro su se stessi.

renga aringa
repete de novo

ribaltavapori

un tipo de pesse 'sai picio, in italian "linguelle"

rochel

rocheto del fil che se usa per cusir

rochete foghi de artificio

rodoleto

tipo un picio tramezin de prossuto, in pratica una feta de pan con una o due fette de prosudo sora

rodoleto de limpida

bicerin de trapa serv? nel tipico bicer tondo de la trapa

rosignol

usignolo

ruc' spinta
ruc?r sburtar

rucsac / rusac / russac

zaino

torna all'inizio

 

S

saiba

rondela de fero col buso che se usa per meter soto la vida prima de strenzerla col dado

(un simpatico modo de dir xe "el se ga meso la saiba al dito" per dir "el se ga spos?")

sacheto

giaca

saliscendi

ascensor

sariandola

lucertola

sanza

colina

sbafada

magnada de gusto

sbrindolo

el toco de spago che vanza del gropo

sbriso

trasand?

sbregabalon 'sai forte, potente (come un tiro tanto forte de sbregar el balon)

sbrodigar

pastrociar

sbrodighez

pastrocio

sbrov?

scot?

sbrufador

quel per bagnar i fiori e le piante

sbruma

paston de pan e teste de pesse che se buta in mar per atirar el pese

sburto

sporto de la finestra

scafa

lavand?n de la cusina, acquaio

se usa dir che un g? una scafa quando el g? una boca 'sai grande

scag?t

scagarela

scavezz?

roto, storto

schinco

stinco

s'cinca

bilia, baleta de circa 1cm de diametro in vetro o teracota che servi per giogar a s'cinche (a bobi). No se sa perch? ma vol dir anche bala (v.), dura (v.)

una s'cinca e un boton = un bianco e un nero

do s'cinche e un boton = un pugno de mosche

s'ciopauca

ciap?n

scroc

seradura

scufia

bareta, cufia

scuria

frusta

sghiribiz / schiribiz

pastrocio, scarabocio ma anche idea

selegato

passeroto

s?leno

sedano

s?sola

quel cuciar ampio per tirar fora de i sachi i bisi, i fasoi, ecc.

sfoio

giornal

sgarar

sbaliar

sgnanfo

persona che parla co'l naso, con vose nasale

siba

stecheto de lagno, rameto, bacheta

ogi nel parlar se usa dir "tirar una siba" per dir de un tiro 'sai forte

sifon

acqua frizante, selz

sina

rotaia

sinter

acalapiacani

(famoso el toco de la canz?n de "Teresute" che fa: "...iera el sinter de Gropada...")

sisola

giugiola

slaif 

fren
o anche roba de poco valor
o anche dona de facili costumi

slavazon

acquazon

slepa

oltre che sberla e grossa feta de qualcosa (tipo slepa de pan), significa anche spigheta

sligoviz

aquavite de prugne

slonz

quantit? indistinta de roba liquida

sluc

sorso

smir

grasso

smonarse

anoiarse

sof?r / saf?r

autista (v.anche cucer)

sopressar

stirar

sortir

andar fora, uscir

spacher / sparcher

cusina economica, fogol?r

spagnoleto

sigareta, cica

spetime-un-poco

zolfanei

spoianeg?

disper?

spriz

vin e sifon (acqua frizante)

squasi

quasi

stagnaco

secio

stagno

che no perdi acqua, infati el stagnaco xe stagno

staufer

fero pe'l camineto

stifel

quel grande bicer per la bira a forma de stival

stifelpuzer

lustrascarpe

straco

stanco

strafanic

agegio inutile e malconcio

deriva da "extra fanicula" cio? ex voto che i impicava fora dei templi scriti su stofa che con el maltempo te pol ben imaginar come i diventava

stramazo

materasso

strambizar

far o dir strambezi, far stramberie

strauss

persona ridicola e vestida mal, persona balorda

strazacavei

in pratica xe el fruto de una pianta che in italian se ciama lappola e ghe xe sta da sto nome perch? essendo picio e spinoso el se incastra facile tra i cavei dei fioi intenti a rodolarse per le campagne

