| Home Istria | Foto di Trieste |



 


Sanvincenti (Svetvinčenat)


(foto e servizio di Massimo Barbo)




 

Il paese di Sanvincenti sorge su un altipiano in un punto equidistante tra il Canale di Leme ed il Canale d'Arsa ad una trentina di chilometri da Rovigno, dove tra il IX ed il X secolo dei monaci benedettini fondarono un'abazia dedicata a San Vincenzo. Questa zona, anticamente occupata da castellieri sparsi abitati dagli Istri dediti prevalentemente alla pastorizia, era a cavallo dell'anno Mille una terra deserta rimasta tale in seguito alle devastazioni inflitte dalle incursioni barbariche.

L'ampio quanto brullo territorio sottoposto a pascolo e a colture da parte dei monaci, fu nei secoli conteso tra il vescovado di Parenzo ed i Patriarchi di Aquileia ma essendo anche molto isolato e difficilmente difendibile, il territorio fu affidato alla protezione di nobili famiglie istrovenete, prime fra tutti i Sergi di Pola ed in seguito, tra gli altri, ai Castropola, ai Morosini ed ai Grimani. Proprio al conte Marino Grimani che and˛ in sposo a Morosina Morosini, si deve l'edificazione dell'attuale castello, avvenuta dopo l'incendio del 1586 di quello precedente edificato nel 1329 dopo la distruzione della centenaria abazia benedettina. I Grimani riuscirono a difendere il castello nella guerra contro gli Uscocchi e dall'assedio inflitto dall'esercito austriaco e fu opera loro il tentativo di ripopolare le terre devastate da queste guerre agevolando l'insediamento di nuove genti provenienti dal trevigiano oltre che da genti slave in fuga dalla Dalmazia occupata dai Turchi. La peste del 1630 provoc˛ una nuova devastazione di contadini che Venezia compens˛ con l'immigrazione di ulteriore gente di lingua slava proveniente dai Balcani.

Con la caduta della Serenissima, la zona di Sanvincenti pass˛ al dominio Asburgico, quindi al Regno d'Italia dopo la prima guerra mondiale ed al termine della seconda guerra mondiale entr˛ a far parte della Jugoslavia. Oggi il territorio, che fa parte della Repubblica di Croazia, Ŕ una zona centrale sulla carta geografica dell'Istria ma rimane periferica come un tempo rispetto alle principali strade di collegamento. La cittadina merita una deviazione dalla rotta per le vacanze sia per i suoi innumerevoli tratti storici come il maestoso castello, la piazza con loggia veneta e cisterna comunale, la chiesa monumentale e le piccole chiesette quattrocentesche, sia per le offerte gastronomiche tra le quali si annovera anche una tenace produzione di birra. (*)





  

Il Castello dei Grimani (1586):




Chiesa di Santa Maria dell'Annunziata (XVI sec.)

Chiesa di San Rocco
(XV sec.)

Chiesa di Sant'Antonio Abate (XV sec.)



La piazza del Castello con la loggia veneta e la cisterna comunale:



Scorci:






Bibliografia:

- Dario Alberi, "Istria, storia, arte, cultura", Lint Editoriale Trieste


 



(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilitÓ per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilitÓ viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.

 





 



| Home Istria | Foto di Trieste |