Trieste amarcord

raccolta de robe vece de Trieste

In questa pagina metemo i ricordi
de Trieste come che la iera fin qualche ano fa
Te ga anche ti qualche ricordo cocolo?
se te fa piazer mandimelo a info@tuttotrieste.net

Marcon, el storico negozio de bici, ga serà l’atività al 31 dicembre 2018 ma ve gavè mai accorto che xe ancora le tracce del primo storico negozio in via Pietà davanti l’ex pronto soccorso?


Grandi lavori de demolizion per costruir un novo supermercato in zona ippodromo e xe cussì che sul fianco de una casa fa la sua comparsa una vecia storica scritta

FABBRICA MOBILI ZERIAL

Ma giusto el tempo de rivar a far la foto che l’edificio xe sta demolido.
Al suo posto la rampa del parchegio del supermercato.


In tela sala de atesa de un studio medico fa bela mostra de se questa stupenda vecia bilancia che no iera strano trovar in giro una volta e che se no te ghe metevi le 50 Lire no la te diseva quanto te pesavi


Par una foto scatada sul finir dei anni Otanta con una Zastava 101 targada PU che sta per rivar in Piaza Garibaldi e una Vespeta che ghe va drio.
E inveze no! Xe una foto de adesso (primavera 2018) con due veicoli veci o storici o ancora meio vintage che ricorda la Trieste de quasi trenta anni prima.

Grazie a Euro
che casualmente iera drio de lori con un scooter e un cellulare che nei anni Otanta gnanche no se podeva imaginarseli


Un tuffo nel passato quando a Barcola se andava anche per balar


Chi se ricorda quele pice corierete verdi dopo piturade de arancio che le se fracava su per le strete stradine de Trieste e provincia?
La 33 per Campanelle, la 41 per San Giuseppe, la 3 per Conconel, la 30 per San Vito, la 38 per Monteradio.


Chi se ricorda della vecia Piscina Bianchi?
Clicca sulla foto e guarda el servizio


Chi se ricorda della vecia Caserma dei Pompieri in Largo Niccolini?
Clicca sulla foto e guarda el servizio


Chi se ricorda del vecio ponte de Cattinara?
Clicca sulla foto e guarda el servizio


Con un poca de nostalgia ricordemo quando Trieste gaveva le sue banche, intendo dir banche che gaveva el nome de Trieste e la sede a Trieste, prima che no so e no voio saver quai motivi de globalizazion, integrazion, razionalizazion, ga fato sparir le nostre alabarde


Un cocolo vecio pulmin che probabilmente no esisti più che ne ricorda una GRANDE SQUADRA de balon che, purtropo, gnanche quela no esisti più.

foto scatada de Lorenzo el Brivez nei ani Setanta


…quando iera una grande botega che se ciamava
Magazzini Gerbini
e quando ancora le boteghe fazeva gadgets per regalarghe ai clienti


Un belissimo calice con l’alabarda e la scrita
W S.GIUSTO
( grazie a Roberto Zolia)


Xe stà un tufo nel passato veder stò telefono in atrio del Teatro Silvio Pellico in via Ananian, iera ani che no vedevo un toco cussì storico ancora in funzion, dotado tra l’altro del lucheto su la riodela dei numeri:


Una volta tuti i ufici le gaveva, iera le calcolatrici meccaniche e le se ciamava COMPTOMETER

Un bravo comptometrista la sa doprar con due mani e pol far le some più svelto de un bravo impiegato che sa doprar una normale calcolatrice. Per far i conti con la Comptometer no coreva doprar el zero, el tasto con la virgola e gnanche i tasti del più e del volte, quindi se podeva far tante più operazioni nel stesso tempo che se ghe ne fa con una calcolatrice.
Grazie a Euro per le foto de stò suo cimelio


Una vecia ricevuta sbiadida per ricordarse quando nel lontan 1999 se comprava el Nokia 5110 che, oltre a poder telefonar, gaveva anche el zogheto “snake” e per ricordar che iera una cadena de negozi sparpaiai per la zità che se ciamava “Universaltecnica”


El famoso ingegner e esplorator svizero Jacques Piccard el ga volesto vignir proprio a Trieste per realizar el suo modernissimo e rivoluzionario batiscafo che’l lo ga ciamà proprio Trieste.
Co’l Trieste el xe pò ‘ndà el 26 genaio 1968 fin sul fondo de la Fossa de le Marianne a 10.916 metri de profondità. L’imersion ga durà 5 ore e el batiscafo ga restà fermo sul fondo per 20 minuti.

Insoma el nome de Trieste no va solo in alto ma xe, ancora ogi, l’unico nome de una zità a esser ‘ndà cussì in fondo.

