WARTBURG

AWE – AUTOMOBILWERK EISENACH

L’azienda originaria fu fondata il 3 dicembre 1896 nella città di Eisenach con il nome di Fahrzeugfabrik Eisenach (FFE) dall’imprenditore tedesco Heinrich Ehrhardt per la produzione di biciclette e pistole. Nel 1898 Erhardt acquistò dalla Decauville i diritti per la produzione di un’autovettura che fu presentata al salone di Dusseldorf già nello stesso 1898 con il nome di Wartburg in onore del noto e vicino castello medievale della Turingia.

Con l’uscita dalla società della famiglia Erhardt, l’azienda assunse il nome di Dixi nel 1904 e durante il periodo della prima guerra mondiale dovette convertire gli impianti alla produzione di mezzi bellici. Nel primo dopoguerra la società si fuse con la Gothaer Waggonfabrik acquistando dalla Austin la licenza per produrre il modello Seven. Nel 1928 la Dixi fu acquistata dalla BMW, che fino ad allora si occupava di produrre motociclette e motori aeronautici, cambiandone il nome in Eisenacher Automobilwerke ed iniziando così la produzione di vetture con marchio BMW. Il secondo conflitto mondiale danneggiò gravemente Eisenach che con la nascita della DDR la fabbrica fu nazionalizzata e ribattezzata in “Sowjetische AG Maschinenbau Awtowelo, Werk BMW Eisenach” e fu ripresa la produzione di alcuni modelli BMW degli anni trenta. Nel 1952 divenne la EMW ossia Eisenacher Motoren Werk ma già nel 1953 la ragione sociale fu trasformata in AWE ossia Automobilwerk Eisenach società proprietaria del marchio Wartburg che sarà l’unico nome a comparire sui modelli di vetture prodotte.

Nel 1955 iniziò la produzione della Wartburg 311 alla quale seguì la 312 e la 313 fino al 1966 quando fu introdotta la Wartburg 353, l’automobile diventata lo stereotipo della ex DDR al fianco della Trabant. La 353 fu messa in circolazione nelle versioni Limousine (berlina quattro porte) e dal 1967 nella versione Tourist o Kombi (famigliare 5 porte) con una capacità di bagagliaio di 1800 litri che, ancora oggi, la pongono tra le station wagon del segmento C più capienti. Successivamente fu prodotta anche la 353 Trans ossia una versione pick-up disponibile con telone o cassone chiuso supplementare. Questi modelli rimasero in produzione fino al 1989 praticamente senza alcuna modifica o alcun aggiornamento sostanziale. La vettura montava un motore a due tempi raffreddato ad aria e solo nel 1988 iniziò la produzione di un modello dotato di motore a quattro tempi di derivazione Volkswagen.

La produzione della Wartburg cessò nel 1991, la fabbrica fu quasi del tutto smantellata, fu conservata solo una parte di essa da dedicare a museo storico mentre operai ed impiegati furono integrati nella vicina fabbrica della Opel. (*)

Massimo Barbo – TuttoTrieste.net

Galleria foto:

Wartburg 353 W del 1986 – Deutsches Museum, Monaco di Baviera (Germania):

Wartburg 1.3 S (1991) – Budapest (Ungheria) :

MARCHE AUTO (storia e foto):

ABARTHAECAERMACCHIALFA ROMEOALPINEASQUITHASTON MARTINAUDIAUSTINAUSTIN-HEALEYAUTOBIANCHIAUTOMIRAGEAUTO UNIONAUTOVAZAUTOZODIACOAWEAWZ

BALDIBENELLIBENTLEYBMCBMWBUGATTIBUICK

CADILLACCAPCATERHAMCHEVROLETCHRYSLERCISITALIACITROEN

DACIADAEWOODAFDAIHATSUDALLARADARRAQDATSUNDeDION BOUTONDELTA MOTORSDE TOMASODINODKWDODGEDUNE BUGGY

EMPOLINIEMW

FERRARIFERVESFIATFISSOREFORDFRANCIS LOMBARDIFSMFSO

GAZGIANNINIGLASGMCGOGGOMOBILGRAHAM PAIGE

HARLEY DAVIDSONHEINKELHOLDENHONDAHORCHHUMMERHUSTLER

INNOCENTIISOISOTTA FRASCHINIIVECO

JAGUARJEEPJZR

KTM

LADA VAZLAMBORGHINILANCIALAND ROVERLAURIN_&_KLEMENTLAWILLDVLÉON BOLLÉELEYLANDLINCOLNLOTUS

MAHINDRAMASERATIMATRAMAYBACHMAZDAMcLARENMERCEDESMERCURYMESSERSCHMITTMGMINIMITSUBISHIMONDIALMORETTIMORGANMORRISMOTO BMOTO GUZZI

NISSANNSUNUFFIELD

OMOPEL

PAGANIPEUGEOTPIAGGIOPLYMOUTH POLSKI FIATPORSCHEPUCHPUMA

RELIANTRENAULTRAYTON FISSOREROLLS ROYCEROVER

SAABSANTANASAVIOSCANIASEATSHUANGHUANSIATASIMCASIMSONŠKODASMARTSSANGYONGSTDSTEYR-PUCHSUBARUSUNBEAM

TALBOTTAMTATATATRATOFAŞTOMOSTOYOTATRABANTTRIUMPH

UAZURAL

VOLGA GAZVOLKSWAGENVOLVO

WARTBURG

ZASTAVA

MODELLINI IN MINIATURA:

CADILLACCITROENDACIAFIATFERRARIGAZIZHJAGUARLADA VAZLAMBORGHINI LANCIANSU PRINZPORSCHERENAULTSIMCAŠKODATRABANTVOLGA GAZVAZVOLKSWAGENWARTBURGZASTAVA

GIOCATTOLI

FIAT 500VOLKSWAGEN

AUTO A PEDALI

FIAT 500MOSKVICH

(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all’uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall’accesso, dall’interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.

I commenti sono chiusi.