PLYMOUTH

La Plymouth fu fondata nel 1928 dalla Chrysler per immettere sul mercato la classe di vetture a basso costo (kiw cist). Il marchio divenne ben presto, assieme a Chevrolet e Ford, uno dei tre marchi più venduti negli USA.

Nel 1960 iniziò la collaborazione con la Dodge ma nel 2001 la casa madre decise di dismettere il marchio con l’ultimo modello prodotto, la Plymouth Neon, cugina dell’omonima vettura con marchio Chrysler. (*)

Plymouth Savoy Sedan (1957) – 3770 cc 132 hp
Fiera di Padova 2014 – Foto Massimo

MARCHE AUTO (storia e foto):

ABARTHAECAERMACCHIALFA ROMEOALPINEASQUITHASTON MARTINAUDIAUSTINAUSTIN-HEALEYAUTOBIANCHIAUTOMIRAGEAUTO UNIONAUTOVAZAUTOZODIACOAWEAWZ

BALDIBENELLIBENTLEYBMCBMWBUGATTIBUICK

CADILLACCAPCATERHAMCHEVROLETCHRYSLERCISITALIACITROEN

DACIADAEWOODAFDAIHATSUDALLARADARRAQDATSUNDeDION BOUTONDELTA MOTORSDE TOMASODINODKWDODGEDUNE BUGGY

EMPOLINIEMW

FERRARIFERVESFIATFISSOREFORDFRANCIS LOMBARDIFSMFSO

GAZGIANNINIGLASGMCGOGGOMOBILGRAHAM PAIGE

HARLEY DAVIDSONHEINKELHOLDENHONDAHORCHHUMMERHUSTLER

INNOCENTIISOISOTTA FRASCHINIIVECO

JAGUARJEEPJZR

KTM

LADA VAZLAMBORGHINILANCIALAND ROVERLAURIN_&_KLEMENTLAWILLDVLÉON BOLLÉELEYLANDLINCOLNLOTUS

MAHINDRAMASERATIMATRAMAYBACHMAZDAMcLARENMERCEDESMERCURYMESSERSCHMITTMGMINIMITSUBISHIMONDIALMORETTIMORGANMORRISMOTO BMOTO GUZZI

NISSANNSUNUFFIELD

OMOPEL

PAGANIPEUGEOTPIAGGIOPLYMOUTH POLSKI FIATPORSCHEPUCHPUMA

RELIANTRENAULTRAYTON FISSOREROLLS ROYCEROVER

SAABSANTANASAVIOSCANIASEATSHUANGHUANSIATASIMCASIMSONŠKODASMARTSSANGYONGSTDSTEYR-PUCHSUBARUSUNBEAM

TALBOTTAMTATATATRATOFAŞTOMOSTOYOTATRABANTTRIUMPH

UAZURAL

VOLGA GAZVOLKSWAGENVOLVO

WARTBURG

ZASTAVA

MODELLINI IN MINIATURA:

CADILLACCITROENDACIAFIATFERRARIGAZIZHJAGUARLADA VAZLAMBORGHINI LANCIANSU PRINZPORSCHERENAULTSIMCAŠKODATRABANTVOLGA GAZVAZVOLKSWAGENWARTBURGZASTAVA

GIOCATTOLI

FIAT 500VOLKSWAGEN

AUTO A PEDALI

FIAT 500MOSKVICH

(*) Pur compiendo ogni ragionevole sforzo per assicurare che i materiali ed i contenuti pubblicati nel presente sito siano attentamente vagliati ed elaborati con cura, errori, inesattezze ed omissioni sono tuttavia possibili. Si declina pertanto qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti nel sito. Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto esposto su questo sito ed all’uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall’accesso, dall’interconnessione, dallo scarico di materiali da questo sito. Leggi il disclaimer completo.

I commenti sono chiusi.