Una curiosità: la famosissima serie “Star Trek The Next Generetion” ga per capitan de la mitica astronave U.S.S. Enterprise el Capitano Jean-Luc Picard (interpretà de l’ator Patrick Stewart) che el produtor fa esser un discendente del famoso esplorator triestin de adozion e in tel episodio 15 de la prima stagion vien fora che el Comandante Data ga fato istruzion su la astronave scola U.S.S. Trieste.
Insoma anche in tel futuro più fantascientifico Trieste xe sempre più in alto.


Un picio bloco notes trovado per caso in t’un vecio cassetin, la carta un poco ingialida ricorda i fasti e le glorie de questa vecia industria triestina che purtropo a Trieste ga lassà solo el ricordo.


Purtropo el mio povero vecio televisor a tubo catodico ga cedù dopo 15 ani de onorato servizio per lassarghe el posto a un novo schermo piato LCD, ma nel tramacar el vecio catafalco me casca l’ocio sua targheta de fabrica dove noto una scrita oramai introvabile:
MADE IN AUSTRIA
‘bituai a veder solo scrito “made in china” o “made in taiwan” xe stà un vero tufo al cuor!


“Euclide Turba” era lo Yacht dell’Imperatore Francesco Giuseppe d’Austria

Rimase come preda bellica all’Italia nel 1918, e fu assegnato alla “Regia Guardia di Finanza” di Trieste. Il nome precedente era “Zara”. Con quel battello mio padre (che era Comandante della Legione della Guardia di Finanza) compiva le ispezioni in tutta l’Istria e arcipelago Dalmato, arrivando quasi in Albania.

Più volte (anni ’40 – ’43) sono andato anch’io e mi divertivo moltissimo. Sul battello veniva imbarcata anche la macchina, una Fiat “Ardita 2000”, che serviva per le visite a terra.

Qualche giorno dopo l’8 settembre 1943 (il 10 o l’11), il pilota Pierino Colavincenzo da Castel di Sangro, salpò in direzione di Bari cercando di imbarcare tutti coloro che volevano scappare dalla prigionia (in molti non ce la fecero e furono fucilati presso la stazione di Campo Marzio)ma all’altezza di Ancona l’imbarcazione incappò in una mina e, cononostante, riuscì a raggiungere il capoluogo pugliese navigando inclinata ed imbarcando acqua. Fu poi restaurata e ritornò in dotazione alla Guardia di Finanza Mare.

Ritrovai la nave negli anni Sessanta a Gaeta presso la Scuola Nautica della Guardia di Finanza Mare e, col permesso del Comandante, potei salirvi a bordo e ritrovare bellissimi ricordi.

Si attraccava nei porti più importanti. Abitavamo in via Ghega n. 4 e mai più, come in quegli anni, ho vissuto, anche se in piena guerra e con la fame che c’era, momenti altrettanto felici che mi hanno lasciato una profonda traccia di Trieste nell’animo.

GRAZIE ad Alessandro Fiocca per questa bellissima testimonianza


Dario, sbisiganto pei cassetini, ga trovado la tessera de la rete anuale de le coriere de l’Acegat, ano domini 1972

Grande Dario!


Eco un altro ricordo de quando Trieste iera una nazion europea, con la bandiera alabardata che spicca tra le altre bandiere dei paesi europei


In t’un cassetin, Giuliano ga trovà fora bilieti, tessere e reti dela ACT de più de qualche ano fa!


In t’un cassetin, Giuliano ga trovà fora bilieti, tessere e reti dela ACT de più de qualche ano fa!


In tela vetrineta de legno dove nona tigniva cichere e cicherete, vasi e vaseti, xe saltà fora stò bicer:


In tel cassetin dei ricordi, gavemo trovado sto vecio portaciave in bronzo che la Italsider de Trieste ghe regalava ai sui dipendenti per gratificarli del lavor fato in fabrica


Nel 1949 si svolse a Parigi la Grande Conferenza internazionale per la Ricostruzione dell’Europa e in quell’occasione fu emessa una cartolina ricordo che riproduceva tutte le bandiere degli stati europei. Fra queste, al pari delle altre, figurava anche la nostra bandiera rosso-alabardata in virtù dell’allora esistenza del Territorio Libero di Trieste, stato indipendente nato dal Trattato di pace del 1947. Da una ricerca abbiamo scoperto che nel periodo nel quale il T.L.T. formalmente esistette (1947-1954) la bandiera rosso-alabardata assunse il valore di bandiera nazionale e in suo onore veniva sempre suonato l’ Inno a San Giusto quale inno nazionale ufficiale.

Ecco anche un cartellone pubblicitario del piano Marshall
(foto inviata da Maureto)


Era l’agosto del 1972 quando fu perpetrato un attentato a due serbatoi di stocaggio del gasdotto in zona industriale.
Questa è la foto conservata ancora oggi da Enrico (noto anche come Riki Malva) che da Piazza Ospitale immortalò il fungo scaturito dall’esplosione.

rubrica a cura de Massimo per TuttoTrieste.net

I commenti sono chiusi.