strofal

persona senza educazion

stropacui

un tipo de bacca rossa e selvadiga

stropolo

tapo

ghe se disi stropolo anche a un fio picio o a una bestiuza

strop?n

grosso tapo

strucar

fracar o intortolar finch? no vien fora el liquido

anche trasl? in acezion fiscale

strussiar

lavorar duro

stufadiz

persona che ste stufa 'sai facile

persona noiosa

stupini

bigodini fati de foie de panocia

subioto

fis'cioto

anche un tipo de pasta curta

suf / zuf 

missi?t de late e farina

se usa dir "te ga fato tuto un suf" per dir "te ga fato un gran casin, un misi?t"

suro

sughero

suster

caligh?r, calzolaio

torna all'inizio

 

T

tab?ro

capoto

far tabaro: gaver l'aspeto de malado

taiar tabari: sparlar

picatabari: picar?n

tacomaco

persona tacadiza e noiosa

opur adesivo o ceroto

opur grosso stema (tipo i tacomachi che ga i generai su la divisa)

talp?n

piopo (albero)

se disi talp?n a una persona senza grazia e con poca delicateza

tam?so

setacio

tampagno el dado per la vida

tarilis / tarliss

tela de jeans (braghe de tarlis = braghe jeans)

taz?

el pesto (oltre al sigificato de taiuzz?)

tazadora

impasto de prezemolo, aio e lardo

anche dentiera

tazar

far a tochetini pici pici

tazar l'anima: ativit? squisitamente muliebre che de solito comincia subito dopo el matrimonio (e zerte volte anche un poco prima) e po' va avanti, avanti, avanti...

tel?r telai de porte e finestre

tira-mola

noioso andirivien

goma de mastigar, chewing-gum

tocio

sugo

togna / tonia lenza per pescar a man

tontonar

dir e ridir sempre la stesa roba

torziolo / torziolon

persona che va sempre in giro, che va sempre torzio apunto

tranvai

tram ( v.servizio )

traversa

grembiul

trench / drench

impermeabile (el vestito)

tresso

traverso

toco de legno messo de "traverso" per tignir pi? rigidi e driti altri due tochi paraleli ossia el tresso xe quel toco orizontale tra le gambe dela carega dove de solito se usa pozar el p?e

xe famoso el modo de dir "me xe 'nd? per tresso" quando el magnar xe 'nd? de traverso

tripa in piato: stomigo de manzo o vaca che se compagna sai ben col teran. Dopo: stomigo e sotostomigo del omo de meza et?, che se compagna sai ben col morbo del agnel

trombini

stivai de goma per la piova

troso

sentiero de campagna

tubili

persona stupidina e vanesia nel stesso momento

tulul?

sempio

tumbano sempio, tand?l, ignorante

tuss

inchiostro de china

torna all'inizio

 

U

?a

uva

ugnolo

singolo

torna all'inizio

 

V

ver?l

leteralmente xe el porz?l ma se lo usa per persona stupida

xe el diminutivo de viru o v?ru che in ladin vol dir porco

vaneza / vanesa

aiuola o toco de tera lavorada, manegio

venderigola

boteghera de fruti e verdura ( v.servizio )

visav?

difronte

viz batuda de spirito

voliga

rede a saco per tirar su i pesi

torna all'inizio

 

Z

zacagn?

rovinado, strapazado, sbatudo

zamp?n

mancin, persona mancina

zavai

grande confusion (da qua nassi anche la parola zavai?n)

zentinere

centinaia

zibiba

uva passa

zigala

cicala

zigal?n

che ziga sempre

opur i colori zigal?ni xe i colori forti che atira l'atenzi?n

zima

cima (z dura de zurlo)

zima

fredo (z dolce de zio)

zimise

simise, cimice

zinzolar

dindolar, ciondolar

zoco

toco de legno (famoso el deto "duro come un zoco")

zufol? / zufolado

spetinado

zurlo

cuss? vigniva ciamada una volta la trotola e 'sto termine se usa anche per dir de un che xe sempio

 

torna all'inizio

rieste.net

 




| Home | Lista in italiano |